Il gestore unico dell’Ato sud ha ratificato le nomine dei componenti del Cda

Chi è Roberto Paolini, il nuovo presidente dei Sei Toscana

«Piano industriale che valorizzi la raccolta differenziata e l’avvio al riciclo dei materiali»

[19 maggio 2016]

Roberto Paolini e Simone Viti2.jpg

Commercialista senese, 60 anni, vanta un’esperienza pluriennale come dirigente d’azienda e amministratore in diverse realtà di rilievo sul territorio: è l’identikit di Roberto Paolini (a sinistra, nella foto), nuovo presidente di Sei Toscana. Subentra a Simone Viti giunto al termine del suo mandato, iniziato nel 2014, e ai quali vanno gli apprezzamenti del nuovo presidente. «Mi sembra doveroso rivolgere a nome dell’intera azienda un ringraziamento agli amministratori che ci hanno preceduto ed in particolare al presidente Simone Viti per l’ottimo lavoro svolto sino ad oggi – afferma Paolini alla soglia del nuovo incarico – Non è facile integrare sistemi e processi lavorativi di realtà diverse e allo stesso tempo riuscire ad offrire all’utenza servizi di qualità. Dai primi dati che ho avuto modo di visionare emerge chiaramente come tale percorso sia stato perseguito con tenacia, determinazione ed efficacia e come, soprattutto, lo stesso risulti in fase avanzata».

E Paolini, nel ringraziare chi lo ha preceduto, guarda al futuro: «L’azienda dovrà proseguire nella razionalizzazione e semplificazione della logistica e della modalità di gestione dei servizi, portando avanti un piano industriale che preveda innanzitutto la valorizzazione della raccolta differenziata e dell’avvio al riciclo dei materiali raccolti». Paolini affronta così il nuovo incarico consapevole della sfida ambiziosa che ha davanti, ma anche delle potenzialità del nuovo soggetto imprenditoriale che è chiamato a guidare.

Assieme al nuovo presidente, l’assemblea dei Soci di Sei Toscana ha ratificato anche le nomine dei componenti del Consiglio di amministrazione, composto da: Eros Organni (confermato nel ruolo di amministratore delegato della società), Arturo Bernardini, Marco Buzzichelli, Stefano Carnevali, Luana Frassinetti, Fabrizio Frizzi, Riccardo Panichi e Giuseppe Pinto. Il collegio dei sindaci revisori risulta invece composto da: Maurizio Cerofolini (presidente), Alessandro Manetti e Marco Turchi.

Il presidente uscente, Simone Viti, nell’augurare buon lavoro a Roberto Paolini saluta e commenta così la sua esperienza: «Il mio compito è stato quello di guidare la società in una fase decisiva per il consolidamento del servizio, un lavoro impegnativo, ma credo ne sia valsa la pena. Sei Toscana è oggi uno dei principali operatori nazionali e un polo aggregante per la gestione dei rifiuti in Toscana. In questi anni abbiamo lavorato molto per offrire sempre più servizi ai cittadini, come è stato per le tante attivazioni di raccolta domiciliare e per l’inaugurazione di nuove strutture a supporto della raccolta o come per l’apertura di nuove sedi operative per i nostri dipendenti. Abbiamo lavorato ogni giorno con l’obiettivo di rafforzare il rapporto diretto con il territorio e con i cittadini, grazie ad una continua attività di comunicazione, confronto e scambio con le amministrazioni comunali, con l’autorità di ambito, le scuole ed i singoli cittadini. Ringrazio quindi tutti per il prezioso lavoro svolto in questi anni, auguro al nuovo Cda il meglio e all’azienda di sfruttare nel miglior modo possibile le numerose e valide professionalità che ne fanno parte».