Ricerca e sviluppo, in Toscana investimenti per 450 milioni di euro in tre anni

Oggi la firma al ministero dello Sviluppo economico su tre intese, valgono 250 milioni di euro e almeno 240 posti di lavoro

[19 febbraio 2018]

Al dicastero dello Sviluppo economico il presidente della Regione Enrico Rossi e il ministro Calenda hanno firmato oggi tre intese per progetti di ricerca e sviluppo che imprese presenti sul territorio toscano porteranno avanti: valgono 250 milioni di euro di investimenti, in grado di portare in totale almeno 240 nuovi posti di lavoro in Toscana, secondo le stime offerte dalla Regione.

La prima intesa – che porterà a un incremento dell’occupazione locale pari a 70 unità – è relativa a un Accordo di innovazione con Kedrion Spa, che darà il via ad un programma di investimenti in ricerca e sviluppo da 37,5 milioni di euro (di cui 9 dal Mise e 1,5 dalla Regione Toscana) per la produzione di un nuovo preparato di immunoglobuline al 10% per uso endovenoso triplo inattivato da realizzarsi presso le unità produttive di Gallicano (frazione Bolognana) e Barga (frazione Castelvecchio Pascoli).

La seconda intesa con Hitachi Rail spa porterà allo stabilimento di Pistoia 169 posti di lavoro e investimenti in ricerca e sviluppo nel triennio 2018-2020 per un totale di 12,6 milioni di euro (di cui 5,3 dal Mise e 2 dalla Regione Toscana), finalizzati ad implementare il processo di trasformazione digitale degli stabilimenti attraverso l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature al fine di realizzare innovazioni nella piattaforma dei treni regionali sia ad uno che a due piani, una piattaforma innovativa per i tram, un treno metropolitano con la cassa in acciaio.

La terza intesa siglata da Ministero, Regione Toscana e Invitalia è infine relativa ad un Accordo di programma da 50 milioni di euro (40 di provenienza Mise e 10 della Regione Toscana) finalizzato all’attrazione di nuove iniziative imprenditoriali o al consolidamento di quelle esistenti in Toscana che risultino strategiche per le esigenze di sviluppo individuabili a livello territoriale; grazie alla capacità di utilizzare le risorse europee e nazionali, la Regione Toscana ha ottenuto questo ulteriore disponibilità finanziaria che potrà utilizzare per cofinanziare futuri Accordi per l’Innovazione per progetti di ricerca e sviluppo nel quinquennio 2018 – 2023. Si calcola che queste risorse saranno in grado di promuovere investimenti per almeno altri 150 milioni di euro, garantendo così decine di nuovi posti di lavoro stabili.

Le tre intese sottoscritte questa mattina a Roma, in sintesi, comportano investimenti in ricerca e sviluppo per 100 milioni di euro ma è previsto che ne attiveranno per altri 150, da cui i 250 milioni di euro complessivi stimati, che s’inseriscono in un filone di tutto rispetto.

Come ricordano infatti dalla Regione le intese con Kedrion e con Hitachi si aggiungono a quelle per 200 milioni di euro con BHGE relativamente al programma di ricerca Galileo e a quella da 46 milioni di euro per lo sviluppo dello stabilimento e del sito produttivo della Solvay a Rosignano Marittimo. Complessivamente, negli ultimi tre anni gli investimenti in ricerca e sviluppo in Toscana hanno raggiunto la cifra di 450 milioni di euro ai quali si aggiungono i quasi 50 milioni di euro che sono stati impiegati per il consolidamento produttivo e occupazionale di Solvay a Rosignano.