La Uil Toscana preme per un rapida ripartenza degli investimenti Enel in geotermia

Bardelloni: «Evitare le gravissime ripercussioni che si avrebbero sull’occupazione, l’economia e l’ambiente dell’area geotermica e non solo»

[19 settembre 2018]

Dopo l’ampia e condivisa presa di posizione a favore della geotermia – o meglio della sua coltivazione sostenibile in Toscana – ufficializzata nei giorni scorsi dalla Cgil Toscana, anche la Uil regionale si schiera con nettezza a favore di questa fonte rinnovabile con un intervento di Walter Bardelloni, il coordinatore lavoratori elettrici per la Uiltec Toscana, già intervenuto sul tema a giugno.

«L’osservatorio, gli imprenditori tutti, i sindaci e le parti sociali del territorio di Larderello stanno finalmente cercando un percorso comune per sensibilizzare la Regione Toscana e i suoi rappresentanti, avendo l’obbiettivo di giungere ad un accordo che permetta la ripartenza immediata degli investimenti Enel, per evitare le gravissime ripercussioni che si avrebbero sull’occupazione, l’economia e l’ambiente dell’area geotermica e non solo», sottolinea Bardelloni. Ecco dunque che «con riferimento alla questione geotermia, la Uiltec-Uil Toscana esprime la propria soddisfazione per il dibattito che aveva auspicato già nel giugno scorso – anche attraverso l’impegno in prima persona di Bardelloni – La convergenza di tutti i soggetti istituzionali, imprenditoriali e cittadini sulle nostre preoccupazioni e proposte ha fatto sì che, anche con metodi e idee diverse, il problema fosse messo al centro della discussione pubblica».

Appreso dai partecipanti al dibattito e dalla stampa che «c’è un impegno di tutti per trovare celermente un accordo», adesso l’attenzione del sindacato è rivolta a tutelare i lavoratori insieme alla salvaguardia dell’industria e dell’ambiente, e per questo la Uiltec-Uil Toscana si dichiara «vigile e attenta perché questo percorso si realizzi, pronta ad intraprendere tutte le iniziative più opportune in caso che questo non avvenga». A questo fine il sindacato si propone, attraverso «il coinvolgimento di tutti (parti sociali, istituzioni, azienda, commercio e piccola e media impresa) di sollecitare, pretendere  di monitorare quel protocollo che promuova il lavoro, l’ambiente e uno sviluppo sostenibile nell’interesse più generale di tutti i cittadini. La Uiltec Toscana, auspicando convergenza di idee e di iniziativa nei soggetti sopra richiamati, sarà comunque a disposizione per chiarimenti e iniziative mirate, per il raggiungimento degli obiettivi sopra richiamati».