«Si attui la legge sui piccoli comuni emanando i decreti attuativi e si stanzino maggiori risorse per i borghi, perché quelle previste dalla legge sono al momento bloccate e non sufficienti»

La legge sui Piccoli Comuni non viene attuata

200 sindaci sottoscrivono l'appello al Premier Conte di Legambiente, Anci, Associazione Borghi Autentici d’Italia e Uncem

[13 novembre 2018]

«A oltre un anno dall’approvazione della legge sui piccoli comuni (l. 158/2017), mancano ancora all’appello i decreti attuativi previsti». Per questo Legambiente, Anci, Uncem e Associazione borghi autentici d’Italia hanno lanciato un appello al presidente del Consiglio Giuseppe Conte «affinché venga sollecitata l’approvazione dei decreti attuativi e stanziate maggiori risorse per i borghi sotto i 5mila abitanti, rendendo così concreto il percorso di innovazione progettuale di cui questi territori hanno bisogno».

Un appello che è già stato sottoscritto da più di  200 sindaci e che è stato presentato oggi a Roma in una conferenza stampa alla Camera dei Deputati. L’appello, evidenzia inoltre «l’importanza di prevedere anche più risorse da destinare ai piccoli comuni a partire da questa legge di bilancio, incardinando le risorse non spese negli anni precedenti e già stanziate, perché i 160 milioni di euro previsti fino al 2023 dalla legge sono al momento ancora bloccati (fin quando non verranno emanati i decreti attuativi) e palesemente insufficienti».

I promotori dell’appello a Conte sono convinti che «Questi borghi che possono svolgere un ruolo attivo nella crescita e nel miglioramento del futuro del Paese, se messi però in condizione di competere».

All’incontro hanno partecipato anche diversi parlamentari di tutte le forze politiche ed Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola e padre della legge sui Piccoli Comuni quando era parlamentare del PD.

I piccoli borghi sono il 72% dei comuni d’Italia, la loro superficie copre il 55% del territorio nazionale e vi risiede il 17% della popolazione italiana (in media ci sono 64 abitanti per km). Roccaforti di identità e sapere, custodi del nostro patrimonio storico-artistico, naturale ed enogastronomico, sono anche luoghi di sperimentazione delle buone pratiche più innovative in fatto di energia, economia verde e riciclo dei rifiuti, laboratori di accoglienza e inclusione sociale. L’approvazione della legge 158/2017 sui piccoli borghi, approvata all’unanimità nel 2017, è stata accolta ben accolti dai borghi e dalle tante associazioni che da anni chiedevano un provvedimento che si occupasse dei piccoli comuni d’Italia. La legge in questione prevede fino al 2023 un fondo di 160 milioni per lo sviluppo strutturale, economico e sociale a favore dei piccoli centri e che abbraccia diversi ambiti. Un provvedimento che offre uno strumento di indirizzo della legge strategico a lungo atteso, ma che deve essere accompagno da azioni fondamentali a partire dall’emanazione dei decreti attuativi previsti dalla legge e dall’attuazione in via preferenziale delle infrastrutture di banda ultralarga anche nelle cosiddette zone a fallimento di mercato.

Per i promotori «E’ fondamentale che vengano accelerati i tempi relativi all’emanazione dei decreti attuativi previsti dalla legge e stanziate più risorse, ma soprattutto è importante che i territori inizino a vedere le ricadute concrete di una legge a loro difesa. Serve una grande opera di manutenzione dei territori che metta al centro la custodia dei piccoli borghi e del patrimonio naturale per garantire la tenuta di tutto il territorio, la sicurezza degli insediamenti e la qualità delle filiere produttive legati al patrimonio naturale e alle produzioni agroalimentari locali».