L'Ue dovrebbe smettere di finanziare le discariche e gli inceneritori in favore del riciclaggio

Plastica: teniamoci il “fantastic” e sbarazziamoci del “drastic”

L'attuazione corretta della vigente normativa sui rifiuti creerebbe 400.000 posti di lavoro nell'Ue

[1 ottobre 2013]

Non so se qualcuno di voi ha mai visto il film “Ricette per il disastro”. Mostra una famiglia che cerca di vivere per un anno senza i prodotti a base di petrolio. Non penso di rivelare la trama dicendovi che per loro è praticamente impossibile. Questo dimostra quanto siamo diventati dipendenti dalla “Plastic Fantastic”, nella misura in cui negli ultimi 10 anni ne abbiamo usata tanta quanto abbiamo fatto nel secolo scorso e in Europa il consumo è ancora in aumento del 5% ogni anno.

La plastica ha tante grandi qualità, è versatile, durevole, a buon mercato e luminosa. Ma, naturalmente, alcune di queste qualità la rendono “drastic plastic” per il nostro ambiente e per la vita marina. Spesso è più durevole rispetto ai prodotti che facciamo con lei e il suo basso costo significa che stiamo usando prodotti sempre di più breve durata ed usa e getta.

Quindi è il momento di guardare con attenzione a come usiamo la plastica, e in particolare quello che ne facciamo quando abbiamo finito di usarla. E questo è esattamente ciò che stiamo facendo.

7 mesi fa ho lanciato – con l’aiuto di Jeremy Irons – il Libro verde sui rifiuti in plastica. La risposta alla nostra richiesta di pareri dimostra quanto sia importante la questione. Abbiamo ricevuto più di 270 risposte, delle quali 14 da ministeri dell’ambiente e da alcuni parlamenti nazionali. Il Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni hanno già adottato pareri sul Libro verde, e il parere del Parlamento europeo è previsto molto presto. Naturalmente ci vuole molto tempo per analizzare tutte queste risposte e strutturare i risultati su un tema così complesso, ma il processo di valutazione è in corso ed oggi posso già darvi un’anteprima per gli stakeholders.

Prima di entrare nei dettagli, vorrei brevemente spiegare come il Green Paper on Plastic Waste si inserisce in un quadro più ampio. Nei nostri sforzi per rendere più efficiente l’utilizzo delle risorse, per sviluppare una economia circolare, e per combattere l’inquinamento marino.

La Resource Efficiency Roadmap definisce tappe chiare verso un’Europa efficiente in risorse. Dobbiamo andare verso un’economia circolare: In cui i rifiuti vengono utilizzati come materia secondaria e reimmessi nell’economia; In cui abbiamo ottimizzare la gestione dei rifiuti secondo la gerarchia dei rifiuti, con i più alti tassi di possibili di prevenzione,  riuso e il riciclaggio dei rifiuti; In cui il recupero di energia è limitato ai rifiuti non riciclabili e lo smaltimento in discarica ai rifiuti residui; In cui in  prodotti sono progettati in modo tale che possano essere riutilizzati e riciclati facilmente “dalla culla alla culla”.

Questi obiettivi sono stati confermati dal Parlamento europeo e dagli Stati membri nel 7° programma di azione ambientale.

Se guardiamo agli odierni processi di produzione di plastica e di gestione dei rifiuti di plastica,siamo molto lontani da questi obiettivi. Anche nei Paesi più efficienti, i tassi di riciclaggio della plastica sono piuttosto bassi. Nel 2012 nell’Ue sono state raccolte solo circa il 24% delle materie plastiche per il riciclaggio (Biois, 30 agosto 2013, Study on an increased mechanical recycling target for plastic). Circa il 50% della plastica va ancora in discarica e il resto viene incenerito. Questo deve cambiare!

