Gli Oscar dell’ecoturismo 2018 a quattro strutture ricettive toscane

Premiato anche il Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna

[30 novembre 2017]

Legambiente Turismo e Vivilitalia hanno assegnato alla Buy Tourism Online (BTO) di Firenze gli  Oscar dell’ecoturismo 2018 alle  eccellenze in campo turistico: alberghi, hotel, stabilimenti balneari, agriturismi, parchi e aree protette che si sono messe in luce grazie alle migliori soluzioni di ecosostenibilità e pratiche innovative in tutta Italia. Tra le 15 eccellenze italiane ci sono 4 le strutture turistiche ricettive toscan: Bagno Imperiale di Camaiore (LU), per la collaborazione con Misericordia di Lido di Camaiore, per tutta l’estate, per aver messo a disposizione fino a 10 ombrelloni gratuiti per l’accoglienza di disabili, di bambini del nido e di volontari della Misericordia; Hotel L’Approdo, a Castiglione della Pescaia (GR), che ha partecipato all’iniziativa comunale per fornire, durante l’estate, un mezzo di trasporto dedicato ai bambini portatori di handicap, per accompagnarli nelle loro incombenze quotidiane e ha inoltre ospitato un galà dinner dell’associazione Insieme in Rosa Onlus, il cui ricavato è stato destinato all’acquisto di apparecchiature diagnostiche e di cura dei tumori; Bagno Aretusa, a Viareggio (LU), per l’utilizzo di un impianto fotovoltaico da 15 kw/h, i cui pannelli coprono 140 mq e fanno da ombreggiatura per l’area ristoro; Hotel Spinelli, a Viareggio (LU), per aver installato davanti al cancello dell’hotel una paline per la ricarica delle auto elettriche, che è comunque utilizzabile da tutti perché su suolo pubblico.

Tra i riconoscimenti andati alle 7 aree protette italiane, l’Oscar del turismo è andato anche al Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, per il progetto FestaSaggia, Il progetto nasce dalla volontà di promuovere e diffondere all’interno degli eventi locali, in particolare sagre e feste paesane, alcune buone pratiche legate alla valorizzazione, promozione e tutela del paesaggio, dei prodotti e del patrimonio culturale. L’iniziativa, proposta dall’EcoMuseo, rientra anche tra le progettualità della Carta Europea del Turismo Sostenibile promosse dal Parco ed è rivolta alle associazioni di promozione locale e Pro Loco del Casentino e dei comuni del Parco (versante romagnolo e toscano) che sono attive nella programmazione e realizzazione di eventi territoriali quali sagre e feste paesane dove vengono promosse iniziative gastronomiche.

La premiazione è avvenuta alla BTO di Firenze, evento di riferimento su Travel & Innovation giunto quest’anno alla decima edizione.Le strutture toscane premiate sono affiliate all’etichetta Legambiente Turismo che spiega: «Il riconoscimento è arrivato grazie all’applicazione puntuale dei disciplinari, che danno diritto poi al rilascio dell’etichetta. Sono tutte misure obbligatorie e facoltative come, tra le altre, l’attenzione alla bioedilizia, la gestione dei rifiuti, l’impegno sociale, la qualità del cibo, le attività didattiche, la mobilità dolce. Nel caso delle strutture toscane premiate, i riconoscimenti sono arrivati per l’impegno sociale, l’utilizzo di energia rinnovabile e la promozione della mobilità sostenibile da parte delle strutture».