All’Ateneo toscano una rassegna di idee per una miglior gestione dei rifiuti

Il Festival dello sviluppo sostenibile si presenta a Firenze

Ugo Bardi mostra gli studenti «in visita all'impianto di riciclaggio di Revet. È un'esperienza che impressiona molto i ragazzi e che li aiuta a rendersi conto che i rifiuti si riciclano veramente»

[23 maggio 2018]

Anche in Toscana stanno sbocciando alcuni dei circa 600 eventi previsti in tutta Italia per l’edizione 2018 del Festival dello sviluppo sostenibile promosso dall’ASviS, e l’Università di Firenze rappresenta uno dei fulcri d’azione. Ieri si è tenuta infatti nell’Ateneo cittadino la conferenza inaugurale “Progettare insieme una società sostenibile: idee per una miglior gestione dei rifiuti”, introdotta da Ugo Bardi, docente di chimica fisica e delegato dell’Ateneo alla Sostenibilità.

«Organizzata da Sara Falsini, la conferenza ha coinvolto 7 relatori – spiega proprio Bardi nel suo seguitissimo blog Effetto Cassandra –  fra cui due rappresentanti delle municipalizzate toscane, Alia e Revet. Sara Falsini ha parlato del suo progetto di gestione telematica dei rifiuti (“Ecomaps”) mentre Francesco Capezzuoli e Elena Barthel hanno parlato di una società a rifiuti zero e delle possibilità di una gestione “sociale” dei rifiuti».

Qui di seguito rilanciamo dunque un filmato presentato da Ugo Bardi stesso, che mostra i suoi studenti «in visita all’impianto di riciclaggio di Revet. È un’esperienza che impressiona molto i ragazzi e che li aiuta a rendersi conto che i rifiuti si riciclano veramente. Non è vera la leggenda che vengano rimischiati tutti insieme dopo che i cittadini li hanno laboriosamente differenziati».

Videogallery

  • Studenti dell'Università di Firenze alla Revet