Nuovi progetti in rampa di lancio

Per i green job serve un ponte tra scuola e impresa: il caso della toscana geotermica

Bilancio (positivo) per l'iniziativa con protagonisti gli studenti dell'Istituto “F. Niccolini” di Pomarance/Volterra

[17 dicembre 2015]

educazione scuola ricerca

L’Agenzia formativa di CoSviG fa il bilancio (positivo) dell’iniziativa “Scuola/Impresa 2014-2015” che ha coinvolto – in partnership con il Comune di Pomarance e la Cassa di Risparmio di Volterra – gli studenti dell’Istituto “F. Niccolini” di Pomarance/Volterra. Ma guarda anche alla formazione dei giovani imprenditori del futuro.

Il Progetto Sei (Scuola e impresa) nasceva dalla necessità di creare un ponte ideale che riducesse – per quanto possibile – il gap esistente tra il mondo didattico e quello del lavoro. L’idea era quella di riuscire a integrare il “sistema del sapere e della conoscenza” e il “sistema produttivo” (quest’ultimo declinato in ambito locale) al fine di creare un bagaglio che non fosse solo ed esclusivamente di tipo “nozionistico” ma anche e sopratutto di tipo “esperienziale”. Una sfida sperimentale estremamente ambiziosa, che ha visto muoversi in stretto contatto una molteplicità di soggetti importanti del e per il territorio nella comune ricerca di un coinvolgimento concreto del sistema produttivo locale in tutte le fasi di sviluppo e di articolazione.

Il risultato è stato un corso fatto di esperienze sul e nel territorio, durante l’intero anno didattico, in maniera da seguire una sorta di dualità formativa tipica degli Istituti tecnici e professionali. Il corso curato dall’Istituto “F.Niccolini” e dall’agenzia formativa di CoSviG (Consorzio per lo sviluppo delle aree geotermiche), ha visto l ‘importante partnership economica del Comune di Pomarance e della Cassa di risparmio di Volterra, e si è trasformato in un successo così entusiasmante da far auspicare un rinnovo dell’iniziativa per l’anno didattico 2015-2016, con il coinvolgimento di un numero ancora maggiore di studenti e soggetti imprenditoriali.

E proprio al mondo dell’imprenditoria “in erba” saranno invece rivolti i due bandi che verranno implementati prossimamente dall’agenzia formativa di CoSviG sul programma Garanzia giovani della Regione Toscana, finalizzato a ottenere un miglioramento dell’occupabilità dei giovani, con particolare riguardo verso coloro che intendono dare avvio ad un proprio progetto di impresa o intraprendere un lavoro autonomo.

I due progetti – TeamLab e Farm – si rivolgeranno a un target specifico: i giovani di età compresa tra 18 e 29 anni cosiddetti Neet (Not in education, employment or training), ovvero non in possesso di contratto di lavoro e che non stiano frequentando al momento della candidatura corsi di studio o di formazione.

TeamLab si sviluppa come un vero e proprio laboratorio per l’accompagnamento all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità giovanile, ed è stato presentato sull’area della città metropolitana di Firenze, con un partenariato che comprende – oltre a CoSviG – l’Asev (l’Agenzia di sviluppo empolese Valdelsa) e l’Agenzia formativa del Comune di Scandicci.

Farm, invece, è un acronimo che sta per “Formazione e assistenza per realizzare imprese”, ed è stato presentato a valere sull’area della Provincia di Pisa, con un ampio partenariato che comprende: Copernico scrl come capofila, CoSviG, Fo.ri.um., Formatica srl, Ce.sco.t., Associazione provinciale Pisa Cna, Confesercenti Toscana Nord, Camera di commercio di Pisa e Polo di Navacchio spa.