Il Piano energetico di Trump decodificato: mistificazioni e combustibili fossili a tutta forza

Confermato il disprezzo di Trump per la scienza climatica e le energie rinnovabili

[23 gennaio 2017]

Pochi minuti dopo che Donald Trump aveva giurato come 45esimo presidente degli Stati Uniti d’America, dal sito Internet della Casa Bianca sono state rimosse tutte le informazioni sul cambiamento climatico ed è comparso l’America First Energy Plan, il progetto energetico per gli Usa di Trump e del suo staff  che, secondo Bobby Magill, che si occupa di energia e cambiamento climatico per Climate Central, «E’ pieno di i disinformazione e pretese speciose circa politica climatica ed energetica. Il piano energetico della Casa Bianca riconfeziona la promessa fatta in campagna elettorale da Trump di riaccendere l’industria americana del carbone in declino, di eliminare il Climate Action Plan dell’Amministrazione Obama e di sfruttare tutte le riserve di combustibili fossili dell’America per raggiungere l’indipendenza energetica, un’idea che ignora che il petrolio e il gas americani fanno parte di un mercato combustibili fossili veramente globale».

Durante la campagna elettorale, Trump ha disprezzato le politiche climatiche ed energetiche di Obama, che sono stati fondamentali per arrivare all’Accordo di Parigi del clima e che hanno  incoraggiato lo sviluppo delle fonti rinnovabili low-carbon e scoraggiato l’uso del carbone per produrre elettricità. Trump e il suo team di transizione definiscono quelle politiche “killer dei posti di lavoro” e il nuovo presidente Usa ha detto – sbagliando e/o mentendo – che sono state la causa del declino del carbone in declino, che in realtà era in crisi nera dal 2008 a causa del boom del gas a buon mercato estratto con la contestata tecnica del Fracking. Nel 2016, negli Usa il gas ha superato per la prima volta il carbone   come principale fonte per produrre energia elettrica.

Magill  dice che «L’America First Energy Plan della Casa Bianca riflette tali affermazioni e il disprezzo di Trump per la scienza climatica  e le energie rinnovabili» e su Climate Central fa un’analisi paragrafo per paragrafo del piano:

«L’energia è una parte essenziale dell’American life ed è alla base dell’economia  mondiale. L’Amministrazione Trump si impegna a politiche energetiche che ridurranno i costi per gli americani laboriosi e a massimizzare l’uso delle risorse americane, liberandoci dalla dipendenza dal petrolio straniero».

Magill  fa notare che «Poche persone mettono in dubbio che l’energia sia essenziale, ma l’affermazione di Trump che la sua amministrazione si è impegnata per l’energia a basso costo e massimizzare l’uso delle risorse americane è visto da molti come un codice per lo sfruttamento illimitato di petrolio, carbone e gas naturale negli Stati Uniti Trump definito le rinnovabili “un modo costoso di fare i tree-huggers per sentirsi bene con se stessi”, e dice un modo più economico per arrivare all’indipendenza energetica sono petrolio, gas e carbone. Negli Usa i combustibili fossili sono abbondanti grazie al fracking, che ha determinato il boom dello shale oil and gas degli ultimi dieci anni. Ma il petrolio trivellato negli Usa non rimane necessariamente stare negli Usa e contribuisce alla indipendenza energetica.  Un anno fa, il Congresso ha eliminato un divieto quarantennale di esportare petrolio e ora petrolio Usa viene esportato in tutto il mondo, anche se gli Usa stanno importando petrolio dal Canada e dal Medio Oriente. Allo stesso tempo, i costi delle rinnovabili sono calati notevolmente negli ultimi anni e il più grande raffinatore di petrolio e emettitore di carbonio dell’America – il Texas – è diventato il leader nazionale di produzione di energia eolica. Lo scetticismo di Trump sulle fonti rinnovabili in netto contrasto con Obama, che ha detto che l’energia eolica e solare sono una componente essenziale dell’indipendenza energetica».

«Per troppo tempo, siamo stati trattenuti dalle normative onerose sulla nostra industria energetica. Il Presidente Trump si impegna a eliminare le politiche dannose e inutili, come il Climate Action Plan e il Waters of the U.S. rule. L’eliminazione di queste restrizioni sarà molto utile per i lavoratori americani, aumentando i salari di più di $ 30 miliardi nei prossimi 7 anni».

