«Siamo di fronte a un paradosso in cui ci viene chiesto di decrescere mentre la nostra natura ci costringe a crescere»

Decrescita positiva. Philippe Starck: «Il capitalismo non è sostenibile per il futuro»

Il creatore e designer: «Diminuzione della produzione, ma aumento della creatività»

[8 ottobre 2018]

Quali  criteri deve rispettare un prodotto per essere davvero sostenibile? A cosa somiglieranno le abitazioni del futuro? Come dovrebbe cambiare la nostra economia per essere al servizio del benessere degli uomini e del pianeta? Il famoso creatore, architetto e designer Philippe Starck cerca di rispondere a queste domande in un’intervista a UN Environment nella quale illustra la sua visione per un futuro sostenibile. Starck ha supervisionato oltre 10.000 creazioni di mobili, creando un termostato intelligente, biciclette elettriche, case prefabbricate in legno ed edifici multipiano in Francia e in tutto il mondo. E’ un teorico del «fare di più con meno» e un inventore di oggetti ispirati alla  natura per migliorare la qualità della vita.

Ecco il testo completo della sua intervista pubblicata sul sito dell’United Nations envirnment programme (Unep) con il titolo “Le capitalisme n’est pas adapté à l’avenir, affirme le créateur et designer Philippe Starck”, nella quale esprime concetti che possono sembrare provocatori, non sempre condivisibili, ma che certamente stimolano una discussione intelligente sul nostro futuro e su quel che intendiamo per sostenibilità ambientale ed economica:

 

Come pensa che possiamo conciliare ecologia e cultura del consumo? Dovremmo semplicemente consumare di meno o consumare in modo diverso?

La differenza tra noi e gli altri animali è che siamo creatori. La nostra legittimità di esistere e coesistere con gli altri animali dipende da questo. Siamo dei geni, capaci di inventare perpetuamente. Tuttavia, oggi siamo in un momento cruciale e particolare. L’importanza o il peso della nostra creazione supererà il peso inerziale della terra sulla quale viviamo. La nostra intelligenza ha creato un mondo instabile che non siamo più in grado di guidare. La creazione dell’instabilità è stata più veloce del nostro know-how per gestirla. Sappiamo di avere dei problemi, ma finché il problema non inizia, non facciamo nulla. Il problema è il ritardo: il ritardo della consapevolezza e il ritardo nell’adottare azioni e soluzioni. Oggi, una soluzione per il nostro pianeta è risparmiare energia e un’altra è creare energia che non inquini. Sappiamo più o meno come risparmiare energia, ma non sappiamo davvero come produrre energia pulita. Tuttavia, una volta che abbiamo accumulato tutte le nostre invenzioni per risolvere il problema energetico, potremmo aver risolto solo il 15% del problema. La vera soluzione è quindi una sorta di decrescita. Attualmente, l’uomo pensa che sia necessario consumare, ma non è vero: è necessario solo avere ciò che è necessario. Non è necessaria una decrescita massiccia. Se tutti consumassero il 10% in meno, e non è uno sforzo enorme, forse molti problemi sarebbero risolti. Creare e costruire nel nostro DNA. Fermare la nostra creatività sarebbe filosoficamente e biologicamente inaccettabile. Quindi siamo di fronte a un paradosso in cui ci viene chiesto di decrescere mentre la nostra natura ci costringe a crescere. La soluzione è una “decrescita positiva”: una diminuzione della produzione, ma un aumento della creatività.

Quali sono i fattori più importanti nel concetto di “sostenibilità”, secondo lei: la durata di un prodotto o la sua capacità di ridurre il consumo di energia, ad esempio?

Prima di parlare di sostenibilità, si dovrebbe parlare della necessità. Non è interessante realizzare un prodotto sostenibile che non è necessario. Quindi la prima domanda da porsi non è “È sostenibile? Ma ne ho bisogno? “. Se rispondessimo a questa domanda onestamente e funzionalmente, penso che ridurremmo il consumo del 10%. Sostenibilità significa essere consapevoli e assumersi la responsabilità per la reale necessità di un prodotto. Un prodotto ha il diritto di esistere solo se rispetta diversi parametri. Dovrebbe utilizzare il minor numero possibile di materiali e consumare meno energia possibile durante la lavorazione. Questi materiali non devono essere inquinanti e dovrebbero essere riciclabili.  Anche il modo di produrre deve essere politicamente giusto, giusto dal punto di vista dell’uguaglianza di genere, e non portare simboli dannosi. Direi che oggi l’80% della produzione è machista: non appena un prodotto non è macho, non vende! Dobbiamo anche comprare ciò che è culturalmente sostenibile, vale a dire un oggetto con cui il consumatore vuole vivere. La sostenibilità è vitale, ma è molto difficile essere vigili perché le odierne operazioni di marketing e di pubblicità ci fanno acquistare cose di cui non abbiamo bisogno. L’esempio più perverso è quello dell’industria della moda, che cerca di mettersi fuori moda perpetuamente. Prima c’era una moda all’anno. Oggi ce ne sono divere e l’obiettivo è che proviamo un senso di disgusto per ciò che abbiamo. Questa è la cosa più vergognosa del sistema dei consumi.

