Entro il 2020 la Finlandia diventerà il Paese modello per un trasporto sostenibile

[17 giugno 2014]

La verde Finlandia nel 2020 sarà percorsa da veicoli a basse emissioni che andranno ad energie rinnovabili, elettricità, idrogeno e biocarburanti sostenibili. La quota di trasporto pubblico e del car-pooling nelle aree urbane densamente popolate aumenterà. La mobilità organizzata attraverso servizi di facile utilizzo diventerà una valida alternativa all’acquisto di un’auto privata. Non è un’utopia ma la TransSmart vision di Vtt Technical Research Centre of Finland di «Un Paese  modello per un trasporto sostenibile che si concentra sull’efficienza dei veicoli, sistemi e servizi. Il trasporto sarà una fusione di fonti energetiche sostenibili, tecnologia avanzata, sicurezza, elevati livelli di servizi,  alternative di mobilità e nuovi modi di operare».

Secondo Nils-Olof Nylund  manager del TransSmart Programme,  «La messa a punto dei veicoli o lo sviluppo dei combustibili rinnovabili semplicemente non sarà sufficiente nel lungo periodo. Deve essere fatto il revamping dell’intero sistema. Per esempio, non renderemo il mondo un posto migliore circolando ad Helsinki con le auto elettriche. Occupano tanto spazio quanto le automobili convenzionali alimentate  a benzina o diesel. I modi per ottenere il cambiamento avverranno attraverso l’aumento della quota del trasporto pubblico e ripensare i servizi di mobilità e logistica per includere le opinioni delle persone che hanno bisogno dei servizi».

Raine Hautala, a capo del settore Transport Services  del TransSmart programme, sottolinea che «Le smart transport solutions creano  viaggi più efficienti  e filiere logistiche ed  una panoramica dello stato del sistema di trasporto in tempo reale. L’idea è che gli utenti saranno in grado di selezionare diverse opzioni di servizio e di combinarle facilmente in filiere di viaggio adatte: auto privata, a piedi, in bicicletta, bus, taxi, domanda di trasporto reattivo, car-pooling, utilizzo congiunto di auto e trasporti, tram, metropolitana, treno o aereo. Ciò porterebbe ad una ridotta necessità di proprietà dell’auto o di realizzazione di garage e strade. Il nodo della idea è quella di ottenere un aumento della fluidità, facilità d’uso e accessibilità delle filiere di  viaggio. Il servizio di accessibilità copre anche il pagamento sicuro e senza problemi».

Nel 2020 un numero crescente di nuove auto andrà ad energie rinnovabili e quelle elettriche raggiungeranno il 10-15%, con un boom di ibride ricaricabili. L’elettrificazione degli autobus è già iniziata ed entro il 2020 nell’area metropolitana di Helsinki  ci saranno più di 100 autobus elettrici. In Finlandia  sono già attivi nuovi impianti di produzione di biocarburanti sostenibili, intanto il consumo di energia dei trasporti è in costante calo  e l’obiettivo nazionale 2020 per il 20% di biocarburanti nel 2020 è soddisfatto.

Uno dei principali progetti di ricerca sui trasporti intelligenti di VTT è DRIVE C2X  che prevede la sperimentazione e lo sviluppo di nuovi servizi di trasporto intelligenti basati sul trasferimento di dati tra i veicoli. Il progetto, coordinato da Daimler, prevede la partecipazione di istituti di ricerca europei insieme a un certo numero di case automobilistiche europee.

Lo Smart Transport Corridor tra Helsinki e San Pietroburgo, in Russia, creerà anche nuovi servizi per  passeggeri, automobilisti privati ​​e mezzi pubblici. Lo sviluppo del VEDIA Multi-Service concept, un progetto capeggiato da VTT e Vediafi, migliorerà la fluidità del traffico al  confine tra Finlandia e Russia, migliorando nel contempo la sicurezza dei trasporti e l’esperienza di viaggio, anche attraverso informazioni in tempo reale sulle condizioni del traffico e meteorologiche e sul trasporto pubblico.

Un di come un servizio pubblico possa migliorare la sicurezza stradale è il servizio eCall di chiamata d’emergenza a bordo dei veicoli, basato sul numero di emergenza europeo 112. VTT ha sviluppato il sistema eCall in collaborazione con la Commissione europea, gli Stati membri, l’industria ed  altri istituti di ricerca. Il servizio sarà introdotto nell’Ue ntro il 2017, quando diventerà obbligatorio per tutti i nuovi modelli di auto e furgoni. In caso di incidente stradale, i sensori di bordo rilevano l’incidente, il sistema eCall invia una chiamata di emergenza dal veicolo all’emergency response centre (Erc) più vicino ed invia alcuni dati, tra i quali l’esatta posizione geografica del veicolo. Dopo la trasmissione dei dati essenziali, il sistema di bordo apre una connessione vocale tra il veicolo e l’Erc.

Alla Vtt sottolineano che «Il mercato internazionale dei dispositivi intelligenti per i trasporti ha una crescita annua stimata di circa il 20%. Nuovi servizi di trasporto intelligenti danno origine anche a nuove opportunità di business per le imprese finlandesi». Un esempio è il progetto Finnish Road Meteo Excellence (Vaisala, Arctic Machine, Foreca, Teconer, VTT), che ha dimostrato il notevole potenziale extra sul mercato per l’ alto livello di competenza finlandese nelle manutenzioni stradali invernali.

Il key account manager Vtt, Karri Rantasila, evidenzia che «Il trasporto intelligente sta generando molto interesse, ma dobbiamo aspettare un po’ prima di vedere il livello al quale inizierà a materializzarsi un business redditizio per la Finlandia. Le compagnie dovranno essere in grado di sviluppare prodotti e servizi competitivi a livello internazionale».

Per far questo è essenziale la cooperazione tra tutti i principali protagonisti del settore dei trasporti su strada e la VTT investe molto sul suo programma di punta TransSmart che mette tutti i principali attori allo stesso tavolo. Il programma mira a realizzare un sistema di trasporto fluido, economicamente efficiente e rispettoso dell’ambiente. La politica, le imprese e la ricerca finlandesi sembrano crederci, visto che tra i partecipanti figurano i ministeri dei trasporti e delle comunicazioni, del Lavoro, dell’economia, delle finanze, dell’’Ambiente, Tekes, il comune di Helsinki, istituti di ricerca e numerose aziende.