La nomina va a Miklos Antics, già vicepresidente Egec dal 2013

Il Consiglio europeo per l’energia geotermica (Egec) ha un nuovo presidente

[30 luglio 2018]

Dopo la tragica scomparsa lo scorso giugno di Ruggero Bertani, che ha lasciato prematuramente i propri affetti e la comunità geotermica internazionale, il board del Consiglio europeo per l’energia geotermica (Egec) ha recentemente nominato all’unanimità un nuovo presidente: Miklos Antics.

Membro del cda di Egec dal 2004 e suo vicepresidente dal 2013, Antics è anche parte del cda dell’International geothermal association (Iga), e ha alle spalle una solida formazione ingegneristica che spazia dal PhD ottenuto all’Oil and gas institute di Ploïesti (Romania) ai titoli acquisiti durante gli studi al Geothermal institute di Auckland (Nuova Zelanda); oltre agli incarichi istituzionali, oggi Miklos Antics ricopre il ruolo di managing director all’interno della Gpc Instrumentation Process (Gpc-Ip), società di ingegneria e servizi fondata nel 1998 da un nucleo di ingegneri esperti nell’impiego dei fluidi – idrici, geotermici, idrocarburi – presenti nel sottosuolo, oggi con base principale a Parigi.

«Non vedo l’ora di servire come presidente, continuando il prezioso lavoro basato sulle conquiste ereditate dai miei predecessori – ha dichiarato Antics commentando il suo nuovo ruolo all’interno di Egec –  nel promuovere lo sviluppo geotermico e mettere in evidenza l’importante ruolo della geotermia per la transizione energetica».