Detrazioni per le ristrutturazioni e per il risparmio energetico: le novità della legge di Stabilità 2014

[9 gennaio 2014]

La Legge di Stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013, n. 147, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 27/12/2013) ha reso definitive le proroghe relative alle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni (ex 36%) e quelle del 65% per il risparmio energetico (ex 55%). Vediamole nel dettaglio.

Detrazione per gli interventi di efficienza energetica (Detrazioni del 65% dall’Irpef o dall’Ires, ripartita in 10 quote annuali di pari importo)

Le Detrazioni per gli interventi di efficienza energetica, in seguito alla pubblicazione della Legge di Stabilità 2014 sono state prorogate nella misura del 65% per spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014 e nella misura del 50% per le spese sostenute dal primo gennaio 2015 al 31 dicembre 2015.

I condomini. Le detrazioni sono poi posticipate di ulteriori 6 mesi nel caso di interventi che riguardino le parti comuni di edifici condominiali oppure tutte le unità abitative di un condominio. In questo caso, infatti, le detrazioni sono prorogate nella misura del 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 30 giugno 2015 e nella misura del 50% per spese sostenute dal primo luglio 2015 al 30 giugno 2016.

Al termine delle proroghe tecnicamente finiranno anche le Detrazioni per l’efficienza energetica, ma si potrà però accedere alle Detrazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione (detrazioni del 36%, vedi sotto).

Detrazione per gli interventi di ristrutturazione (Detrazioni del 50% dall’Irpef ripartita in 10 quote annuali di pari importo)

Anche per quanto concerne gli interventi di ristrutturazione (tra i quali possono rientrare anche gli interventi finalizzati al conseguimento dei risparmi energetici) la Legge di Stabilità 2014 ha prorogato le detrazioni fiscali nella misura del 50% per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2014 e nella misura del 40% per le spese sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015. Per tutta la durata della proroga l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio sarà di 96.000 euro. Al termine della proroga, cioè per le spese sostenute a partire dal primo gennaio 2016, le Detrazioni torneranno ad essere del 36% e l’importo massimo di spesa ammessa al beneficio tornerà a 48.000 euro.

Le proroghe hanno riguardato anche due casi particolari delle detrazioni per le ristrutturazioni, ovvero quelle relative agli interventi antisismici e quelle relative all’acquisto di mobili ed elettrodomestici efficienti. Nel primo caso (interventi relativi all’adozione di misure antisismiche con particolare riguardo all’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica, in particolare sulle parti strutturali, per la redazione della documentazione obbligatoria atta a comprovare la sicurezza statica del patrimonio edilizio, nonché per la realizzazione degli interventi necessari al rilascio della suddetta documentazione) le detrazioni saranno del 65% fino al 31 dicembre 2014, scenderanno al 50% per l’anno successivo e torneranno al 36% a partire dal primo gennaio 2016. Nel secondo caso, il cosiddetto Bonus arredi (acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica, finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione), le detrazioni saranno del 50% fino al 31 dicembre 2014 e saranno possibili per un ammontare di spesa massimo di 10.000 euro.