E’ la più grande dell’America centrale: 110 pale alte 90 metri

Panama: al via la costruzione della prima centrale eolica

[8 agosto 2013]

E’ iniziata la costruzione del primo parco eolico di Panama  che sarà anche il più grande dell’America.  Si tratta di un progetto da oltre 440 milioni di dollari che  viene realizzato nelle Llanos de los Corregimientos de El Coco y Coclé, a Penonomé e Rafael Pérez Pire, direttore generale dell’Unión Eólica Panameña (Uep)  ha spiegato che «Il parco insisterà su un terreno di 19.000 ettari e dovrà produrre  220 megawatt di energia. Con il parco eolico di Penonomé, stiamo andando a ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili e dall’energia idroelettrica». In tutto Panama ha una produzione elettrica di 1.426 MW, con gli impianti idroelettrici che rappresentano quasi la metà, il resto proveniente da impianti termoelettrici.

Le 110 pale eoliche dovrebbero  entrare in esercizio nel secondo semestre del 2014, producendo tra il 6 e il 7% dell’energia richiesta dal mercato panamense. A dare il via il lavori è stato il presidente di Panama, Ricardo Martinelli che ha sottolineato che «L’impianto eolico permetterà a Panama per ottenere energia efficiente ed economica, riducendo il costo della vita».

I lavoratori installeranno 2 – 3 turbine eoliche a settimana, con l’obiettivo di avere pronte 88 pale entro la fine di quest’anno, circa il 95% delle quasi 500 persone assunte per assemblare le torri di 90 metri abitano nella zona di Penonomé, a circa 150 km a ovest di Panama City.

L’impianto produrrà circa il  75% dell’energia durante la stagione secca, da dicembre a maggio, consentendo così a Panama di risparmiare acqua in un periodo cruciale e di ridurre la sua dipendenza dai combustibili fossili, in particolare petrolio.

L’impianto eolico, con i suoi  220 MW, ha una potenza due volte superiore a quella di strutture simili già costruite in Nicaragua, Costa Rica e Honduras e secondo L’Uep taglierà le emissioni di gas serra di Panama di  quasi 450.000 tonnellate annue.