Isole da Salvare, azioni concrete per salvarci dalla plastica monouso

Le macchine mangia plastica del Parco e il negozio leggero e le eco feste dei ragazzi e di Legambiente

[20 novembre 2018]

Lo smaltimento dei rifiuti e, in special modo, della plastica è un tema sempre tristemente attuale. Sensibilizzare verso comportamenti corretti nella differenziazione dei rifiuti è un’opera necessaria, così come informare sulle possibili azioni concrete e sullo stato dell’arte degli strumenti disponibili e delle tecniche all’avanguardia. Questo lo scopo del Convegno organizzato da PNAT, Esa spa e Legambiente, con la collaborazione del Comune di Portoferraio. La sala della De Laugier era molto affollata per la gran parte dai ragazzi delle scuole superiori.

E’ stato proiettato un video  sul danno già fatto dall’uomo sulla natura e sul livello di allarme  mondiale per il problema dei rifiuti, specie in mare: dove si è formato un continente, un’isola galleggiante,  grande tre volte la Francia, il Pacific Trash Vortex, che nessuno ancora sa come far sparire.

Dopo l’impressionante  video si è parlato di azioni concrete e nuove soluzioni.

La prima annunciata è quella del  Presidente del Parco Sammuri che, con Federparchi, intende mettere macchine mangia plastica in tutti parchi, in cambio di sconti su visite  turistiche e merchandising, partendo nella sperimentazione dal Parco dell’Arcipelago Toscano  Riserva Mab della Biosfera Unesco. Sammuri ha ricordato che seppure il tema dei rifiuti non sia di diretta competenza dell’Ente, con la  collaborazione di Legambiente e con Esa, l’impegno del Parco nella progettazione di azioni di educazione ambientale e di sensibilizzazione nelle scuole è costante da anni, poiché i ragazzi spesso sanno diventare  sentinelle intransigenti della tutela dell’ambiente più degli adulti da qui l’importanza di coinvolgerli in questa sfida

Ma cosa si può fare per salvare le nostre isole dalla plastica?

E’ sicuramente importante l’educazione la sensibilizzazione , l’impegno delle istituzioni preposte  ad aumentare la raccolta differenziata, ma prima di tutto siamo noi cittadini, che con un comportamento corretto possiamo per primi cominciare a  invertire la rotta. Sono stati fatti passi avanti, ci dicono gli interventi di Corepla, Comieco e Novamont, ed è aumentata la raccolta della plastica e della carta, e le massaie hanno iniziato a portarsi la borsa della spesa da casa. Le tecniche e le soluzioni ci sono, bisogna cambiare concretamente il comportamento quotidiano.  Legambiente ha ricordato come ci siano molti oggetti inutili che possono sicuramente essere sostituiti o evitati come i cotton fioc, i palloncini , le cannucce, i piatti usa e getta,  che sono tra gli oggetti più frequentemente trovati sulla spiaggia e nello stomaco dei pesci e quindi anche nella nostra catena alimentare. Inquietante sapere che il livello di dispersione delle microplastiche è già pesantemente  arrivato nel nostro cibo.

Corepla ha sottolineato come i dati della raccolta della plastica siano  notevolmente cresciuti, da 1,9 kg procapite nel 1998 a 17,7 nel 2018. Siamo sulla buona strada ma non ci sono sufficienti  impianti che consentano  di trasformare in nuova energia il 40 % dei rifiuti, cioè la parte che non può essere riusata. Corepla sottolinea che la plastica è utile non va demonizzata, va solo saputa smaltire e riusare ragionando sempre in una logica di economia circolare.

Comieco ha dato dati incoraggianti sulla raccolta della carta, tanto che l’Elba nel 2017 è stata premiata. Nei dati generali comunque  il 60% dei materiali provenienti dalla cellulosa sono originati da prodotti macerati quindi già di seconda generazione. Ma anche in questo settore è importante sempre di più aumentare la raccolta differenziata contribuendo a remunerare il proprio Comune e pagare meno tasse. Anche qui la tipologia degli impianti è fondamentale ed è incorso una riconversione di essi orientata al riciclo degli imballaggi, invece che della carta grafica, al fine di trasformarli in compostabile. Comieco raccomanda di incrementare ancora di più la raccolta della carta  che oltre a fare bene all’ambiente dà ossigeno alle cartiere e crea posti di lavoro.

Novamont produttrice di bioplastiche compostabili ribadisce che non bisogna demonizzare ma usare bene i materiali, nell’ambito anche di un percorso culturale e educativo per cambiare abitudini e approccio ai materiali. Ritiene che in questa ottica bisognerebbe ripensare molti prodotti. Sono stati fatti passi avanti, e si fa più attenzione, si cambiano i comportamenti, si va a prendere acqua alle fontanelle  e si riusando le bottiglie. Ci si stupisce ancora però che il riciclato costi troppo  e che il materiale riciclato sia di minor valore perché non puro.  Anche le aziende che fanno acquisti verdi, mettono il criterio del costo più basso, vanificano la possibilità  che il prodotto riciclato possa essere scelto. La filiera del riciclo e riuso  crea lavoro anche al territorio oltre a tutelare l’ambiente.

Antonio Castagna, esperto di economia circolare e di politiche ambientali ha sottolineato la differenza tra economia lineare e quella circolare: usare un pannello di truciolato significa ragionare ancora in un economia lineare in cui si  utilizza  materiale riciclato solo  in una parte per processo. Poi però il pannello, pieno di colla e resine sarà difficile smaltirlo nella natura  da cui proviene. Quindi per ragionare in un’economia circolare bisogna ripensare il prodotto e insieme anche il servizio, cioè creare un prodotto che si possa far ritornare nella natura. Il che significa riprogettare il sistema economico, cosa molto complessa. Bisogna cambiare paradigma e teorie, anche le azioni che pensiamo, devono puntare ad attivare un processo di economia circolare. E’ necessario fare azioni coerenti con il nuovo paradigma,  e non che riparano il vecchio, altrimenti non facciamo altro che ritardare il danno.

Hanno suscitato interesse e attenzione   i progetti sviluppati con Legambiente, dai ragazzi dell’istituto  Foresi  di Portoferraio per un “negozio leggero” e per la  “eco festa”, esempi concreti  e intelligenti di come si possa pensare diversamente il nostro quotidiano  attraverso l’acquisto di prodotti sfusi, il corretto smaltimento dei rifiuti,  il cambiamento delle proprie abitudini  di consumo, l’uso di nuovi materiali, nell’ambito delle nostre consuete necessità personali e collettive. Ulteriore conferma della importanza di lavorare sulle nuove generazioni.

di Parco Nazionale Arcipelago Toscano