Magill ribatte che «La “Regolamentazione onerosa” è stato a lungo la messaggistica repubblicano per quello che considerano l’odiosa era delle politiche climatiche di Obama e dei regolamenti che favoriscono l’uso delle energie rinnovabili e del gas naturale, invece dei combustibili fossili,  per affrontare il cambiamento climatico, o limitare lo sviluppo del petrolio e del gas nelle terre e nelle acque pubbliche di proprietà federale

Ad esempio, una delle azioni dell’ultimo minuto di Obama è stata quella di chiudere la maggior parte del Mar Glaciale Artico al largo della costa nord dell’Alaska all’estrazione di petrolio e gas, come un modo per proteggere il mare dagli sversamenti di petrolio ed evitare sempre di più l’inquinamento da  carbonio che porta al cambiamento climatico. A questo ha fatto seguito una moratoria sulle concessioni di licenze nelle terre federali e la chiusura di vaste aree della costa atlantica alla futura trivellazione petrolifera. Ognuna di queste mosse  ha fatto arrabbiare i fossil fuel boosters nel partito repubblicano ed era motivata in parte dal Climate Action Plan di Obama, che ha coinvolto una serie di misure per aiutare tagliare le emissioni di gas serra degli Usa. L’affermazione di Trump che eliminare queste e altre restrizioni aumenterebbe i salari dei lavoratori per più di 30 miliardi di $ travisa selvaggiamente la possibilità per i lavoratori di beneficiare del killeraggio della politica climatica. Il dato sembra provenire da un rapporto del 2015 del banking professor  della Louisiana State University Joseph R. Mason, che è stato pubblicato dall’ Institute for Energy Research, un’organizzazione finanziata dall’industria petrolifera gestita dal capo del team di transizione per l’ energia di Trump, Tom Pyle. Il rapporto afferma che i salari annui dei lavoratori aumenteranno di oltre 32 miliardi di dollari per oltre sette anni se tutte le terre pubbliche americane venissero aperte all’estrazione di petrolio, gas e carbone, anche le terre protette dalla legge dallo sviluppo energetico, comprese le aree wilderness e parchi nazionali. Questo  significa che Trump sta dicendo che se Yellowstone, il prato della Casa Bianca, la Yosemite Valley, le Great Smoky Mountains e il monte Rushmore venissero aperti al fracking, i lavoratori potrebbero raccogliere miliardi di benefit».

«Una saggia politica energetica inizia con il riconoscimento che abbiamo vaste riserve energetiche interne non sfruttate proprio qui in America. L’Amministrazione Trump abbraccerà la shale oil and gas revolution per portare posti di lavoro e prosperità a milioni di americani. Dobbiamo approfittare dei circa 50 miliardi di dollari di riserve di shale, petrolio e gas naturale non sfruttate, in particolare di quelle nelle terre federali che gli americani possiedono. Useremo i ricavi dalla produzione di energia per ricostruire le nostre strade, scuole, ponti e infrastrutture pubbliche. L’energia meno costosa sarà anche una grande spinta per l’agricoltura americana».

Magill ribatte che «La politica energetica “sound” è un giochetto per “sound science”, nel tentativo di darle legittimità. E’ vero che gli Stati Uniti hanno immense fonti energetiche interne non sfruttate, che comprendono le energie rinnovabili. Mentre e il boom del fracking del petrolio e del gas di scisto ha portato a scoperte per milioni di barili di petrolio che una volta si pensava fossero troppo costosi da raggiungere, le energie rinnovabili sono tra le più grandi fonti energetiche non sfruttate dell’America. Ad esempio, secondo il Dipartimento dell’energia Usa, il potenziale dell’energia eolica offshore Usa è così grande che, se pienamente sviluppato, i parchi eolici offshore potrebbero produrre quattro volte l’energia elettrica attualmente prodotta negli Usa. Il primo parco eolico offshore degli Usa è stata completato a dicembre e non ci si aspetta che altri vengano costruiti nel corso dei prossimi cinque anni».

Mark Squillace, professore di diritto delle risorse naturali all’Università del Colorado Boulder, ha detto che «La stima di 50 trilioni di dollari di riserve di petrolio e di gas non sfruttate fatta da Trump  è un enorme mistificazione sui combustibili fossili che potrebbero essere sviluppate negli Usa Il problema con i numeri di questo tipo è che non dicono tutta la storia. Gli Stati Uniti hanno certamente vaste riserve di petrolio e di gas e carbone e se solo le  si sommano e moltiplicano per il loro valore di mercato si ottiene una grossa cifra. Ma la maggior parte di quelle  riserve non può essere sviluppata economicamente, in qualsiasi momento, nel prossimo futuro. La cifra proviene da Kathy Hartnett White, una consulente di Trump affiliata alla conservatrice Texas Public Policy Foundation, che  a giugno ha detto a Fox Business che gli Stati Uniti sono seduti su 50 miliardi di dollari di petrolio e gas, “ma il governo ci impedisce di estrarli”».

«L’Amministrazione Trump è anche impegnata nella clean coal technology e a rilanciare l’industria del carbone americana, che è stata maltrattata per troppo tempo».

