In carcere il mandante dell’assassinio di Berta Cáceres, è il presidente della compagnia elettrica dell’Honduras (VIDEO)

A processo 9 persone legate a Edesa e ai militari. I veri mandanti sono ancora più in alto?

[13 marzo 2018]

La Fiscalía Especial de Delitos Contra la Vida  e l’Agencia Técnica de Investigación Criminal  dell’Honduras hanno presentato in tribunale le prove  per richiedere il processo e la carcerazione preventiva per la nona delle persone finora coinvolte nell’omicidio dell’ambientalista Berta Isabel Cáceres Flores, Premio Goldman 2015. E si tratta del pesce più grosso finora caduto nella rete: l’ingegnere elettrico Roberto David Castillo Mejía, accusato di essere il mandante dell’omicidio e che al momento del crimine era presidente esecutivo dell’Empresa Desarrollos Energéticos (Desa), la compagnia elettrica dell’Honduras.

Secondo l’accusa, Castillo Mejía  avrebbe organizzato la logistica e fornito risorse a uno degli autori materiali del delitto che è già stato processato per l’omicidio dell’ambientalista avvenuto il 3 marzo 2016 e sul quale ha indagato il procuratore generale Oscar Fernando Chinchilla, raccogliendo prove tecniche e scientifiche che dimostrano il coinvolgimento di diverse persone. Attualmente gli imputati sono: Sergio Ramón Rodríguez Orellana (direttore Desa), Douglas Geovanny Bustillo (un ex militare), Mariano Díaz Chávez (un maggiore dell’esercito), i fratelli Edilson Atilio Emerson e Eusebio Duarte Meza, Elvin Heriberto Rápalo Orellana, Henry Javier Hernández Rodríguez ed Oscar Aroldo Torres Velásquez, ma probabilmente nell’assassinio della leader indigena del  Consejo Cívico de Organizaciones Populares e Indígenas de Honduras (Copinh) sono coinvolte altre persone e i mandanti sono molto in alto fino agli ambienti del governo di destra dell’Honduras che si è nuovamente imposto con elezioni truccate.

Quel che è certo è che attualmente l’ex potente presidente esecutivo di Desa, David Castillo Mejía è  dal 10 marzo in custodia nel  Centro Penitenciario di Támara dopo essere stato catturato il 2 marzo  e che tra gli accusati dell’omicidio della Cáceres la maggioranza ha stretti rapporti con Desa e/o con le Fuerzas Armadas de Honduras. il pilastro del governo golpista di destra di Tegucigalpa.

La nota ambientalista si opponeva proprio a un progetto idroelettrico della Desa che avrebbe devastato un fiume dal quale dipende la popolazione indigena e Castillo per questo avrebbe ordinato la sua eliminazione. La coordinatrice della Red Nacional de Defensoras de Derechos Humanos en Honduras, Yessica Trinidad,  ha assicurato il suo appoggio al Copinh e ai familiari della Cáceres durante il processo e ha detto a Mongabay Latamv che «Mentre esigiamo giustizia per l’assassinio di Berta Cáceres, l’obiettivo è anche quello di  chiedere di indagare sui crimini e le persecuzioni contro altri attivisti e leader sociali, indigeni e ambientalisti».

I difensori dei diritti umani e dell’ambiente in Honduras sanno bene che al rinvio a giudizio degli assassinio e dei mandanti dell’omicidio della Cáceres si è arrivati solo grazie alla pressione internazionale e alla lotta delle organizzazioni sociali e indigene che presidiavano anche il tribunale durante l’udienza che ha decretato il rinvio a giudizio e la carcerazione preventiva per Castillo Mejía. La Trinidad fa notare che «Non è un caso che in questo Paese la Cáceres avesse denunciato con nome e cognome quelli che oro sono sotto processo con legami con i militari e le imprese. C’è stata una cospirazione tra Desa e le forze di sicurezza, fino agli operatori di giustizia del Paese.

Nel novembre 2017 vennero arrestati per l’assassinio della Cáceres un agente di polizia in attività, Juan Carlos Cruz, e l’ex poliziotto Miguel Arcángel Rosales. entrambi inizialmente assegnati alle indagini sul caso Cáceres. La procura sta indagando sulle prove false presentate dalla giustizia hondureña per cercare di depistare le indagini.

Quantio a Castillo Mejía, è venuto fuori che nel 2015 aveva creato un gruppo WhatsApp di alti dirigenti Edesa, tra i quali figurava Rodríguez Orellana, che progettavano azioni contro  la Cáceres per indebolire il movimento ambientalista e indigeno contrario alla diga idroelettrica. Da allora Castillo Mejía  cominciò a scambiarsi messaggi con Bustillo per realizzare azioni contro gli attivisti ed ucciderne e ferirne qualcuno.

Il Copinh  fin dall’inizio aveva denunciato chela giunta esecutiva della  Desa, dominata dalla famiglia Atala, era coinvolta nell’omicidio della sua leader e ora dice che «Continuerà a denunciare tutta la struttura omicida che sta dietro l’assassinio della nostra compagna Berta Cáceres e della quale  David Castillo è solo un pezzo»- Ma Desa e il suo progetto Agua Zarca hanno appoggi internazionali: dal  2011, quando venne presentato il progetto che è costato la vita alla  Cáceres la compagnia hondureña ha ricevuto finanziamenti dal Banco Centroamericano de Integración Económica, da Usaid, dalla banca per lo sviluppo olandese Fmo e dal FinnFund che hanno smesso di dare soldi a questa banda di tagliagole e cleptomani solo dopo l’assassinio della Cáceres, ma non mentre Edesa e i militari reprimevano brutalmente il movimento ambientalista indigeno.

La figlia della Cáceres, Bertha Zúñiga, attuale coordinatrice del Copiinh, conclude: «E’ chiaro che la costante richiesta, a livello nazionale e internazionale, di catturare dei mandanti e degli assassini della  Cáceres ha pesato, però ora c’è il rischio che con  la cattura di Castillo Mejía la missione sia considerata conclusa. Il timore che ci tiene svegli è che possa essere messo un limite alle indagini sui mandanti.  Noi parliamo sempre al plurale, perché questo assassinio non risponde a un interesse di un singolo, Risponde all’interesse di un’impresa per placare la lotta di una comunità e la lotta di un’organizzazione».

Videogallery

  • #EMMP2016 "Berta", corto audiovisual hondureño para el Encuentro Mundial de Movimientos Populares