Così i rifiuti di plastica esemplificano le sfide che abbiamo di fronte per realizzare un’economia circolare. Il Libro verde si occupa specificamente dei rifiuti di plastica come un unico flusso orizzontale sui rifiuti, ma anche come parte della efficienza delle risorse e della storia della conservazione delle risorse. I temi centrali intorno ai quali il documento pone 26 domande specifiche sono: “come possiamo fare di più con meno” e “come possiamo affrontare in modo efficace l’esaurimento delle risorse “.

Questi sono i  quattro punti fondamentali del Libro verde:

Primo, il design del prodotto deve concentrarsi sulla durata, dalla culla alla culla al riciclaggio ed alla riparabilità. Materiali tossici come perturbatori endocrini e metalli pesanti non devono essere trovati in qualsiasi materiale plastico.

Secondo, i costi reali della produzione di plastica dovrebbero essere internalizzati, con la piena responsabilità della raccolta dei beni di plastica usati per il riciclaggio e informazioni appropriate su qualsiasi aspetto ambientale rilevante per il consumatore di materie plastiche.

Terzo, la plastica deve essere utilizzata in modo più sostenibile e non dovrebbe produrre così tanti oggetti che vengono gettati via subito dopo l’acquisto.

E, infine, dobbiamo proporci di raggiungere un tasso di raccolta al 100% per la plastica e di stabilire che le condizioni per il riciclaggio diano un business redditizio. Deviare tutte le plastiche dalle discariche è già un elemento importante.

Quindi, quali sono stati i principali risultati della consultazione sul Libro verde? Chi abbiamo soprattutto sentito? Il più grande gruppo di chi ha risposto erano associazioni, il 60% dall’industria e il 19% delle Ong. Il secondo gruppo più grande erano i governi e le amministrazioni pubbliche, tra cui 14 ministeri dell’ambiente. La maggior parte delle reazioni proviene dai Paesi con alti tassi di riciclaggio di plastica e migliori prestazioni nella gestione dei rifiuti, abbiamo ricevuto anche risposte da Paesi non europei, Usa, Turchia e Filippine.

Quale è il messaggio che ne viene fuori? La maggior parte di chi  ha risposto ha sostenuto che l’Ue dovrebbe smettere di finanziare le discariche e gli inceneritori e dovrebbero iniziare a utilizzare il denaro pubblico per l’adeguamento delle infrastrutture di riciclaggio in Europa.

E se guardiamo le risposte alle domande specifiche siamo in grado di vedere alcuni messaggi chiari:

Quasi la metà di tutti i rispondenti chiede miglioramenti per la differenziata e la raccolta dei rifiuti in tutti gli Stati membri, preferibilmente tramite la raccolta separata porta a porta combinata a schemi “pay as you throw”.

Mentre molti intervistati sostengono azioni volontarie, una grande maggioranza chiede una migliore attuazione ed applicazione della legislazione, tra cui un divieto di discarica per la plastica .Vogliono anche severi ed ulteriori obiettivi di riciclaggio e più stringenti controlli delle esportazioni, al fine di garantire che i rifiuti europei non siano oggetto di dumping o vengano riciclati in impianti non conformi nei Paesi terzi.

Per quanto riguarda il comportamento dei consumatori, la consultazione mette in evidenza la necessità di migliorare l’informazione dei consumatori,  in particolare sulla riciclabilità di plastica.  Questo è visto come molto importante da oltre 160 intervistati. Inoltre, la maggioranza è favorevole allo sviluppo di sistemi “deposit and return”  o “lease systems”.

C’è anche un forte sostegno per promuovere singoli materiali e per un migliore plastic design  al fine di aumentare la riciclabilità.

Per quanto riguarda il contenuto chimico della plastica, molti intervistati ritengono che le restrizioni all’uso di additivi sono necessarie e che dovrebbero essere rese disponibili ulteriori informazioni: ad esempio, attraverso le schede di sicurezza o attraverso lo sviluppo di un database pubblico sul contenuto chimico della plastica . Inoltre, la normativa attuale è ritenuta non sufficientemente ad affrontare i rischi derivanti dall’uso di micro-plastica nei prodotti.