Per Magill «L’idea che il “carbone pulito” possa rilanciare l’industria del carbone è una cattiva interpretazione del motivo per cui l’industria del carbone va male. L’industria del carbone è in declino a causa dell’agguerrito concorrente del carbone: il gas naturale. Il fracking ha reso il gas naturale abbondante e a buon mercato e le compagnie elettriche stanno ne stanno utilizzando di più per produrre elettricità. Le compagnie elettriche stanno anche passando al gas naturale perché, con controlli dell’inquinamento da mercurio emanati dal governo federale, l’adeguamento delle vecchie centrali a carbone è molto costoso. C’è anche qualcosa come il “carbone pulito”, un termine usato da l’industria del carbone per suggerire che alcune forme di carbone e alcune centrali a carbone sono meno inquinanti rispetto ad altre e che il carbone pulito è buono per l’ambiente. Ma questo non è vero. Alcuni tipi  di carbone rilasciano meno emissioni di gas serra e hanno un contenuto di zolfo inferiore rispetto ad altri, ma tutte inquinano l’atmosfera con grandi quantità di anidride carbonica, anche più di diesel, benzina e gas naturale. Le centrali elettriche a carbone sono il primo contributore a livello mondiale per l’inquinamento che provoca i cambiamenti climatici. A volte “carbone pulito” viene usato per riferirsi alle centrali elettriche a carbone che sono state attrezzate con “depuratori” e altri dispositivi che riducono l’inquinamento. Altre volte il termine viene usato per le centrali elettriche a carbone costruite per catturare e stoccare le loro emissioni di anidride carbonica. Tuttavia, esistono pochissimi di questi impianti e  la tecnologia carbon capture and storage resta alla sua infanzia».

«Oltre ad essere un bene per la nostra economia, aumentare la produzione di energia interna è nell’interesse della sicurezza nazionale dell’America. Il Presidente Trump si impegna a raggiungere l’indipendenza energetica dal cartello dell’OPEC e dalle eventuali nazioni ostili ai nostri interessi. Allo stesso tempo, lavoreremo con i nostri alleati del Golfo per sviluppare un rapporto energetico positivo come parte della nostra strategia di lotta contro il terrorismo».

Magill non è d’accordo: «Entrambi recenti predecessori di Trump, Obama e George W. Bush, hanno fatto una campagna per l’indipendenza energetica. Ma mentre Bush ha spinto fortemente per lo sviluppo di petrolio, gas e carbone, nessuno di loro era così ostile alle rinnovabili come sembra essere Trump. Il Medio Oriente è stato per decenni la principale fonte americana di petrolio, senza ancora alcun segnale di rallentare, mentre gli Usa esportano sempre più il loro petrolio».

«Un futuro più luminoso dipende da politiche energetiche che stimolano la nostra economia, garantiscono la nostra sicurezza e proteggono la nostra salute. Con le politiche energetiche dell’ Amministrazione Trump, il futuro può diventare una realtà».

Magill fa notare che «Trump ha detto poco sulla sua strategia per la tutela della salute degli americani, mentre sta sventrando normative ambientali che hanno migliorato la salute pubblica per decenni. E  gli scienziati climatici del clima  sono stati espliciti su ciò che il “futuro migliore” di Trump potrebbe diventare come se verrà ignorato il cambiamento climatico e non verranno tagliate le emissioni di carbonio: i fenomeni n meteorologici diventeranno più estremi, le ondate di caldo saranno  sempre più comuni, le calotte polari della Terra si scioglieranno e le città costiere potrebbero finire sott’acqua entro la durata della vita dei bambini più  piccoli di oggi».

«Infine, il nostro bisogno di energia deve andare di pari passo con la gestione responsabile dell’ambiente. Proteggere l’aria pulita e l’acqua pulita, conservare i nostri habitat naturali e preservare le nostre riserve e le risorse naturali resta una priorità. Il Presidente Trump vuole rifocalizzare l’EPA la sua missione essenziale di proteggere le  nostre aria e acqua».

Magill  conclude: «Per tutta la sua campagna elettorale, quando ha parlato di energia, Trump si è concentrato molto sulla necessità di proteggere l’aria e l’acqua degli Stati Uniti. Qui, estende la cosa per   includere gli habitat naturali e le altre risorse. Ma la politica energetica del Trump non dice nulla sui cambiamenti climatici, che peggioreranno drasticamente se gli Usa estrarranno così tanto petrolio, gas e carbone come suggerisce Trump. L’aria e l’acqua americane sono state mantenute pulite nel corso degli ultimi 40 anni a grazie alle leggi ambientali imposte dall’Environmental protection agency, che Trump prima aveva detto di voler abolire. Trump ha nominato uno dei nemici più accaniti del Epa a dirigere l’agenzia – il procuratore generale dell’ Oklahoma Scott Pruitt, che ha citato in giudizio l’Epa 14 volte ed è coinvolto in una causa che ha l’obiettivo di eliminare una delle politiche climatiche più radicali di Obama. Nel corso della sua audizione di conferma, Pruitt ha detto che vuole che gli Stati abbiano un maggior controllo sul modo in cui sono regolamentati dall’Epa, il che suggerisce che le leggi federali che proteggono l’aria e l’acqua degli Usa verranno applicate in modo non uniforme da Stato a Stato. Alcuni Stati sono molto più vigili nel far rispettare le normative ambientali e nell’avere più risorse rispetto ad altri, Trump non ha detto nulla su come un’Epa indebolita potrebbe raggiungere il suo obiettivo di mantenere pulite l’aria e l’acqua dell’America».