Geotermia, Enel Green Power «Buone notizie per l’economia Toscana»

Con il protocollo “local content” aumentano ricadute e occupazione

[8 giugno 2016]

Geotermia Valle del Diavolo

Secondo Enel Green Power, «Dai territori geotermici arrivano buone notizie per l’economia toscana: a un anno dall’attivazione del primo protocollo totalmente “local content”, firmato nel giugno 2015 da Enel Green Power e dai Comuni geotermici dell’area tradizionale, i numeri dicono che il percorso per la promozione di iniziative finalizzate alla massimizzazione delle ricadute socio-economiche ed occupazionali locali sta procedendo verso la direzione giusta».

A fare il punto della situazione sul primo anno di lavoro è stato ieri, a Larderello, il tavolo di aggiornamento periodico dell’Osservatorio geotermico, istituito dal protocollo e i dati rivelano che «Le imprese dei territori geotermici hanno aumentato la loro attività con ricadute economiche in appalti pari a quasi 14 milioni di euro nei primi cinque mesi del 2016, e inoltre due importanti gare Enel Green Power per la realizzazione di impianti geotermici in Cile e in Germania sono state vinte da ditte locali toscane consorziate, delle zone della Valdicecina e di Pomarance».

All’’incontro, a cui era presente anche l’Osservatorio delle Imprese dell’Unione dei Comuni dell’Alta Val di Cecina. hanno partecipato il responsabile geotermia Enel Green Power Massimo Montemaggi, il Global Chief Procurement Officer di Enel Green Power Dino Marcozzi ed il responsabile acquisti geotermia Marco Cammelli, il responsabile affari territoriali Centro Italia Enel Fabrizio Iaccarino, i sindaci dei Comuni geotermici e il presidente del Co.Svi.G. (Consorzio Sviluppo Aree Geotermiche) Piero Ceccarelli, è stato anche l’occasione per tracciare le linee operative dei prossimi mesi ed Enel Green Power ha presentato una serie di iniziative che potranno coinvolgere il territorio, «a partire dall’offerta di Enel Energia con sconto di circa il 10% per le aziende dei territori geotermici, grazie all’accordo con la Regione Toscana, e conseguente attività di scouting per insediamento nuove aziende in aree geotermiche. Significative anche le novità nel campo dell’innovazione attraverso i progetti con CNR e Università di Firenze per l’utilizzo della CO2 carbon free in campo alimentare attraverso la coltivazione delle alghe, nel settore della formazione con i corsi di tecnologie geo e i percorsi di collaborazione attivati negli istituti tecnici e professionali dell’area tradizionale e dell’Amiata e dal punto di vista occupazionale con le recenti 25 assunzioni dopo il tirocinio di GiovaniSì».

Verrà anche elaborata una proposta di progetto di creazione di un protocollo local content unico per tutta la geotermia toscana, «che comprenda anche i 3 Comuni amiatini di Arcidosso, Santa Fiora e Piancastagnaio – dicono a Enel Green Power  – un primo passo verso la creazione di un Distretto geotermico unico toscano. Si tratta di un lavoro che si inserisce nel percorso congiunto con la Regione Toscana, con gli enti locali e con il Co.Svi.G. cominciato con il primo protocollo della geotermia del 2007».

I Sindaci geotermici si sono detti soddisfatti per questo primo anno di lavoro e per i miglioramenti registrati. Il tavolo di lavoro continuerà a ritrovarsi nei prossimi mesi per proseguire nel lavoro intrapreso e monitorare gli obiettivi.

Il sindaco di Pomarance Loris Martignoni, ha concluso: «Nell’ultimo periodo è evidente il cambiamento di marcia e di rapidità di risultati, grazie al lavoro congiunto che abbiamo svolto come istituzioni, aziende e soggetti economici del territorio, ognuno per la parte di propria competenza nel rispetto dei ruoli e delle competenze. Oltre agli importanti risultati raggiunti, i progetti di sviluppo futuri, sia in termini di possibilità di portare sul territorio realtà sempre più specializzate nel settore elettromeccanico sia per altri usi della geotermia come coltivazione delle alghe e progetti di ricerca innovativa, ci aprono prospettive importanti. Come sindaci continueremo a monitorare la situazione e a collaborare con Enel Green Power per favorire lo sviluppo economico, occupazionale e ambientale del territorio».