Efficienza energetica: «Fermate il decreto sui titoli». Appello di Free a Governo e Regioni

Fare tesoro delle critiche dell’Autorità per l’energia alla vigilia dell’esame del decreto in Conferenza unificata Stato – Regioni

[18 aprile 2018]

Il Coordinamento Free, Fonti rinnovabili ed efficienza energetica,  lancia appello urgente a Regioni e governo uscente: «Chiediamo alle Regioni e al Governo presieduto da Paolo Gentiloni di sospendere l’approvazione del decreto sui titoli di efficienza energetica in attesa che un nuovo Governo possa fare una riflessione più approfondita sul tema, facendo tesoro delle osservazioni critiche che l’Autorità per l’energia (Arera) ha espresso formalmente sul decreto, partendo dalle proposte degli stakeholders contenute nel documento elaborato dal Gruppo di lavoro su Efficienza energetica dell’Osservatorio permanente della Regolazione energetica, idrica e del teleriscaldamento».

Un appello che arriva  alla vigilia dell’esame in Conferenza unificata Stato – Regioni del decreto predisposto dal ministero dello sviluppo economico di concerto con il ministero dell’ambiente sui titoli di efficienza energetica.

La nota del Coordinamento Free conclude: «Questo decreto si è reso necessario, perché in pochi mesi è letteralmente esploso il prezzo dei titoli sul mercato arrivando a superare i 400 euro, quando negli scorsi anni era sempre stato poco oltre i 100 euro. Un’impennata dovuta solo in parte a speculazioni (di cui si è interessata anche la magistratura) e piuttosto agli ostacoli posti da regole astruse, cambiamenti in corsa, provvedimenti retroattivi che hanno mortificato l’offerta dei titoli sul mercato. Il decreto proposto dal Mise però non affronta nessuno di questi problemi, e si limita a fissare un tetto a 250 euro, alleggerendo gli obblighi sul lato domanda. Insomma un rimedio peggiore del male perché da una parte si mortificano i meccanismi di mercato e dall’altro si fa concreta la possibilità che i titoli non possano più contribuire in maniera efficace al raggiungimento dei target sull’efficienza che il nostro paese ha sottoscritto in Europa e su cui ancora troppo poco fa con scelte concrete di governo. Peraltro il semplice annuncio del decreto ha consentito la riduzione del prezzo dei titoli di efficienza energetica che già nell’asta di ieri è sceso a circa 300 euro facendo venir meno anche l’urgenza dello stesso».