Si consumerà sempre meno carbone e petrolio e più gas e rinnovabili

L’aumento delle emissioni di CO2 verrà soprattutto dai paesi extra-Ocse

Diminuisce l’intensità globale del carbonio, ma così è impossibile rispettare l’Accordo di Parigi

[17 maggio 2016]

Emissioni Eia 1

Secondo il 2016 International Energy Outlook (IEO2016)  dell’Energy information administration Usa (Eia), le emissioni globali di e di anidride carbonica legate all’energia dovrebbero aumentare di un terzo tra il 2012 e il 2040  e questo aumento  – insostenibile per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi –  «Sarà in gran parte determinato da una maggiore consumo di energia nei paesi al di fuori della Organizzazione per la cooperazione economica e sviluppo (OCSE)», cioè i Paesi industrializzati di cui fa parte anche l’Italia.

L’IEO2016 sottolinea che «Il continuo aumento delle emissioni totali si verifica nonostante un calo moderato nel intensità di carbonio (CO2 per unità di energia) della fornitura globale di energia».

Alla Conferenza delle Parti Unfccc di Parigi   molti Paesi hanno presentato i loro obiettivi di riduzione delle emissioni,  Intended  Nationally Determined Contributions (INDCs), e l’Eia Usa  ha inserito alcuni  impegni specifici,  come gli obiettivi per l’energia rinnovabile, nei casi presi in esame dall’IEO2016 riferimento e spiega che «La vasta gamma di approcci prodotti i dai partecipanti COP21 comprende riduzioni assolute, riduzioni di casi business-as-usual, riduzioni di intensità,  peaking targets e azioni politiche specifiche, rendendo la quantificazione di questi obiettivi difficili». Inoltre, gli INDCs  comprendono elementi che vanno oltre settore energetico, come il cambiamento di utilizzo del suolo e le foreste. Gli impegni comprendono tutti i gas serra e mon solo le emissioni di CO2 legate all’energia prese in esame dal rapporto Eia che, a causa delle limitazioni di dati, non esamina ogni singolo Paese ma aggrega i Paesi del mondo in 16 regioni.. Le proiezioni Eia per le emissioni di CO2 legate all’energia potrebbero cambiare in modo significativo se verranno attuate le leggi e le politiche volte a limitare le emissioni di gas serra o se verranno migliorate le leggi esistenti

Nel 1990, i 34 Paesi che attualmente fanno parte dell’’OCSE emettevano il  54% delle emissioni di CO2 di tutto il mondo. Da allora, la crescita economica e il maggiore uso di energia nei Paesi che non fanno parte dell’OCSE hanno spostato l’equilibrio delle emissioni. I casi di riferimento presi in esame dall’IEO2016 Reference suggeriscono che questo trend continuerà, con le emissioni dei Paesi non-OCSE che cresceranno fino almeno al 2040, mentre le emissioni di CO2 dei paesi membri dell’OCSE rimarranno relativamente stabili.

La buona notizia è che  l’intensità globale del carbonio dovrebbe diminuire dello 0,4% su base annua, che è un calo più rapido rispetto al meno 0,3%  della media storica annua tra il 1850 al 2008, come rilevato in un recente rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC).

Il rapporto Usa evidenzia che «Nel 2012, i Paesi non-‘OCSE emettevano  62 milioni di tonnellate di CO2 per quadrilioni di unità termiche britanniche (MMmt CO2/quad Btu) di energia consumata. L’intensità di carbonio 2012 dei paesi OCSE era inferiore, a circa 53 MMmt CO2/quad Btu. In proiezione, l’intensità dei Paesi non OCSE declina più velocemente di quella dei Paesi OCSE. Anche con un  più rapido declino, nel 2040 l’intensità di carbonio dei paesi non-OCSE è ancora superiore all’intensità di carbonio 2012 dei paesi OCSE».

Le emissioni di CO2 legate all’energia sono prodotte dalla combustione di combustibili fossili: petrolio, carbone e gas.  A parità di energia prodotta, la combustione del carbone produce  più emissioni della combustione di un prodotto petrolifero, che a sua volta produce più emissioni di CO2  della combustione del gas .  Il passaggio dai combustibili fossili a maggiori emissioni di carbonio verso i carburanti con un minore intensità di carbonio spiega la riduzione dell’intensità di carbonio prevista.  L’Eia dice che «Due fattori principali guidare questo cambiamento: la crescita dell’uso di fonti di energia rinnovabili per la produzione di energia e un cambiamento del mix dei combustibili fossili verso il gas naturale».

Anche se il rapporto  prevede che il consumo di combustibili fossili continuerà ad aumentare, lo farà ad un ritmo più lento rispetto l’aumento del consumo di combustibili non fossili: «Nel 2012, i combustibili fossili rappresentavano l’84% del consumo di energia in tutto il mondo. Entro il 2040, la quota di combustibili fossili si ridurrà al 78%, e il mix di questi combustibili fossili si modificherà. La quota di consumo di carburante da carbone scenderà  dal 28% nel 2012 al 22% nel 2040, la quota di combustibili liquidi scenderà  dal 33% al 30%, e la quota di gas naturale aumenterà dal 23% al 26%. Poiché il gas naturale e combustibili liquidi presentano un’intensità di carbonio inferiore rispetto al carbone, la quantità di biossido di carbonio per unità di energia declina».