Furti di pannelli fotovoltaici? Arriva il drone-poliziotto

[27 marzo 2014]

Il fenomeno dei furti di pannelli fotovoltaici sta dilagando e sono già diverse le idee, alcune delle quali già riportare da greenreport.it, volte ad arginare questo spiacevole fenomeno. L’ultima in ordine temporale arriva dal cielo, sotto forma di un drone. I droni stanno ormai dilagando, non senza creare anche qualche preoccupazione anche ambientale, nell’uso civile, grazie ai costi sempre più economici.

Ma in questo caso parliamo di “Guardian 2000”, un drone poliziotto, che è un sofisticato ed economico drone da sorveglianza che già vola nei cieli italiani. Sarà presentato ufficialmente durante il “Roma Drone Expo&Show”, il primo “salone aeronautico” sui droni in Italia, che si svolgerà nel weekend del 24-25 maggio allo Stadio Alfredo Berra di Roma. Si tratta, spiegano in un comunicato dell’azienda, di una sorta di mini-aeroplano radiocomandato, dotato di una videocamera orientabile e capace di operare in volo manuale o automatico anche di notte.

Il “Guardian 2000” è frutto di un progetto di ingegnerizzazione della ADPM ed è già pienamente operativo. E’ stato studiato per effettuare riprese aeree ad alta definizione per attività di sorveglianza e di aerofotogrammetria. La cellula del drone è prodotta dall’americana RV Jet in un materiale leggero simile al polistirolo, ma molto più resistente. Il velivolo ha un’apertura alare di quasi 2 metri, è propulso da un motore elettrico ad elica e ha una velocità di crociera di 45 km orari per un’autonomia di volo di circa 45 minuti. A bordo, possono essere montati una fotocamera o una videocamera, che garantiscono riprese nitide anche in condizioni di scarsa visibilità. Ed il gruppo Securitas Metronotte utilizzerà questo drone per attività di sorveglianza di ampie aree, proprio come i campi fotovoltaici, ma anche depositi di autoveicoli, porti e altre zone sensibili.