Obama prolunga l’embargo all’Iran e manda aerei in Turchia

Putin: «Abbiamo armi in grado di bucare lo scudo antimissile americano in Europa»

I servizi segreti egiziani dietro l’abbattimento dell’aereo russo nel Sinai?

[11 novembre 2015]

Russia missili

Il presidente russo Vladimir Putin ha sempre pensato che il vero obiettivo dello scudo antimissile americano in Europa sia quello di neutralizzare il potenziale nucleare strategico della Russia e tutti sanno che ha lavorato per vanificare questo progetto. Ora Putin annuncia che «negli ultimi tre anni, le imprese della difesa russe hanno progettato e condotto dei test riusciti di diverse armi promettenti, in grado di contrastare in profondità un sistema di difesa antimissile organizzato. La fornitura di queste armi all’esercito è iniziata nel 2015».

Intervenendo ieri a una riunione dedicata al programma di modernizzazione delle Forze armate russe per i prossimi 10 anni ed ai mezzi per «garantire la scurezza e il rispetto degli interessi della Russia, Putin ha riaffermato che «il vero obiettivo dello scudo antimissile che gli Stati Uniti contano di dispiegare in Europa è quello di neutralizzare il potenziale nucleare strategico degli altri Stati nucleari, ad eccezione degli Stati Uniti e dei loro alleati, prima di tutto quello della Russia».

Mentre Barack Obama decideva di prolungare le sanzioni USA contro l’Iran, ritenuto ancora inaffidabile, Putin diceva quello che quasi tutti sospettano: «I riferimenti alle minacce nucleari iraniane e nordcoreane servono solo a mascherare i piani reali» di Washington.

Ma Putin rilancia e assicura che «la Russia svilupperà dei sistemi in grado di superare gli elementi della difesa antimissile. Lavoreremo anche sul sistema di difesa antimissile, ma in un primo tempo, come avevamo annunciato, c applicheremo ai sistemi di attacco che possono penetrare qualsiasi sistema di difesa  antimissile».  Poi Putin ha ordinato di metterein campoo un sistema di difesa aerea congiunto con l’Armenia nella regione del Caucaso e ha annunciato che un accordo ad hoc con l’Armenia sarà firmato dal ministero della difesa russo.

La cosa non piacerà sicuramente alla Turchia, nemica storica dell’Armenia e degli armeni e all’Arzebaigian, che vede allontanarsi Ancora di più la possibilità di tornare in possesso del Nagorno Karabak, la regione a maggioranza armena conquistata armi alla mano da Erevan e dichiaratasi indipendente, ma che di fatto fa parte dell’Armenia a tutti gli effetti.

Gli USA rispondono inviando i 12 primi caccia F15C Eagle nella base turca di Incirlik per proteggere lo spazio aereo turco dopo che il 3 ottobre uno dei Su-30   che bombardano lo Stato Islamico e le milizie anti-Assad in Siria aveva sconfinato – a dire il vero per pochi secondi – in Turchia.

Intanto il giornale russo Kommersant  scrive che il disastro dell’aereo russo precipitato in Sinai il 31 ottobre  ,che ha causato la morte di 224 persone, sarebbe la conseguenza di un tradimento all’interno dei servizi speciali egiziani.

Kommersant  che cita «fonti autorevoli» dell’apparato statale russo, dice che «i risultati delle perizie sui frammenti dell’aereo e i test chimici su eventuali tracce di materiale esplosivo  non saranno pronti prima di una settimana. Per ora, stando a fonti altolocate di strutture statali russe, c’è solo una cosa chiara: la catastrofe dell’aereo nel cielo sopra il Sinai è la conseguenza di un tradimento all’interno dei servizi speciali egiziani.  Qualunque cosa sia successa, è un loro grande fallimento». Kommersant  rivela che si stanno verificando le informazioni secondo cui «prima del decollo per motivi ignoti persone sconosciute avevano accesso all’aereo».

Mentre il riarmo russo e americano  e le scaramucce aumentano, oggi il premier (ed ex presidente) russo Dmitri Medvedev, in un’intervista a Rossiyskaya Gazeta, assume la parte del poliziotto buono che getta acqua sul fuoco che potrebbe diventare un olocausto nucleare: «Una guerra fredda è assolutamente da escludere, nel XXI secolo, benché le relazioni con alcuni Stati occidentali siano abbastanza tese. Malgrado il deterioramento delle relazioni della Russia con alcuni Paesi, non è ragionevole applicare il termine “guerra fredda” alla situazione che domina attualmente nell’arena politica. Non si tratta di impiegare dei termini, ma di comprendere che  tutti i leader, tutti i comandanti in capo, – sia il presidente, sia il primo ministro –  si rendono perfettamente conto della responsabilità che implicano tali decisioni. Penso che un tale scenario sia impossibile nel XXI secolo. Il pianeta è sopravvissuto a tute le guerre mondiali. E’ del tutto evidente che niente di simile è ammissibile nemmeno come pensiero».

Sarà… ma di pensieri ed armi pericolose cominciano davvero a circolarne troppi.