Rifiuti, Rossi: «Sì al confronto coi gestori per verificare le criticità impianto per impianto»

La Regione Toscana risponde all’appello lanciato ieri da Cispel e Alia

[19 aprile 2018]

Ho letto con attenzione le dichiarazioni rilasciate dai vertici di Alia S.p.A. e dal presidente di Cispel Confservizi, Alfredo De Girolamo, in merito alle vicende relative all’impianto biogas di Case Passerini e agli interventi della magistratura. Apprezzo la trasparenza con cui si è reagito alle indagini, che sono tuttora in corso, e ritengo corretto che si chieda alla Regione di fare tutto ciò che è in suo potere per riempire, laddove esistono, vuoti normativi e di pianificazione che potrebbero non favorire una corretta gestione degli impianti di smaltimento.

Pertanto, accolgo la richiesta che mi viene rivolta di convocare un tavolo con i gestori per verificare, ‘caso per caso’ e ‘impianto per impianto’, le criticità e definire, nel rispetto della legge e nell’interesse dell’ambiente e della salute dei cittadini, le soluzioni e gli interventi più appropriati.

Faccio inoltre presente che proprio oggi (ieri, ndr) il Parlamento europeo ha approvato il pacchetto sull’economia circolare che prevede che entro il 2035 non più del 10% dei rifiuti potrà essere smaltito nelle discariche. E che la raccolta differenziata (il riciclo, ndr) dovrà arrivare al 65%. Questa è la strada sulla quale vuole dirigersi la Regione Toscana.

di Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana