Negli Usa le emissioni di CO2 del gas superano quelle del carbone

Crolla il carbone, cambiano i modelli di consumo dei combustibili e diminuisce l’intensità di carbonio

[18 agosto 2016]

gas Eia 1

Secondo il rapporto appena pubblicato dall’Energy information administration Usa (Eia), si prevede che le emissioni di CO2 legate alla produzione di energia con gas naturale superino quelle da carbone per la prima volta dal 1972. L’Eia spiega : «Anche se il gas naturale ha meno intensità di emissioni di carbonio del carbone, gli aumenti dei consumi di gas naturale e la diminuzione del consumo di carbone nel negli ultimi dieci anni hanno portato le emissioni di CO2 relative al gas naturale a sorpassare  quelli dal carbone».

L’ultimo Short-Term Energy Outlook dell’Eia prevede che «Le emissioni di CO2 legate all’energia da gas naturale siano del 10% superiori a quelli dal carbone nel 2016».

Dal 1990 a circa 2005, il consumo di carbone e gas naturale negli Stati Uniti sono stati relativamente simili, ma le loro emissioni erano diverse: il carbone è a più alta intensità di carbonio rispetto al gas naturale: «Il consumo del gas naturale risulta in circa 52 milioni di tonnellate di CO2 per ogni quadrilione di unità termiche britanniche (MMmtCO2/quad Btu), mentre l’intensità di carbonio del carbone è di circa 95 MMmtCO2/quad Btu, o circa l’82% in più rispetto all’intensità di carbonio del gas naturale – sottolinaea l’Eia – Dato che il carbone ha una intensità di carbonio più elevata, anche in un anno in cui il consumo di carbone e gas naturale erano quasi uguali, come il 2005, le emissioni di CO2 legate all’energia da carbone erano superiori di circa l’84% rispetto a quelle da gas naturale».

Ma le cose sono rapidamente cambiate con il boom del fracking e nel 2015, il consumo di gas negli usa è stato superiore dell’81% rispetto al consumo di carbone, così le loro emissioni erano quasi uguali. Entrambi i carburanti negli Usa hanno emesso circa 1,5 miliardi di tonnellate di CO2 legate alla produzione di energia».

I livelli annuali di intensità di carbonio negli Stati Uniti sono generalmente in diminuzione dal 2005. Il tasso di intensità di carbonio totale degli Usa riflette il cambiamento nei consumi di combustibili e le relative intensità di carbonio. Il etrolio, a circa 65 MMmtCO2/quad Btu, ha una minore intensità di carbonio del  carbone, ma è più carbonio-intensivo rispetto al gas. Il petrolio rappresenta la quota maggiore delle emissioni di CO2 Usa legate all’energia a causa dei suoi alti livelli di consumo.

L’Eia fa notare che il vero fattore che contribuisce a una  minore intensità di carbonio «E’ l’aumentato consumo di combustibili che non producono anidride carbonica, come l’elettricità nucleare e le energie rinnovabili. Poiché questi combustibili costituiscono una quota maggiore del consumo di energia degli Usa, l’intensità di carbonio media degli Stati Uniti diminuisce. Sebbene l’uso di gas naturale e di petrolio siano aumentati negli ultimi anni, il calo dei consumi di carbone e l’aumento del consumo di carburante non fossili hanno abbassato l’intensità di carbonio totale Usa da 60 MMmtCO2/quad Btu nel 2005 a 54 MMmtCO2/ quad Btu nel 2015».