La discarica Il Pago di Firenzuola potrà accogliere 240mila tonnellate di rifiuti urbani in più

Se la raccolta differenziata nell’Ato Toscana Centro aumenterà in modo equivalente. Rossi: «Si tratta di una modalità del tutto nuova che ripeteremo»

[21 giugno 2018]

La Giunta regionale informa che è stato autorizzato l’ampliamento della discarica Il Pago di Firenzuola per 240mila tonnellate, funzionale allo smaltimento dei rifiuti urbani dell’Ato Toscana Centro. «Il piano vigente dei rifiuti fatto dalle tre Province di Firenze, Prato e Pistoia – dettaglia l’assessore regionale all’Ambiente, Federica Fratoni – prevede per quella discarica un ampliamento di ben 900mila tonnellate. La Giunta regionale a fronte dell’istanza presentata da Hera ha concesso un ampliamento di solo 240mila tonnellate, impegnandosi a prevedere nel prossimo piano che verrà presentato entro l’estate di stralciare l’ulteriore volumetria residua».

Si tratta di una decisione che segue temporalmente quella, dichiarata più volte dal presidente della Regione Enrico Rossi, di non proseguire con la realizzazione del termovalorizzatore di Case Passerini – anch’esso funzionale alla gestione dei rifiuti prodotti nell’Ato Toscana Centro, e a un livello preferenziale (recupero energetico) rispetto allo smaltimento in discarica (presente ma all’ultimo posto nella gerarchia europea per la corretta gestione del ciclo dei rifiuti) – e soprattutto quella di rivedere il Piano regionale rifiuti e bonifiche che, come ricordato dall’assessore Fratoni, dovrebbe vedere la luce in una nuova versione entro quest’estate.

Nel frattempo, la scelta dell’ampliamento della discarica Il Pago si caratterizza inoltre per una novità assoluta: l’ampliamento prevede infatti che il conferimento in discarica possa essere usufruito solo se accompagnato da un analogo aumento della raccolta differenziata in Ato Centro. Cioè sarà possibile effettuare conferimenti di rifiuti presso la discarica per un ammontare pari all’incremento annuo di raccolta differenziata fatta in Ato Centro l’anno precedente: un conferimento – ad esempio – di  50mila tonnellate l’anno in discarica sarà consentito se la raccolta differenziata nell’Ato sarà aumentata di 50mila tonnellate.

Nel contempo, la Giunta regionale ha acquisito una lettera della presidente dell’Ato Alessia Bettini (che è anche l’assessore all’Ambiente del Comune di Firenze), con la quale Ato si impegna entro il 2020 a raggiungere l’obiettivo posto dal Piano dei rifiuti di arrivare al 70% di raccolta differenziata in Ato centro (i dati più recenti mostrano che nel 2016 era a quota 55,4%). «Quanto all’ampliamento della discarica – ha aggiunto il presidente Rossi – si tratta di una modalità del tutto nuova che ripeteremo».