Il Labour rosso di Corbyn punta sul verde: Green Jobs Revolution per la Gran Bretagna (VIDEO)

«Non esiste una minaccia più grande per l'umanità dei cambiamenti climatici»

[27 settembre 2018]

E’ finita al canto di Red Flag, Bandiera Rossa, con i pugni chiusi e un nuovo trionfo di Jeremy Corbyn la Labour Party Conference di Liverpool, che ha segnato la definitiva disfatta dell’ala moderata, liberista e blairiana del Partito Laburista britannico, quella che stampa e commentatori italiani davano fino a pochi mesi fa come l’unica vera e percorribile alternativa ai Conservatori di Theresa May. Ora Corbyn, popolarissimo tra i giovani e che ha riconquistato gran parte dell’elettorato operaio e della classe media in crisi, potrebbe diventare il prossimo premier britannico e il suo Labour rosso antico è diventato il più forte partito socialista europeo, risalendo velocemente da sinistra la china che partiti come il PD, la SPD tedesca e il PS francese hanno rovinosamente disceso spostandosi al centro e finendo in una palude di inconsistenza.

Corbyn nel suo emozionante discorso ha respinto le accuse di antisemitismo che gli sono piovute addosso per essere un sostenitore della causa palestinese e ha attaccato con forza i rigurgiti neofascisti, razzisti e xenofobi e la politica neoliberista del governo conservatore, ricordando che «Dieci anni fa, in questo mese, l’intero edificio dell’avidità è bella, del capitalismo finanziario deregolamentato, lodato per una generazione come l’unico modo per gestire un’economia moderna, è crollato a terra con conseguenze devastanti. Ma invece di apportare modifiche essenziali a un sistema economico in pezzi, l’establishment politico e imprenditoriale e ha messo a dura prova tutti i tendini per salvare e sostenere prima di tutto il sistema che ha portato al crollo. Il prezzo di tutto questo non è stato solo stagnazione, i salari in calo per il periodo più lungo nella storia documentata e quasi un decennio di tagli profondamente dannosi ai servizi pubblici. Ha anche alimentato la crescita del razzismo e della xenofobia e ha portato a una crisi della democrazia in patria e all’estero. Le persone in questo Paese sanno che il vecchio modo di gestire le cose non funziona più. E a meno che non offriamo soluzioni radicali, altri colmeranno il divario con la politica della colpa e della divisione».

Dopo aver ricordato che «Il Labour parla per la nuova maggioranza» e i successi elettorali che nel 2018 hanno portato i laburisti britannici a segnare il più grande aumento di voti dal 1945,  «perché le idee del Labour hanno catturato “l’umore del nostro tempo”», come ammette Lord O’Neill, l’ex ministro conservatore del Tesoro, Corbyn ha sottolineato che «Questo fallimento dell’economia free-for-all, che ha portato al crollo di un decennio fa, ha anche alimentato la crisi ambientale globale e ostacolato gli sforzi internazionali per affrontarla».

Secondo il leader laburista, «Non esiste una minaccia più grande per l’umanità dei cambiamenti climatici e, 21 anni fa, il vice leader laburista John Prescott ha svolto un ruolo di primo piano nell’approvazione del protocollo di Kyoto. Questo ha unito le principali economie mondiali dietro un accordo per tagliare le emissioni di carbonio e le ha obbligate a dare ai Paesi più poveri l’accesso alla tecnologia a low-carbon. Questo riguarda la solidarietà, riconoscendo che l’aria che respiriamo non rispetta i confini nazionali e che tutti noi abbiamo interesse che ogni nazione riduca le emissioni. Il contrasto con la posizione dell’America First di Donald Trump e la sua decisione di ritirarsi dagli Accordi sul clima di Parigi non potrebbe essere più netto. Abbiamo solo un pianeta, quindi dobbiamo ri-impegnarci nuovamente con i Paesi che cercano di andarsene da Parigi. Ma dobbiamo anche dare l’esempio. Ieri Rebecca Long Bailey [ministro ombra laburista per le imprese, l’energia e la strategia industriale, ndr] ha esposto i nostri piani per l’energia, sviluppati con il nostro Segretario per l’ambiente Sue Hayman, i piani ambiziosi, creeranno centinaia di migliaia di posti di lavoro e renderanno la Gran Bretagna l’unico Paese sviluppato al di fuori della Scandinavia a rispettare i nostri obblighi sui cambiamenti climatici. Questo significherà lavorare con i sindacati per garantire che siano protetti posti di lavoro e competenze mentre ci muoviamo verso un’economia low-carbon. E lavorare con l’industria per cambiare il modo in cui costruiamo per formare la forza lavoro che riqualificherà le case e lavorerà anche nelle nuove industrie energetiche. E oggi posso annunciare che il nostro programma di investimenti e trasformazione per ottenere una riduzione del 60% delle emissioni entro il 2030 creerà oltre 400.000 posti di lavoro qualificati. Posti di lavoro buoni, basati qui, e con livelli sindacali che portano capacità e sicurezza alle comunità tenute indietro per troppo tempo. E andremo oltre, con piani per ridurre le emissioni di gas serra a zero entro la metà del secolo. So che sembra ambizioso. È ambizioso e verrà raggiunto con il programma di investimento e trasformazione più vasto degli ultimi decenni. I laburisti daranno il via a una Green Jobs Revolution,  che contribuirà a contrastare i cambiamenti climatici, a  fornire energia sostenibile per il futuro e creare posti di lavoro qualificati in ogni nazione e regione del Regno Unito».

Un programma green che, va detto, non mette in dubbio  la continuazione della politica nucleare britannica (che è ormai in mano a cinesi e francesi), una contraddizione non da poco che però non sembra suscitare contrasti nel Labour rosso/verde, visto anche che  in Gran Bretagna si dichiarano contro l’energia nucleare praticamente solo i Verdi e i nazionalisti scozzesi

Il leader laburista britannico non ha avuto nessun timore ad attaccare gli uomini forti del mondo che incarnano il nuovo “sovranismo”: «Ma non è solo il sistema economico che è insostenibile.  Neanche la relazione della Gran Bretagna con il resto del mondo, la nostra politica estera è più sostenibile. Stiamo entrando in un nuovo mondo in rapida evoluzione e più pericoloso, compresi gli sconsiderati attacchi a Salisbury,  con le prove raccolte con cura dalla polizia che ora puntano chiaramente allo Stato russo. Quando il presidente Trump toglie gli Stati Uniti dagli accordi di Parigi, cerca di rottamare l’accordo nucleare iraniano, sposta l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme e persegue il nazionalismo aggressivo e le guerre commerciali, sta voltando le spalle alla cooperazione internazionale e persino al diritto internazionale. Abbiamo bisogno di un governo britannico che non solo possa mantenere il Paese al sicuro, ma possa anche parlare apertamente dei valori democratici e dei diritti umani.

Corbyn ha concluso: «Non vogliamo vivere in una società in cui i nostri concittadini dormono sonni agitati. Una società forte è quella che offre a tutti i nostri giovani la possibilità di realizzare il loro potenziale e nella quale tutti noi sappiamo che se i nostri genitori hanno bisogno di cure possono averle. Il nostro compito è costruire quella Gran Bretagna e insieme possiamo».

Videogallery

  • We're Rebuilding Britain

  • Labour Conference 2018: Jeremy Corbyn's speech