In palio tre milioni di euro

Efficienza energetica e sostenibilità, per i comuni arrivano opportunità con il bando del Cnr

[5 luglio 2013]

Tre comuni italiani saranno selezionati per partecipare al nuovo progetto promosso dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) in collaborazione con l’Anci si basa sull’uso diffuso di fonti energetiche rinnovabili (e delle relative tecnologie per l’accumulo e la gestione dell’energia) e sull’utilizzo estensivo di tecnologie Ict per la gestione avanzata dei flussi energetici, tutto per muovere alla ricerca di soluzioni innovative per rendere le città sostenibili da un punto di vista energetico-ambientale.

In questo modo si cercherà di rendere i servizi della città energeticamente efficienti adattandoli alla domanda (favorendo quindi il risparmio energetico e l’uso razionale dell’energia) e alla disponibilità di energia da fonti rinnovabili, anche con il coinvolgimento consapevole dei cittadini.

I tre comuni selezionati per il bando emanato dal Cnr dovranno avere le seguenti caratteristiche: 1 comune capoluogo di Provincia o con popolazione superiore ai 100.000 abitanti all’interno del quale sia presente un centro storico dotato di monumenti di alta rilevanza storica e munito di almeno un museo pubblico da attrezzare con strumenti multimediali, nel quali studiare e sperimentare un insieme coordinato di servizi e soluzioni innovative improntate al turismo e alla valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale che la città possiede; 1 comune con popolazione non superiore ai 7.000 abitanti e con una rete di illuminazione pubblica compresa fra i 600 e i 1.200 lampioni dislocati su tutto il territorio comunale, con l’obiettivo di realizzare servizi di gestione del territorio mirati non solo all’efficientamento energetico, ma anche al miglioramento della vita dei cittadini, rendendola più sicura e piacevole; 1 comune, sia marittimo che montano, caratterizzato da un elevato impatto turistico, che necessiti della creazione di un sistema di rete a valore aggiunto in termini di accoglienza dei visitatori e assistenza durante la loro permanenza, in collaborazione con le strutture del sistema turistico coinvolte sul territorio.

Il Cnr, per ognuno dei tre comuni selezionati, effettuerà un investimento in tecnologie e strumentazione pari a circa 1 milione di euro. I Comuni interessati a partecipare alla sperimentazione possono inviare la propria domanda di partecipazione entro il 9 agosto 2013. Sul sito http://www.smartcities.cnr.it/ è possibile reperire ulteriori informazioni, inviare domande e scaricare allegati inerenti il bando.

Marco Conti, direttore del dipartimento “Ingegneria, Ict e tecnologie per energia e trasporti, e dirigente di ricerca dell’Istituto di informatica e telematica (Iit) del Cnr di Pisa spiega: “Il bando è promosso dal Cnr in collaborazione con l’Anci, il progetto intende studiare e sperimentare una serie di soluzioni innovative per rendere le città sostenibili grazie all’uso di fonti rinnovabili e alle tecnologie per la gestione avanzata dei flussi energetici che renderanno i servizi efficienti adattandoli alla domanda, favorendo il risparmio e l’uso razionale con il coinvolgimento consapevole dei cittadini”.

Domenico Laforenza, presidente dell’Area della ricerca del Cnr di Pisa aggiunge: “L’auspicio è che le città ed i comuni toscani partecipino al bando perché il contributo di un milione di euro per ogni città selezionata dal bando, è l’opportunità vera e concreta per dar corpo alle progettualità “smart” che spesso rimangono solo sulla carta. La smart city è sinonimo della qualità della vita per i cittadini, qualità che passa per i servizi erogati al cittadino con più efficienza”.

“Le città dovranno farsi carico esclusivamente delle spese di installazione di tecnologie e strumentazione, che saranno messe a disposizione dal Cnr in comodato d’uso gratuito grazie a un investimento di circa un milione di euro per ognuno dei tre comuni selezionati”, sottolinea il presidente del Cnr, Nicolais.