La durabilità nel tempo dei prodotti di plastica è emersa come una delle più grandi preoccupazioni della consultazione pubblica. La maggioranza degli stakeholders ritengono che: Dovrebbe essere affrontata la “Obsolescenza programmata; Nuove norme sull’eco-design  dovrebbero essere un elemento fondamentale per migliorare la riciclabilità; Dovrebbero essere introdotti strumenti basati sul mercato per affrontare il carico di rifiuti rappresentato dai prodotti di plastica a vita breve e mono-uso.

Sulle plastiche biodegradabili e sulle bio-plastiche, le risposte sono state più frammentate. La maggioranza degli intervistati ritiene che la plastica biodegradabile e la plastica bio-based, dovrebbero non essere promossi generalmente, ma piuttosto, caso per caso e in condizioni adeguatamente definite. Si è anche sottolineato che sarà necessaria una chiara distinzione giuridica tra le plastiche compostabili naturalmente e tecnicamente biodegradabili.

La consultazione dimostra che vi è una crescente preoccupazione dell’opinione pubblica per i  rifiuti marini ed i rifiuti di plastica. La maggior parte di chi ha risposto ritiene che la sensibilizzazione è importante per ridurre i rifiuti marini e vede le giornate di pulizia delle coste come una risposta necessaria che potrebbe essere coordinata a livello dell’Ue. C’è inoltre un ampio sostegno per la costituzione di un ampio obiettivo di riduzione quantitativo per i rifiuti marini.

Infine, la dimensione internazionale è stata evidenziata da numerosi stakeholders.  A loro avviso, l’Ue  dovrebbe promuovere l’azione internazionale in materia di rifiuti di plastica e di sostenere le migliori pratiche in tutto il mondo, tra le quali la prevenzione rifiuti marini.

Questa consultazione dimostra che, nell’Ue, abbiamo iniziato a muoverci nella giusta direzione. C’è un livello molto elevato di convergenza tra le risposte che abbiamo ricevuto e gli obiettivi più generali di politica che stiamo già portando avanti sulla politica europea dei rifiuti.

Concreti lavori preparatori per spostare la plastica dalle discariche ed per aumentare gli obiettivi di riciclaggio della sono già in corso per la prossima revisione degli obiettivi di rifiuti. Altre questioni saranno affrontate nell’ambito del controllo di idoneità normativo delle nostre direttive sul flusso dei rifiuti, in particolare le direttive sui rifiuti del packagin. Dobbiamo anche adottare al più presto una specifica proposta legislativa riguardante i sacchetti di plastica leggeri.

Gli obiettivi sono ancora un driver utile per gli investimenti in una migliore gestione dei rifiuti, ma il driver vero e proprio che ci conduce verso un’economia circolare è la logica economica per il trattamento dei rifiuti come risorsa. Solo l’attuazione corretta della vigente normativa sui rifiuti creerebbe 400.000 posti di lavoro nell’Ue. I benefici in termini di risparmio di materiali e riduzione delle emissioni di gas serra sono significativi.

Ma il potenziale per muoversi verso un’economia veramente circolare, nella quale i  materiali vengono usati più e più volte, invece di partire per un viaggio di sola andata, è enorme. Credo che con il Libro verde in materia di rifiuti di plastica nell’ambiente questo dibattito abbia avuto un impulso e che ci aiuterà a fare un altro passo avanti verso un’economia circolare.

Grazie per i vostri contributi alla consultazione pubblica e vi auguro un interessante convegno. Spero che ci possa aiutare a mantenere il “fantastic” ed a sbarazzarci del “drastic” nella plastica.

Janez Potočnik, commissario europeo per l’ambiente

*Intervento alla conferenza “The role of plastic waste in a circular economy” – Bruxelles, 30 settembre 2013