Rifiuti, il polo impiantistico di Scapigliato apre i cancelli alla cittadinanza

Giari: «Indispensabile che chi esprime giudizi lo possa fare sulla base di una conoscenza oggettiva della realtà»

[21 luglio 2017]

A partire da giovedì 27 luglio alle 17 – quando è in programma la prima visita –, tutti coloro che vorranno visitare il polo impiantistico di Scapigliato potranno farlo, in modo osservare con i propri occhi i processi di trattamento dei rifiuti che la Rea Impianti è in grado di mettere in campo, insieme alla discarica più grande della Toscana: il termine ultimo di quel ciclo integrato dei rifiuti che tutti alimentiamo con i nostri consumi e (dunque) con i nostri scarti.

A Rosignano Marittimo il quadro della situazione è però in evoluzione, come noto: il progetto di ottimizzazione gestionale del polo impiantistico di Scapigliato – da oggi sottoposto a procedimento coordinato di Via e Aia da parte della Regione Toscana – cambierà volto all’area, introducendo numerose novità. «In nome della massima apertura e trasparenza, abbiamo deciso di aprire sistematicamente i cancelli di Scapigliato a tutti coloro che sono interessati – spiega dunque l’amministratore unico dell’azienda, Alessandro Giari – Queste visite guidate agli impianti sono una delle tante iniziative che rendono concreta la condizione di trasparenza di Scapigliato e garantiscono la massima diffusione del progetto di continuità ed innovazione del polo impiantistico. È indispensabile, proprio ora che siamo di fronte ad un nuovo sviluppo industriale di Scapigliato, che chi esprime giudizi lo possa fare sulla base di una conoscenza oggettiva della realtà, e non su supposizioni astratte».

Rea Impianti organizzerà le visita in autobus con un giro completo degli impianti e dell’area di Scapigliato, nel quale i tecnici informeranno in maniera dettagliata sugli aspetti attuali e sul progetto futuro: i cittadini avranno così la possibilità di visitare in dettaglio ogni struttura ed ogni area di Scapigliato ed approfondire sul luogo tutti gli aspetti collegati al progetto, sia dal punto di vista della distribuzione sul territorio, sia per le tecnologie utilizzate e i sistemi di gestione.

Sarà forse l’occasione per chiarire anche uno dei punti che più ha suscitato clamore nel progetto di ottimizzazione del polo impiantistico di Scapigliato: un adeguamento dell’impianto che possa rendere possibile il conferimento in sicurezza dell’amianto. Un tema cruciale per il territorio, analizzato ieri nella sua gravità all’interno del Comune di Rosignano Marittimo, dove è stato fatto il punto sul progetto “Rosignano città laboratorio per la prevenzione oncologica”: i mesoteliomi continuano ad aumentare, e a Rosignano «7 in più dal 2015 per un totale di 52 dal 1982 ad oggi».

Per sanare il problema alla radice è indispensabile realizzare le bonifiche, e conseguentemente avere a disposizione un impianto dove conferire in sicurezza i rifiuti contenenti amianto, ad oggi dispersi sul territorio: a livello nazionale, come riconosciuto dal ministero dell’Ambiente e da associazioni come Legambiente, proprio la mancanza di discariche adeguate rende problematico l’avanzamento delle bonifiche. A Scapigliato si sta tentando di colmare (anche) questa lacuna.

I cittadini interessati alla visita guidata possono contattare per la prenotazione l’Ufficio Comunicazione di Rea Impianti (tel 0586 744153 – comunicazione@reaimpianti.it), entro mercoledì 26 luglio alle ore 12.

L. A.