Arriva dalla geotermia il 18% dell’effettiva produzione netta di Enel Green Power

Una performance d’eccellenza, a fronte di un 8% di capacità installata netta. Per l’Italia, la realtà di punta rimane la Toscana

[19 febbraio 2016]

larderello geotermia

“Il 2015 è stato un anno di ulteriore espansione per Enel Green Power che ha confermato la sua posizione di leader nel mercato delle rinnovabili. Abbiamo dimostrato la nostra abilità di accelerare la crescita, con 1,5GW di capacità aggiuntiva”. È quanto dichiarato da Francesco Venturini, amministratore delegato e direttore generale di Enel Green Power, durante il cda che ha recentemente esaminato i risultati consolidati preliminari dell’esercizio 2015, e durante il quale è emerso che i ricavi totali del Gruppo ammontano nel 2015 a 3,0 miliardi di euro, in linea con quanto realizzato nell’esercizio 2014.

In particolare, la capacità installata netta del Gruppo alla fine del 2015 è pari complessivamente a 10,5 GW, mentre la produzione netta registrata nel 2015 è stata pari a 33,6 TWh. È interessante notare come, nonostante le centrali geotermiche rappresentino “solo” l’8% della capacità installata netta di Enel Green Power (0,8 GW), da queste derivi ben il 18% dell’effettiva produzione netta (6,2 TWh).

Un risultato che conferma l’ottima performance conquistata dalla geotermia, campo nel quale la Toscana continua ad essere la punta di diamante in Italia. Le 34 centrali geotermiche di Enel Green Power in Italia, per un totale di 37 gruppi di produzione tra le province di Pisa, Siena  e Grosseto, nel 2015 hanno prodotto 5.820 GWh, il dato più alto di sempre negli oltre cento anni di storia della geotermia toscana.