Le chance di sviluppo sostenibile per l’America centrale passano dalla geotermia

Secondo Irena, il potenziale geotermico nell’area centroamericana ammonta a oltre 20 volte la potenza attualmente installata

[2 luglio 2018]

«L’America centrale possiede alcune delle risorse geotermiche più promettenti del mondo che, se utilizzate, possono aiutare la regione a garantire una fornitura di energia elettrica economica e affidabile, stimolando una crescita economica a basse emissioni di carbonio». Intervenendo a recente un workshop da Irena organizzato a El Salvador, il dirigente dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili, Gurbuz Gonul, ha ricordato al pubblico le potenzialità dell’area, tutt’altro che indifferenti.

I Paesi dell’America centrale attualmente dotati della maggiore potenza geotermica installata sono il Costa Rica (con 207 MW, e una storia italiana da raccontare), El Salvador (204 MW) e Nicaragua (55 MW), ma le potenzialità di ulteriore sviluppo rimangono enormi.

Secondo Irena – Agenzia alla quale aderiscono ormai 150 Stati più l’Ue –, da sola la geotermia potrebbe soddisfare il doppio dell’intera domanda elettrica prevista nell’area per il 2020, con l’America centrale in grado di incrementare di 20 volte l’attuale potenza installata.

Eppure, l’impiego della geotermia nella regione è ostacolato da numerose barriere, tra cui spicca la mancanza di politiche e regolamenti adeguati per l’utilizzo e lo sviluppo della risorsa. Per questo lo scambio di buone pratiche ed esperienze a livello internazionale può essere molto utile per lo sviluppo sostenibile della regione, come mostra plasticamente la partecipazione al workshop della Deutsche gesellschaft für internationale zusammenarbeitis”  (Giz), il cui ruolo è quello di contribuire a identificare le misure che potrebbero sbloccare il vasto potenziale geotermico dell’America Centrale.

«Lo sviluppo di più progetti geotermici nella regione dell’America Centrale può far crescere l’economia e contribuire alla riduzione dei gas a effetto serra – ha spiegato Tanja Gabriele Faller, direttore regionale del programma Giz per l’area – Il nostro programma per la promozione dell’energia geotermica, realizzato da Giz a nome del governo tedesco, sostiene questo tipo di scambio di esperienze; una risorsa preziosa come l’energia geotermica deve essere affrontata da molteplici prospettive».