Bando “Terre di Siena Creative”: progetti su ambiente, Ict, agricoltura

[11 settembre 2013]

Sono 8 progetti i progetti selezionati alla prima scadenza della seconda edizione del bando “Terre di Siena Creative”, promosso dalla provincia di Siena in collaborazione con Apea e Camera di Commercio (sostenuto da ChiantiBanca), tra cui alcuni che riguardano ambiente ed innovazione tecnologica.

«La partecipazione di tanti giovani alla seconda edizione di Terre di Siena Creative – ha dichiarato il presidente della provincia, Simone Bezzini – consolida un’iniziativa avviata con successo fin dalla prima edizione e dimostra che c’è una parte significativa del territorio senese che sta reagendo alla crisi e che è pronta a misurarsi con idee innovative e a trasformarle in nuove imprese. Il nostro tessuto economico e imprenditoriale ha tutte le potenzialità per uscire dal difficile momento attuale e può farlo puntando, in particolare, su innovazione e creatività. Le energie che vogliono misurarsi con nuove sfide e con la costruzione di nuove imprese vanno sostenute con forza e la provincia di Siena è pronta a fare la sua parte».

Tra gli 8 progetti selezionati, il primo posto e i relativi 32mila euro stanziati sono stati conquistati da Chiara Fedele con Brain Control, progetto di sviluppo della tecnologia Brain Computer Interface per superare disabilità fisiche e migliorare la comunicazione di persone affette da malattie neuromuscolari degenerative.

A Francesco Orsini, con il progetto Bears (Biomass energy and resources), servizi integrati per la produzione decentralizzata di energie rinnovabili da biomassa basata su criteri di sostenibilità ambientale, è andato il secondo posto, con il premio di 26mila euro.

Sul podio anche Alessio Cucini, con il progetto Blue-UP che si è aggiudicato 21mila euro per l’utilizzo di tecnologie innovative per abilitare nuove forme di interazione fra utente e ambiente. Al quarto posto, con un contributo di 17mila euro, si è classificato Federico Nonni che ha brevettato Magnetic Air Jump, ostacoli per sport equestri pensati per ridurre al minimo i rischi per i cavalli, mentre 14mila euro sono stati vinti da Sara Ermini con il progetto Hybrid SpacEx, piattaforma web e mobile di creazione, sviluppo e condivisione di itinerari turistici tematici.

Infine, 10mila euro sono andati rispettivamente a Donatello Giallombardo per Jekò Health Club 2.0, nuova concezione di centro fitness e wellness; a Stefano Botto per il Birrificio San Gimignano a km 0 e a Daniele Bruttini con Social E-Democracy, piattaforma innovativa di cittadinanza digitale per favorire l’incontro tra le persone e la politica.

«Le numerose idee presentate da tanti giovani imprenditori o aspiranti tali – ha aggiunto l’assessore alle attività produttive della provincia di Siena, Tiziano Scarpelli – sono un segnale molto positivo e confermano il dinamismo del territorio senese, che ha tutte le potenzialità per rimettersi in moto. Siamo convinti, infatti, che la nascita e lo sviluppo di nuove imprese guidate da giovani e con idee in settori innovativi siano uno degli assi portanti per permettere al nostro sistema economico di uscire dalla crisi e di disegnare un nuovo sistema di impresa in provincia di Siena per i prossimi anni, dando risposte anche sul fronte occupazionale».

I progetti premiati oggi sono stati selezionati fra le 70 proposte avanzate da giovani in arrivo da tutta la provincia di Siena, dalla Toscana e anche da altre regioni. I ragazzi hanno partecipato al percorso formativo di 30 ore, traintostart, organizzato da Apea in collaborazione con la Fondazione Musei Senesi per tutti i partecipanti alla prima scadenza del bando Terre di Siena Creative, affrontando tematiche specifiche sull’avvio e la gestione d’impresa, quali strategie di start up, marketing, organizzazione e aspetti finanziari e fiscali.

I giovani hanno potuto partecipare anche al progetto StarTip (consigli per partire) con incontri strategici insieme a potenziali stakeholder per consigli, collaborazioni e occasioni di presentazione delle idee a soggetti potenzialmente interessati a investire. Al termine del percorso, i ragazzi hanno presentato il proprio business plan in base al quale la commissione tecnica ha selezionato gli otto vincitori.

«Come Apea abbiamo accompagnato questi ragazzi nel percorso che ha visto la loro idea trasformarsi in un potenziale business – ha dichiarato il presidente di Apea, Alessandro Fabbrini – Adesso è necessario che il sistema delle istituzioni e degli istituti di credito della città continui a sostenere questi ragazzi, che possono, con le loro idee, aiutare il nostro territorio a ripartire dalle eccellenze. Per questo sono felice del plafond messo a disposizione da Chianti Banca che, spero, potrà sostenere i progetti degli 8 vincitori, ma anche altri buoni progetti che sono stati presentati e che però, non abbiamo potuto premiare».

Alla seconda scadenza del bando, lo scorso 31 luglio, sono stati presentati ulteriori 74 progetti che saranno esaminati nelle prossime settimane: auelli che risulteranno formalmente idonei seguiranno lo stesso percorso suddetto.Complessivamente, la seconda edizione del bando “Terre di Siena Creative” ha visto, quindi, la presentazione di 144 idee innovative, arrivando a coinvolgere oltre 380 ragazzi e ragazze under 40 provenienti da parti diverse della provincia.