La Regione Campania riprova a bloccare l’eolico

Anev: «Basta attacchi continui e con misure retroattive che ostacolano il settore eolico»

[17 novembre 2016]

Secondo l’Associazione nazionale energia del vento (Anev)  «La Regione Campania continua ad ostacolare il settore eolico, adottando provvedimenti penalizzanti e misure retroattive. Ultimo il Decreto Dirigenziale n. 51 del 26/10/2016, che impedisce la realizzazione di parchi nei Siti di importanza comunitaria (Sic)»

Infatti il Decreto Misure di conservazione dei Sic per la designazione delle ZSC della rete Natura 2000 della Regione Campania”prevede che «in tutto il territorio dei Sic la produzione di energia elettrica con turbina eolica a pala rotante è consentita esclusivamente con impianti inferiori a 20 kW». Una previsione che all’Anev «sembra chiaramente illegittima, privando di utilità la regola in base alla quale nei siti di interesse comunitario  (Sic), nelle zone di protezione speciale (Zps) e nelle zone speciali di conservazione (Zsc), vanno previamente effettuate, in seno all’iter autorizzativo, le Valutazioni di Incidenza e di Impatto ambientale».

L’associazione dell’olico sottolinea che «Tali attività non sono impedite dalle norme vigenti, come ampiamente ribadito dalla giurisprudenza italiana (Consiglio di Stato, Sez. IV, 17 luglio,2013, n. 3880; TAR Lazio, Roma, Sez. III, April, 13, 2012, n. 3390) e dalla Corte di Giustizia Europea con sentenze 404/2009, 43/2010, 226/2008 e 209/2004 (“i progetti autorizzati prima dell’applicabilità del sistema di protezione previsto dalla Direttiva Habitat non sono assoggettabili ai criteri previsti dalla stessa direttiva per la valutazione di incidenza”, e che “i progetti autorizzati con valutazione ambientale positiva in presenza di area SIC sono da considerarsi validamente autorizzati, anche ai fini della Direttiva Habitat)».

L’anev fa anche notar che inoltre i Decreto dirigenziale della Regione Campania «impone a posteriori la realizzazione di interventi intesi a “minimizzare gli impatti sulle specie di chirotteri e degli uccelli funzionali agli habitat interessati all’impianto”, laddove sono stati già effettuati una VIA e una V. Inc. A. e quindi già autorizzati e realizzati gli impianti eolici con tutte le attenzione e le compensazioni necessarie. Ciò si pone in contrasto con le Direttive Comunitarie relative alle suddette valutazioni, oltreché con le Direttive Comunitarie cui si vorrebbe dare attuazione in materia di Zsc e Sic, che la Regione Campania non ha recepito».

L’Associazione nazionale energia del vento, «constata con rammarico la volontà della Regione Campania di voler ostacolare il settore eolico con provvedimenti lacunosi e che in molti casi sembrano avere significativi profili di illegittimità, e manifesta la propria contrarietà in particolare per le misure retroattive che interverranno ingiustamente su installazioni che hanno giàricevuto tutte le autorizzazioni previste, senza che sia intercorso un confronto costruttivo tra la Regione e il settore. Ovviamente l’Associazione provvederà a difendere il settore nel suo complesso e le singole aziende impugnando ogni provvedimento che la Regione dovesse emanare e che risultasse contro legge. Non va dimenticato che questo ulteriore attacco da parte della Regione Campania, avviene dopo l’impugnazione da parte del Governo prima, a maggio,  del collegato alla legge di Stabilità 2016 della Campania, in base al quale il Consiglio Regionale avrebbe dovuto individuare entro la fine di ottobre le aree non idonee alla realizzazione degli impianti eolici di potenza superiore a 20kW e poi, a giugno, del provvedimento della Campania che bloccava il rilascio delle nuove autorizzazioni agli impianti eolici».

Attualmente in Campani  ci sono autorizzazioni per la costruzione e l’esercizio di impianti eolici per circa 1,4GW, una buona parte di questi dovrebbe partecipare  alle aste del Gestore dei servizi energetici (Gse)  i  cui esiti saranno noti entro la fine dell’anno.  Una stima Anev attribuisce ai progetti campani «la probabilità di aggiudicazione tra il 20 e il 40% degli incentivi disponibili nell’attuale asta per 800MW di nuova capacità, data la grande qualità dei siti e l’abbondanza della risorsa vento nella Regione Campania, potendosi prevedere una potenzialità di sviluppo del PIL regionale, nel solo biennio 2017-2018, ovvero con avvio dei lavori a valle dell’aggiudicazione dell’incentivo, fino a 350 milioni di euro, almeno un terzo dei quali con ricadute dirette sulle aziende operanti nei settori civili ed elettrici locali».

L’Anev conclude con un attacco diretto alla Regione: «Oltre che sterile, risulta dannoso l’approccio della Regione Campania, di aperto contrasto alla normativa nazionale ed europea, che sin qui ha portato ad una pletora di ricorsi cui la stessa è andata incontro, causando costi aggiuntivi a danno dei contribuenti. Interventi estemporanei e schizofrenici da parte delle Regioni hanno l’obiettivo di bloccare e rallentare clamorosamente i lavori delle aziende del settore eolico. L’Anev a difesa delle proprie aziende associate e del settore tutto, auspica che istituzioni regionali interrompano quanto prima questo tentativo di boicottaggio indiscriminato e privo di giustificazione nei confronti dell’eolico. Comparto che solo in Campania ha generato fino ad oggi benefici tangibili dal punto di vista ambientale, economico ed occupazionale, creando 5.292 addetti tra diretti e indiretti, con un potenziale 10.984 al 2020».