Secondo lei, quali prodotti sostenibili potremmo vedere nelle nostre vite quotidiane entro uno, dieci o venticinque anni?

A breve termine, ci saranno persone istruite che decideranno e utilizzeranno sempre più prodotti di qualità sostenibili: prodotti alimentari, abbigliamento, ecc. Dall’altro lato, c’è la maggior parte dell’industria. Ci stiamo quindi spostando verso una separazione totale della società, verso due sistemi di consumo piuttosto diversi.

A lungo termine vedremo enormi cambiamenti. Penso che possiamo smaterializzare il 70% dei prodotti che esistono in casa nostra. Ad esempio, le nostre tende potrebbero essere sostituite da un vetro a cristalli liquidi e la nostra vernice potrebbe essere elettroluminescente. Non venderemo prodotti, ma prodotti con servizi già più o meno integrati. Nel frattempo, la proprietà scomparirà e molti prodotti verranno affittati. L’affittuario sarà responsabile della resa, mentre oggi il venditore non ha questa responsabilità. Non è un suo problema sapere se il prodotto è stato compostato o riciclato, se danneggia il clima o se è stato venduto in un Paese straniero. Vorrei anche evidenziare una cosa sul riciclaggio. È stato inventato solo per continuare la produzione. Ci dà l’illusione di consumare in buona coscienza. La realtà è che nei nostri prodotti ci sono meno del 20% di materiali che sono riciclabili, perché abbiamo bisogno di condizioni molto specifiche per farlo. Il riciclaggio è quindi una falsa soluzione. La trasformazione totale della nostra economia è forzata, poiché il degrado del nostro pianeta è molto più rapido del previsto. Una delle cause principali di questo è la continuazione del capitalismo, che è strutturalmente indirizzato verso la crescita e che richiede la produzione. Il problema è che non possiamo più produrre. Il capitalismo non è più il regime giusto per i problemi che si presentano ed è anche un pericolo per la Terra. Il capitalismo è regolarmente in fallimento, ma continuiamo a salvarlo ogni volta, con danni collaterali considerevoli. Il capitalismo non è adattato al futuro.

Quali materie prime privilegia quando progetta e crea oggetti?

Nonostante quello che si potrebbe pensare, preferisco usare materiali di sintesi. Questo è dovuto principalmente a una ragione filosofica. Non ho molto rispetto per le materie naturali perché non credo in Dio. E’ la natura che le ha create, ma non devono essere necessariamente ammirate, contrariamente ai materiali sintetici derivati ​​dal genio dell’uomo e che sono quasi tutti superiori ai materiali naturali. Preferisco lavorare con un produttore di alta qualità morale che usa plastica stampata invece di un produttore che uccide alberi. Per quanto riguarda la plastica, la maggior parte delle alternative biodegradabili sono a base vegetale: prodotti che gli uomini potrebbero mangiare. Per esempio, è fuori questione sacrificare qualcosa che potrebbe essere mangiato per fare una sedia. Anche se produciamo con alternative come la canapa o il lino, questo occupa superfici che potrebbero essere state dedicate al cibo.

La prossima Assemblea dell’Unep si concentrerà sull’innovazione ambientale. In che modo questo può proteggere il nostro ambiente migliorando allo stesso tempo la nostra salute e la nostra economia?

La creazione ambientale è una risposta estremamente parziale e ridotta ai problemi che affliggono il nostro pianeta. Anche se inquiniamo di meno, continuiamo a creare e produrre. D’altra parte, la decrescita positiva potrebbe aiutarci a vivere con un’impronta ecologica più leggera.

Lei è un appassionato di mare. E’ stato testimone dell’inquinamento che colpisce il nostro oceano? La creazione e le innovazioni tecnologiche hanno un posto nella lotta contro l’inquinamento?

Evidentemente, ho potuto vedere scene catastrofiche. Inoltre, recentemente ho ricevuto un messaggio dalla barca TARA che è in mare per controllare l’inquinamento, e questo va al di là di ogni stima. Sappiamo perché c’è questo inquinamento e dove sono le fonti di questi rifiuti, ma praticamente non facciamo nulla. Per quanto riguarda le barche che raccolgono i rifiuti di plastica, la scala è ridicolmente piccola per risolvere il problema e, in secondo luogo, non sono sufficientemente seguite dai governi. L’innovazione tecnologica ha un ruolo da svolgere, ma attualmente non è utilizzata su larga abbastanza grande.