La preview di Klimahouse Toscana 2014

Ristrutturare in efficienza, i costi si ripagano con risparmi e incentivi

[21 novembre 2013]

Molti fili rossi si nascondono, neanche tanto in profondità, sotto il mare di fango che le bombe d’acqua scaricano sulle nostre città, e una grande matassa di questi fili si riconduce al settore dell’edilizia. Quella arrogante, speculativa, che vive sui condoni e si trascina dietro disastri ogni volta che viene tirata giù dalla natura che vuol riprendersi i suoi spazi. Ma nell’edilizia c’è anche un altro volto, quello sano, che parla oggi di ristrutturazioni antisismiche e di efficienza energetica, e che si è ritagliato uno spazio divulgativo importante a Firenze con il convegno Ristrutturare in efficienza: i costi per un cantiere di qualità, organizzato da ANCE Firenze e dall’Agenzia Fiorentina per l’energia in collaborazione con CasaClima.

L’attenzione è stata rivolta non solo alla realizzazione di nuovi edifici a basso consumo energetico, ma anche al risanamento di quelli esistenti nell’ottica della riqualificazione energetica. Si è sottolineato come, ristrutturare in efficienza e nel rispetto dell’ambiente,  porti dei vantaggi anche da un punto di vista economico.

Sergio Gatteschi, amministratore unico di Agenzia Fiorentina per l’Energia, ha ricordato che «il convegno di oggi fa parte di un percorso più ampio, nato dalla convinzione che l’edilizia efficiente risponda alla necessità di migliorare l’ambiente e far ripartire il settore edile, non solo attraverso nuove costruzioni, ma anche e soprattutto attraverso le ristrutturazioni attuate nell’ottica della riqualificazione energetica. Investire in questo settore significa risparmiare sulle spese, aumentare il comfort interno e liberarsi da una dipendenza economica».

Infatti, i costi delle ristrutturazioni vengano ammortizzati in poco tempo, anche grazie al risparmio di energia e non solo agli incentivi statali, come ha mostrato Marzio Cacciamani, vice presidente di Ance Firenze. Il risanamento è da considerasi investimento che rende: «Dobbiamo allargare il concetto di efficienza energetica ad intere città e parlare di Smart City (città intelligenti). L’edilizia sostenibile – ha sottolineato –  è premiata anche dalla Comunità Europea che incentiva tutti quei un progetti volti a migliorare l’ambiente e la qualità della vita dei cittadini».