Verso una economia circolare. Come arrivarci secondo il commissario Ue Vella (VIDEO)

«Per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, dobbiamo cambiare il nostro modello economico lineare»

[13 giugno 2016]

Karmenu Vella

L’economia circolare è un insieme di soluzioni tangibili e la nostra migliore possibilità di raggiungere modelli sostenibili di produzione e consumo. Le implicazioni sono enormi, non solo per il modo di fare business, ma anche per i lavori del futuro e per il mondo naturale che ci circonda.

Prendiamo l’esempio particolare dai mari. Quest’anno, un numero insolitamente alto di cetacei si sono arenati sulle  spiagge in Europa. Quando 13 capodogli sono morti sulla costa nei pressi di Toenning in Germania a febbraio, le autopsie sono stati inconcludenti, ma i cetacei condividevano tutti una caratteristica notevole. i loro stomaci erano pieni di pezzi di plastica di tutte le dimensioni, dai piccoli noduli a una rete da pesca di 13 metri.

I cetacei sono creature sorprendenti, con il più grande cervello di qualsiasi animale mai conosciuto. Vivono in gruppi sociali affiatati, parlano una lingua che non possiamo capir  e possono immergersi a più di un chilometro sotto le onde. I loro scheletri pendono dal  soffitto di musei di tutto il mondo, e se ci si trova  al di sotto di queste strutture ad arco si  è presi da grande timore. Eppure, come specie, non abbiamo ancora imparato a impedire alla nostra plastica di finire nell’oceano, dove inquinerà la colonna dell’’acqua per i decenni a venire.

Questa spazzatura è una parte di un problema globale ben più grande. Il nostro pianeta si sta riscaldando, le specie stanno scomparendo, e le risorse da cui dipendiamo stanno diventando scarse. Se continuiamo lungo il percorso del “make, use, dispose”,  gli effetti collaterali indesiderati sono inevitabili. Almeno un terzo dei rifiuti di plastica del mondo non vengono né raccolti né gestiti, quindi non è una sorpresa che ne finiscano  in mare così tanti. E non sono solo creature marine che soffrono per un tale approccio; è difficile vedere come si possa raggiungere i Sustainable Development Goals con il nostro attuale modello economico. Non abbiamo ancora imparato a impedire alla nostra plastica di finire nell’oceano, dove sarà inquinare la colonna d’acqua per i decenni a venire.

Ma possiamo cambiare, come abbiamo fatto prima. La creatività e l’innovazione umane sono infinite e siamo in grado di portare salute e prosperità a miliardi di persone in modi che sfruttino molte meno risorse. Ma questo richiede di passare dal nostro modello economico lineare ad un modello più circolare, nel quale i  rifiuti diventino una cosa del passato.

Una economia circolare gioverebbe al nostro ambiente, ma è anche economie intelligenti. L’idea è quella di mantenere una determinata risorsa in circolazione il più a lungo possibile. Questo significa la progettazione di prodotti, di processi e di servizi per ottimizzare l’utilizzo delle risorse, in modo che quando qualcosa raggiunge la fine della sua vita utile, la riutilizziamo, la ripariamo o la ricostruiamo per un altro utilizzo. O  ricicliamo i materiali in essa contenuti e li ri-immettiamo altrove nell’economia.

Ci sono implicazioni per molti ambiti di attività. Dobbiamo costruire la circolarità nell’energia, nei trasporti e nelle costruzioni. Significa un’agricoltura più verde, lottare contro i cambiamenti climatici, preservare la biodiversità ei servizi ecosistemici. Abbiamo bisogno di modelli di business diversi. E ci sono importanti implicazioni per il modo in cui controlliamo le nostre economie. Dobbiamo spostare le tasse dal lavoro all’inquinamento e all’uso delle risorse, smettere di sovvenzionare le attività che danneggiano l’ambiente e ad incoraggiare l’industria ad avere una visione a lungo termine e a  investire in tecnologie a minore intensità di risorse.

Appena due mesi dopo l’accordo storico per gli obiettivi di sviluppo sostenibile a New York, la Commissione europea ha presentato un pacchetto per consentire la transizione verso un’economia più circolare. Comprende misure per l’intero spettro economico, dalla progettazione e alla produzione, al consumo e al riciclaggio. I rifiuti alimentari sono un settore di particolare interesse. L’obiettivo 12 per lo sviluppo sostenibile – garantire modelli di consumo e di produzione sostenibili – include l’obiettivo di dimezzare lo spreco alimentare entro il 2030. La Commissione è impegnata ad aiutare i cittadini a centrare  questo obiettivo, e l’azione proseguirà.

Anche le materie plastiche, saranno messe sotto il microscopio, con sforzi rinnovati per aumentare il riciclaggio e affrontare le sfide che questo materiale vitale presenta in tutto il suo ciclo di vita: compreso naturalmente di ridurre in modo significativo i rifiuti marini.

Quattro mesi dopo il lancio dell’iniziativa sull’economia circolare, le prime misure concrete includono nuove regole per i fertilizzanti, rendendo più facile per i produttori di riutilizzare le materie prime che in precedenza venivano smaltite come rifiuti, e l’apertura del mercato unico europeo ai fertilizzanti biologici e basati sui rifiuti. I prossimi mesi vedranno molte più iniziative in settori quali green public procurement, eco-design, rifiuti alimentari, plastica, riutilizzo dell’acqua, prodotti chimici e innovazione. Questi rappresentano tanti piccoli passi che, mi auguro, ci porteranno molto più vicino alla nuova economia della quale abbiamo bisogno.

L’Ue rimane il mercato più aperto del mondo e il più grande donatore mondiale di aiuti allo sviluppo. Stiamo già sostenendo i Paesi in via di sviluppo negli sforzi per la produzione e il consumo più sostenibili. L’Ue investirà 1,3 miliardi di euro appositamente per l’ambiente e beni pubblici globali legati al clima e alle sfide per il 2020, tra cui, ad esempio, 154 milioni nelle foreste e 81 milioni di euro per l’acqua.

In un mondo globalizzato, se vogliamo che il concetto di economia circolare raggiunga il suo pieno potenziale, avremo bisogno di trasformare le nostre economie a livello globale. L’Europa non può farlo da sola. Troviamo i modi per accelerare questi trend positivi e per rendere la circolarità il nostro modo naturale di pensare. Sono sicuro che questa sia la via da seguire, se vogliamo mantenere l’impegno che abbiamo preso tutti lo scorso settembre per un’azione globale per lo sviluppo sostenibile.

di Karmenu Vella –  commissario europeo all’Ambiente, affari marittimi e pesca

Pubblicato nell’ultimo numero di  OurPlanet, la rivista dell’Unep, con il titolo “Go Circular. To achieve the Sustainable Development Goals, we must change our linear economic model».

Videogallery

  • Circular Economy… it’s the way forward