Energia distribuita: microreti in paradiso. Palau produrrà il 45% di energia rinnovabile

La più grande microrete al mondo, svolta verso un'energia economica, pulita ed affidabile

[12 ottobre 2018]

La Repubblica di Palau, un piccolo Stato insulare dell’Oceania, ha annunciato oggi la firma dell’accordo Armonia per l’acquisto di energia con Engie Eps, leader tecnologico mondiale in microreti ed accumulo di energia, gtecnologie che la renderanno un paese resiliente, low.carbon e leader della transizione energetica verso un’energia pulita e distribuita.

Per Palau si tratta di un passaggio chiave per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi che si è data  per la mitigazione e l’adattamento climatico. Infatti, questo Stato di 459 Km2 con 22.000 abitanti che vivono in una miriade di isole e atolli che rischiano di affondare nell’Oceano Pacifico se il livello del mare continua ad aumentare, si è impegnato a raggiungere l’obiettivo del 45% di energia da fonti rinnovabili entro il 2025 e ridurre del 22% delle emissioni del settore energetico rispetto al 2005. Questo progetto, che è stato chiamato Armonia, consentirà alla Repubblica di Palau di raggiungere i suoi obiettivi energetici almeno 5 anni prima di quanto previsto.

Si tratta di «Un sistema solare dispacciabile da 35 MW di energia rinnovabile e 45 MWh di accumulo, combinato con l’attuale produzione a diesel per trasformare la rete di Palau in un sistema smart, integrato con oltre 100 MW di potenza installata, che rappresenterà la più grande microrete al mondo e lo stato dell’arte della tecnologia. Si stima che l’energia rinnovabile prodotta da fonte solare coprirà oltre il 45% della domanda energetica complessiva di Palau».

Il presidente di Palau, Tommy Remengesau, ha sottolineato che «Nel mezzo della transizione energetica globale, è un imperativo categorico mitigare i mutamenti climatici e promuovere l’adattamento ad essi. Riducendo la nostra carbon footprint, limiteremo anche la vulnerabilità delle nostre infrastrutture energetiche a fronte dell’innalzamento dei mari e dei disastri naturali. Produciamo energia più pulita, ma anche affidabile, accessibile ed economica per quei cittadini del mondo che vivono in prima linea i cambiamenti climatici. La nostra partnership con Engie ha accelerato la transizione di Palau verso un futuro rinnovabile e resiliente».

Con la firma di questo accordo questo piccolo Stato della Micronesia si garantirà 30 anni di energia pulita ad un prezzo competitivo e fisso che consentirà a Palau di sostituire gran parte degli attuali inquinanti generatori a diesel: «Il progetto ridurrà drasticamente le emissioni di CO2 della nazione e comporterà risparmi sostanziali nella bolletta energetica complessiva, offrendo a Palau accesso ad energia rinnovabile, affidabile ed economica».

Il progetto Armonia è stato originariamente sviluppato dalla statunitense  GridMarket nell’ambito della sua partnership pubblico-privato con il governo di Palau. per definire una strategia nazionale di transizione basata sull’impronta energetica unica di Palau. GridMarket ha raccolto sul mercato offerte competitive e selezionato Engie Eps come partner ideale per implementare l’opportunità di microrete a Palau. Il dimensionamento finale, la valutazione geotecnica ed il progetto esecutivo saranno completati da Engie Eps; l’avvio dei lavori è previsto per la fine del 2018 e la messa in servizio è prevista entro la fine del 2019. Una partnership che consentirà a Palau di sperimentare la più rapida transizione energetica mai vista e di dimostrare come il modello Palau possa ave un impatto a cascata sull’economia energetica globale.

Ne è convinto anche Carlalberto Guglielminotti, amministratore delegato e direttore generale di Engie Eos, che spiega che «Questa microrete da 100 MW non è solo uno dei più grandi progetti solari al mondo, ma una vetrina per l’intero settore energetico globale» e Paul Maguire, presidente e amministratore Delegato di Engie Asia Pacifico conclude: «L’accesso universale, economico ed affidabile all’energia pulita sarà realtà a Palau in pochi mesi ed abbiamo l’ambizione e l’impegno di replicare questo modello in tutto il mondo grazie alla portata globale di Engie»,