I risultati del nuovo sondaggio Ipsos

Elezioni Ue, sono in Italia gli elettori più preoccupati per clima e inquinamento atmosferico

Circa l’85% dei cittadini chiamati al voto ritiene importante che i partiti mettano le tematiche ambientali tra le loro priorità

[16 Aprile 2019]

L’Europarlamento è l’unica istituzione Ue i cui membri sono eletti direttamente dai cittadini, e tra il 23 e 26 maggio – la data che riguarda anche l’Italia – in 400 milioni saranno chiamati al voto per avviare la prossima legislatura: che posto avrà l’ambiente in queste elezioni cruciali? Secondo l’ultimo sondaggio Ipsos, finanziato dall’European climate foundation e condotto intervistando 22mila potenziali elettori di 11 Stati membri, le tematiche ambientali avranno un ruolo di primo piano – specialmente in Italia (dove sono stati intervistati 2mila potenziali elettori).

Come mostrano oggi i risultati del sondaggio, infatti, il 74% degli italiani intervistati in vista delle prossime elezioni ritiene “importante” o “molto importante” che il partito per il quale decideranno di votare metta tra le sue priorità la protezione contro gli eventi climatici estremi, percentuale che sale all’84% quando si parla di lotta ai cambiamenti climatici e agricoltura sostenibile, fino a toccare l’85% per proteggere ambiente, animali e natura o di ridurre l’inquinamento atmosferico.

In tutti i casi si tratta di percentuali maggiori rispetto a quelle registrate in media negli 11 Stati oggetto del sondaggio, e per quanto riguarda in particolare clima e inquinamento atmosferico nessun Paese più dell’Italia sottolinea l’urgenza politica di affrontare queste tematiche. Un’esigenza che in vista della tornata elettorale europea – e in controtendenza con altre autorevoli indagini in materia, che evidenziano l’attenzione delle fasce più giovani di popolazione – vede in prima fila i cittadini over 45 e soprattutto ultrasessantenni, che rappresentano una fetta numericamente determinante nell’elettorato italiano. Un capitale politico che però ancora non trova adeguata rappresentanza, almeno tra i principali partiti in campo, e sul quale sarebbe invece saggio – non solo politicamente conveniente – puntare per stendere il proprio programma in vista delle elezioni.