Firmata la convenzione tra Sant’Anna e Certema

Grosseto, a Borgo Santa Rita si sperimentano le tecnologie del futuro

[5 agosto 2014]

Capitali e possibilità di sviluppo convergono già oggi in quei territori che presentano un’infrastruttura di beni immateriali abbastanza preparata per farli fruttare, e sempre più sarà così in futuro. La Provincia di Grosseto prova ad attrezzarsi di conseguenza, proseguendo celermente nell’iter che porterà nel 2015 al taglio del nastro per il laboratorio tecnologico multidisciplinare di Borgo Santa Rita, nel comune di Cinigiano. È stata infatti firmata nei giorni scorsi la convenzione, di durata decennale, tra il Sant’Anna di Pisa e la società Certema costituita lo scorso 23 luglio, come nuova veste giuridica del raggruppamento temporaneo di imprese che si sono aggiudicate la gestione della struttura.

La convenzione – comunicano dalla Provincia – disciplina le modalità di costituzione e funzionamento del laboratorio e stabilisce la concessione in uso gratuito alla società Certema, di macchinari e attrezzature, per l’acquisto dei quali, il Sant’Anna sta pubblicando in questi giorni i bandi. La consegna è prevista a marzo 2015.

Il laboratorio multidisciplinare ad accesso aperto di Borgo Santa Rita è destinato a diventare un centro di riferimento nazionale per la sperimentazione e l’innovazione tecnologica in settori strategici della chimica, meccanica, domotica e robotica, rinnovabili, nautica, materiali compositi, automazione, elettromeccanica,  scienza della vita.

Ammonta a 5 milioni di euro l’investimento pubblico per l’acquisto dei macchinari, di cui 3milioni e 800mila sono stati finanziati dalla Regione, 1 milione e 187mila euro con fondi Cipe e 12mila euro dalla Provincia. Alcune attrezzature sono difficilmente reperibili  in Italia e saranno una prerogativa di Borgo Santa Rita.

La Scuola Sant’Anna fornirà il supporto scientifico necessario per trasformare la nascita di questo laboratorio in un autentico volano per il territorio della provincia di Grosseto.