L’Ue finanzia il più grande progetto di energia eolica dell’Africa sub-sahariana

Il parco eolico dovrebbe produrre il 20% dell’energia del Kenya

[24 marzo 2014]

La Banca europea per gli investimenti (Bei) ha accettato di finanziare in Africa, con 23 miliardi di scellini keniani (200 milioni di euro), il Lake Turkana Wind Power project: un progetto eolico da 70 miliardi di scellini (620 milioni di euro) che trasformerà la fornitura di energia rinnovabile nell’Africa orientale e che beneficiarà di un ulteriore sostegno finanziario supplementare da parte dell’Unione europea, attraverso l’EU-Africa Infrastructure Trust Fund e diversi fondi internazionali.

Quello del lago Turkana sarà il più grande parco eolico dell’Africa sub-sahariana e dovrebbe produrre il 20% dell’energia del Kenya, fornendo  300 MW di energia affidabile e a basso costo. Il progetto prevede l’installazione di 365 pale eoliche da 850 KW l’una, la realizzazione della rete di distribuzione elettrica e la costruzione dei collegamenti stradali  in una remota area del nord del Kenya al confine con l’Etiopia e sarà il più grande investimento privato mai fatto in Kenya.  L’enorme parco eolico si estenderà su 162 km2 nella Marsabit County, un’area dove soffiano venti tra più costanti dell’Africa, infatti le fluttuazioni delle temperatura giornaliere le la vallata tra il Monte.Kulal e il Monte. Nyiru garantiscono la produzione efficiente e continua di elettricità.

Una volta che sarà completato il Lake Turkana Wind Power project, il Kenya potrà non solo avere a disposizione più energia, ma anche chiudere il 60% dei suoi inquinanti impianti termoelettrici e ridurre la loro dipendenza dall’acqua durante la stagione secca, riducendo così la necessità di importare combustibili fossili costosi. Il sito del Lago Turkana è stato selezionato dopo una vasta ricerca che si è concentrata sulla sostenibilità ambientale e sociale e su considerazioni tecnologiche e commerciali, comprese la lontananza della zona, la forza e la stabilità dei venti, la tecnologia collaudata, il contesto ambientale, la bassa densità di popolazione, la sicurezza, la disponibilità di acqua dolce e le strade di accesso.

Il Lago Turkana è noto per la sua avifauna e per un’enorme popolazione di fenicotteri, per evitare il contatto degli uccelli con le turbine, il sito è ad almeno 9 km dalla riva del lago Turkana e per un anno è stato condotto uno studio ornitologico e saranno fatte verifiche ambientali annuali per l’intero periodo operativo parco eolico.

Il  vicepresidente della Bei, Pim van Ballekom, spiega che «La disponibilità di energia a prezzi accessibili è essenziale per l’Africa e l’elettricità del progetto Lake Turkana Wind Power sosterrà la crescita economica in Kenya, contribuendo a garantire il rifornimento durante i periodi di picco della domanda. La Banca europea per gli investimenti si congratula con tutti coloro che sono stati coinvolti nel progetto negli ultimi anni ed è lieta di aver collaborato con una vasta gamma di istituzioni finanziarie come il più grande finanziatore dello schema. La nostra vasta esperienza nei  progetti di energia rinnovabile su larga scala di in tutto il mondo, ha evidenziato sia i benefici energetici che economici  e dimostrato come i sistemi innovativi come quello del  Lago Turkana possono ispirare altri schemi. Il fermo impegno dell’Europa a sostenere gli investimenti a lungo termine in Kenya si riflette nei quasi due terzi del sostegno finanziario fornito dagli investitori pubblici e privati europei e nel ruolo cruciale del sostegno del Eu-Africa Infrastructure Trust nel chiudere l’affare. Quella di oggi è una pietra miliare per la storia dell’energia in Kenya e non vediamo l’ora che il progetto, una volta completato, soddisfi le alte aspettative».

Un ulteriore sostegno finanziario sarà inoltre fornito dall’African Development Bank e da istituzioni finanziarie e banche commerciali di Francia, Finlandia, Olanda e Norvegia.  Il consorzio Lake Turkana Wind Power (Ltwp) comprende KP & P Africa BV e Aldwych International come co-sviluppatori, Industrial Fund for Developing Countries (Ifu), Wind Power A.S. (Vestas), Finnish Fund for Industrial Cooperation Ltd (Finnfund), e Norwegian Investment Fund for Developing Countries (Norfund). . Il Ltwp è l’unico responsabile per il finanziamento, la costruzione e l’esercizio del parco eolico. Aldwych, una società elettrica con comprovata esperienza in Africa, supervisionerà la costruzione e le operazioni della centrale elettrica per conto del Ltwp. Vestas fornirà la manutenzione dell’impianto. Secondo il Power Purchase Agreement, l’energia prodotta sarà acquistata a un prezzo fissato da Kenya Power

Anche secondo l’ambasciatore Ue in Kenya, Lodewijk Briet, «Quella di oggi è una storica dimostrazione  di come sovvenzioni della finanza privata europea, gli investimenti ed il finanziamento nello sviluppo possono insieme indicare il cammino nella costruzione di infrastrutture nell’Africa sub-sahariana L’Unione europea ha fornito i 25 milioni  necessari a chiudere il pacchetto di sostegno agli investimenti, ma è la dimensione del sostegno da parte delle aziende europee e della Banca europea per gli investimenti che hanno reso questo progetto un investimento di successo. Le disponibilità  per il settore privato europeo offre immense opportunità per lo sviluppo del Kenya e nella regione. Come molti Paesi in via di sviluppo, il Kenya deve affrontare molte sfide infrastrutturali – sia che si tratti di strade, energia o acqua – e sono lieto di dire che l’Unione europea fornisce un sostegno su larga scala in tutti questi settori».

La Bei negli ultimi 5 anni ha investito oltre 26 miliardi di euro per progetti di energia rinnovabile in tutto il mondo, 10,5 miliardi dei quali in tutta l’Africa.