Festa dell’educazione ambientale a Grosseto

Economia circolare, buone pratiche e lotta alla plastica in mare e sulle coste

[29 maggio 2018]

Il 30 maggio, a partire dalla 16.30, a Grosseto dDoppio appuntamento con il mondo dei rifiuti con Legambiente e Comune di Grosseto nell’ambito della due giorni della Festa dell’educazione ambientale promossa dall’assessorato all’ambiente del Comune.

Legambiente porta nella sala contrattazione della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno il tema della “rigenerazione” dei rifiuti, della ricerca e dell’innovazione delle bioplastiche e l’emergenza ambientale della plastica in mare il cui peso si stima che nel 2050 supererà quello dei pesci.

Un appuntamento sentito dal Cigno Verde perché per la prima volta i temi dell’ambiente e dei rifiuti che vedono quotidianamente impegnata  Legambiente (come lo scorso fine settimana con le iniziative di Spiagge pulite) entrano nel centro cittadino e “occupano” piazze e vie con molteplici iniziative. Per questo Legambiente Grosseto  ha voluto portare la testimonianza di realtà nazionali impegnate nella ricerca e nell’economia circolare oltre ad invitare il nuovo presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani.

Si inizia alle 16.30 con “Economia circolare: i rifiuti per creare nuove opportunità per l’ambiente e i territori”.

Un incontro con la partecipazioni di due aziende nazionali, Ecopneus e Novamont, impegnate nella filiera delle materie seconde per conoscerne le tante opportunità, i positivi impatti ambientali e le economie.  Legambiente spiega che «Oggi infatti le materie seconde hanno raggiunto livelli di plasticità e applicazione che le rendono la soluzione più idonea per la riqualificazione di aree pubbliche e di spazi privati: dagli arredi urbani a campi polivalenti, passando per veicoli, per arrivare alle più moderne misure di insonorizzazione o riqualificazione acustica. Allo stesso tempo la ricerca sulle bio-plastiche ha portato alla moltiplicazione di oggetti compostabili e di uso comune che sta generando una “lenta rivoluzione” quotidiana per stili di vita sempre più sostenibili e che all’atto pratico concorrono a migliorare  livelli di raccolta differenziata e aumentare il conferimento organico».

Si continua alle 18,00 con l’incontro “Marine strategy: contro un mare di plastica” e la proiezione in esclusiva nell’ambito della campagna “Sky Un Mare da Salvare” il documentario di Sky News “The plastic whale – balena di plastica” che testimonia gli effetti dei rifiuti marini su questi giganti del mare.

Legambiente è tra i soggetti nazionali accreditati per il monitoraggio “Marine strategy” che verifica scientificamente la presenza delle microplastiche in mare e lungo i nostri litorali e sottolinea che « Questo incontro vuole partire dalla dimensione locale per poi arrivare alla dimensione internazionale per comprendere la gravità dei rifiuti in mare e il loro impatto sulla biodiversità e soprattutto sulla fauna marina».