Forte incidenza dei tumori alla tiroide nei bambini della zona

Fukushima, dopo più di 3 anni arriva la verità sul disastro della centrale nucleare

Il governo costretto a pubblicare la testimonianza dell’ex direttore. L'energia atomica supersicura era una favola

[25 agosto 2014]

fukushima cartello nucleare

Oggi il governo giapponese  ha annunciato che renderà nota  la testimonianza sul disastro nucleare dell’11 marzo 2011 rilasciata da Masao Yoshida, allora direttore della centrale nucleare di Fukushima Daiichi della Tokyo electic power company (Tepco). Durante una conferenza stampa il capo di gabinetto del governo di centro-destra, Yoshihide Suga, ha detto: «La renderemo pubblica il più presto possibile, a settembre. Allo stesso tempo saranno verificate la prima versione delle testimonianze di altri intervistati»

Quella che ormai tutti chiamano “testimonianza Yoshida” è il resoconto fatto al gruppo investigativo nominato dal governo dall’ex direttore della centrale nucleare, rimasto segreto fino a che il quotidiano giapponese Asahi Shimbun non ha ottenuto il documento e lo ha reso noto il 20 maggio, mettendo in forte imbarazzo il governo e rendendo noto in tutto il mondo le gravissime mancanze che hanno contribuito alla tragedia nucleare.

Il governo si era però rifiutato di rilasciare il contenuto della testimonianza integrale di Yoshida, che intanto è morto per una malattia nel luglio 2013,  dicendo che l’ex direttore Tepco di Fukushima Daiichi aveva lasciato una richiesta scritta di non rendere nota la sua deposizione per timore che venisse male interpretata.

Ma dopo che anche il Sankei Shimbun (dal 1 agosto 2014) ha iniziato a riportare brani del documento, il governo ha cambiato posizione e ha oggi affermato che non c’è più bisogno di mantenere segreta la deposizione di Yoshida, brani della quale stanno ormai circolando su diversi media. Suga ha detto: «Alcuni giornali hanno pubblicato stralci di interviste, e le preoccupazioni dell’ultimo capo dell’impianto sono diventate una realtà. Non pubblicare le interviste sarebbe in contrasto con il desiderio di Yoshida. La situazione è cambiata e rilasciarle  non causerà problemi. Le informazioni che riguardano la privacy e la sicurezza nazionale, nelle interviste non saranno divulgate. Funzionari del governo sono in contatto con più di 700 persone intervistate dal panel per ottenere il consenso per renderle loro interviste pubbliche. Le interviste di Yoshida saranno rese pubbliche con alcune di queste interviste. Il governo fornirà il resto delle interviste non appena arriveranno le autorizzazioni, e finirà questo lavoro entro l’anno».

E’ lo stesso network radio-televisivo ufficiale del Giappone, l’Nhk,  a rivelare che l’ex direttore della centrale di Fukushima Daiichi ha testimoniato sulle falle nel sistema di approvvigionamento logistico della struttura.

Secondo quanto testimoniato da Yoshida, la centrale nucleare aveva perso potenza e aveva bisogno di molte batterie per ripartire dopo il devastante terremoto/tsunami, ma la Tepco aveva fornito batterie con tensione insufficiente e troppo grandi per essere trasportate facilmente. L’Nhk scrive che «i rapporti investigativi dicono che la maggior parte delle batterie non sono state utilizzate». Yoshida ha detto che la sede centrale della Tepco inviò tutto il materiale delle batterie senza informare la centrale nucleare delle loro  specifiche. L’ex direttore aveva anche detto che i “liquidatori” di Fukushima Daiichi erano stati così costretti ad esaminare le batterie una per una. Yoshida ha anche fatto riferimento ad un arresto delle forniture di generatori e altre attrezzature per la centrale nucleare dopo che i livelli di radiazione sono aumentati in tutto il sito. Secondo lui, «la maggior parte delle forniture hanno raggiunto solo una struttura a 50 chilometri dalla centrale, dove i lavoratori dovevano andare a prendere i rifornimenti mentre erano impegnati a lavorare all’incidente. L’ex direttore di Fukushima testimoniò che la Tepco non aveva un adeguato sistema per il trasporto di rifornimenti mentre c’erano alti livelli di radiazioni.

E’ l’ennesimo colpo all’immagine, già in frantumi, della fiabe del nucleare giapponese “supersicuro” che per anni è stata raccontata al mondo.  Probabilmente anche per questo la Nuclear Regulation Authority (Nra)  giapponese ha in programma di rivedere le sue linee guida per la sicurezza vigenti riguardo agli incidenti nucleari, con misure per i casi di diffusione di materiali radioattivi oltre la zona di 30 Km intorno centrali nucleari. Le attuali linee guida approvate dopo il disastro di Fukushima Daiichi. richiedono che le persone all’interno di un raggio di 30 Km da una centrale nucleare abbandonino l’area o cerchino un riparo al chiuso in caso di incidente, ma e misure di là di quella zona “rossa” restano un problema per l’Nra.  La Nhk spiega che gli esperti stanno analizzando la possibilità di estendere le linee guida ai  residenti colpiti dall’esposizione alle radiazioni per i fall-out nucleare oltre l’area di 30 chilometri. L’Nr ha deciso di iniziare uno studio su quali aree al di fuori della zona di 30 km devono essere sottoposte ad allarmi ed e ad ordinanze di rimanere in casa o di adottare altre misure di sicurezza.

Inoltre le nuove linee guida giapponesi dovranno contemplare l’istituzione di zone di evacuazione dagli impianti di riciclaggio del combustibile nucleare caso per caso, e non con uno standard uniforme come avviane attualmente. La revisione delle linee guida Nra potrebbe far aumentare il numero di municipalità giapponesi che devono preparare misure di sicurezza nucleare.

Intanto un nuovo studio sulle  conseguenze delle radiazioni di Fukushima Daiichi ha rivelato che 103 bambini o adolescenti, con meno di 18 anni al momento della catastrofe e che vivevano nell’area colpita, hanno sviluppato un tumore alla tiroide. I test sono stati effettuati, su richiesta di un comitato cittadino per la salute, su circa 300.000 ragazzi e ragazze della prefettura di Fukushima.

Quindi almeno 30 minori su 100.000 hanno il cancro; non esistono però dati di riferimento precedenti alla catastrofe nucleare, e questo impedisce di dire con sicurezza che l’aumento dei casi di tumore alla tiroide sia dovuto al disastro di Fukushima Daichi. Ma i dubbi, visto quel che sta venendo fuori e le perplessità della stessa Nra sulle linee guida di risposta a un disastro nucleare, sembrano davvero pochi.