Iaea, allarme Corea del Nord: ha riavviato il reattore nucleare di Yongbyon

[28 novembre 2013]

Il direttore generale dell’International atomic energy agency (Iaea), il giapponese Yukiya Amano, ha espresso oggi a Vienna la sua profonda preoccupazione per il programma nucleare della Corea del Nord. Ci sarebbero infatti chiari segnali di un riavvio di un reattore nucleare nella vecchia centrale nucleare di Yongbyon (nella foto).

Amano ha detto ai giornalisti: «Abbiamo percepito nel sito di Yongbyon delle attività corrispondenti ad un tentativo di riavvio del reattore da 5 MW. Tuttavia, in assenza di ispettori sul posto, l’Agenzia non dispone di una valutazione chiara della situazione e non è  nemmeno in grado di affermare se il reattore sia stato effettivamente riattivato».

Già ai tempi dell’ultima minaccia nucleare nordcoreana diversi esperti avevano sottolineato i grandissimi rischi del riavvio di un impianto obsoleto ed abbandonato da anni, ma i nordcoreani hanno continuato a lavorarci anche durante le ripetute crisi dei missili degli ultimi anni e mesi.

Amano ha spiegato che l’Iaea ha avuto conferma dell’attività a nucleare nordcoreana, in particolare a Yongbyon, «Essenzialmente attraverso immagini satellitari». Il reattore di Yongbyon produce plutonio, essenziale per la Repubblica popolare democratica di Corea per tenere in piedi il suo programma di armamenti atomici e continuare nella sua politica di ricatto nucleare verso Usa, Corea del Sud e Giappone, che ha finito per irritare anche il suo alleato cinese.