Energia, riunione dei ministri Ue: adattarsi a una nuova era

«Utilizzare l'energia in modo più efficiente e aumentare la quota delle energie rinnovabili»

[11 aprile 2016]

energie_ministers_1

Oggi ad Amsterdam si è tenuto un Consiglio energia informale sul funzionamento del mercato elettrico e la cooperazione tra gli Stati. In un comunicato la presidenza di turno olandese dell’Ue dice che i ministri dell’energia dell’Ue hanno aperto alla creazione di un mercato interno unico «per dotare l’ Unione europea di un approvvigionamento energetico sostenibile, affidabile e finanziariamente abbordabile. I ministri dell’energia e la Commissione europea esaminano insieme sfide quali l’integrazione dell’energia rinnovabile, la sicurezza dell’approvvigionamento e la cooperazione regionale».  E’ in questa prospettiva che si iscrive la firma da parte di Olanda e Belgio di una dichiarazione politica comune per la cooperazione energetica.

Il ministro dell’economia olandese,  Henk Kamp, dopo aver ricordato che uno dei motivi per i quali  nel XVII secolo  sono stati costruiti i  canali di Amsterdam era per il trasporto di torba per riscaldarsi,  detto che «poi si è passati al legno, poi a carbone, petrolio e gas, e oggi otteniamo la nostra energia da un mix di fonti», ma ora Amsterdam è una della capitali europee dell’innovazione energetica, dove si lavora per rispettare l’Accordo di Parigi che «chiede al mondo per limitare gli effetti dei cambiamenti climatici e di passare a fonti più sostenibili di energia. L’Ue si era già posta un obiettivo a lungo termine di ridurre le emissioni di gas serra dell’80-95% nel 2050. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo utilizzare l’energia in modo più efficiente e aumentare la quota delle energie rinnovabili. E mentre facciamo  questo, dobbiamo assicurarsi che le luci restino accese e che le nostre bollette energetiche rimangano accessibili. Questo richiede più di cambiamenti e non solo nell’utilizzo e nella produzione. Le nostre infrastrutture, la legislazione, i mercati e le istituzioni devono essere adattati ad una nuova era. Ci stiamo spostando da un piccolo numero di tecnologie e vettori energetici ad un mix più diversificato. Dalla produzione fissa  alla produzione di energia sempre più flessibile. E da un mercato con un numero limitato di players  a una situazione in cui i consumatori possono anche essere produttori. Dobbiamo adattare il nostro intero sistema a questa nuova realtà. Ciò richiederà ingenti investimenti, non solo da parte nostre compagnie energetiche, ma di tutti noi».

Kamp  ha sottolineato che «Con i prezzi del petrolio così bassi, si potrebbe essere tentati di rinviare questi investimenti. Ma che sarebbe un penny saggio  e una sterlina sciocca, perché nel lungo termine, saranno essenziali. Per garantire la competitività, per mantenere l’energia a prezzi accessibili e per rilanciare la nostra economia. Questo problema riguarda tutti i nostri Paesi. Quindi ha senso affrontarli insieme. In realtà, se vogliamo mantenere i nostri sistemi energetici a prezzi accessibili e affidabili, è fondamentale lavorare insieme. L’adozione di nuove forme di energia su scala europea è più facile e più efficiente. Aumenterà la concorrenza. E se tutti noi abbiamo accesso a tutta l’energia disponibile in tutta Europa, un mercato unico pienamente integrato potrebbe inoltre garantire la sicurezza dell’approvvigionamento energetico. Lo sappiamo tutti. Ma è abbastanza ovvio che negli ultimi anni l’Ue ha lottato per raggiungere il suo obiettivo sul mercato interno dell’energia. Abbiamo davvero bisogno di uno sforzo maggiore nell’uniformare e coordinare le nostre politiche energetiche. L’attuale dibattito sul progetto del mercato dell’energia elettrica fornisce un’ottima occasione per affrontare tutto questo».

La Commissione Ue presenterò le  proposte legislative entro la fine dell’anno e i ministri sono chiamati a dare indirizzi politici. «Un mercato interno è l’obiettivo finale, ma è chiaro che non possiamo arrivare nottetempo con l’odierno patchwork  di diverse politiche nazionali – ha ammonito Kamp – La cooperazione regionale può essere il trampolino di lancio. Gli Stati membri stanno già allineando i loro interessi, la costruzione di reti e collegando i loro mercati. Il piano d’interconnessione del mercato energetico del Baltico, e il Forum Energia pentalaterale sono solo due esempi».

A differenza dell’Italia, l’Olanda ha un Piano energetico che arriva fino al 2050 e che coinvolge aziende, istituzioni della conoscenza e agenzie governative. Nel 2013 l’Olanda ha approvato l’accordo per l’energia per la crescita sostenibile, che definisce come soddisfare il suo fabbisogno di energia fino al 2023. Iniziative che godono di un forte sostegno sociale e politico. «Vogliamo continuare insieme su questa strada anche dopo il 2023 – ha detto il ministro – Quindi, la settimana scorsa abbiamo lanciato un ampio dialogo per capire come soddisfare dopo  i nostri bisogni energetici. L’obiettivo del governo olandese è chiaro: un sistema energetico a basse emissioni entro il 2050. E il modo per raggiungere questo obiettivo è quello di lavorare con i nostri cittadini, le imprese e le istituzioni».

Kamp ha concluso: «E’ per questo che sono felice che le imprese e le istituzioni della conoscenza siano rappresentate qui questa sera. Il loro lavoro sia di ispirazione per il nostro compito come ministri: la creazione di un mercato forte e efficiente, un clima per gli investimenti affidabile e una rete in cui le nostre aziende possono costruire sulle rispettive tecnologie, innovazioni e modelli di business. Per un approvvigionamento energetico sostenibile e a prezzi accessibili; per un’Europa competitiva»