Trump rottama gli standard sui combustibili fossili di Obama

Gli ambientalisti: «Grande giorno per le Big Oil. Ci rimettono automobilisti e salute»

[16 marzo 2017]

Il presidente Usa Donald Trump  ha annunciato a Detroit la rottamazione degli standard federali di efficienza per i combustibili,  approvati nel 2012 dall’amministrazione di Barack Obama, e Sierra Club, la più grande e diffusa associazione ambientalista Usa, dice che  così  il presdente repubblicano ha saldato una promessa elettorale fatta all’industria petrolifera e che «Questo è un gran giorno per le Big Oil».

Il 13 gennaio, l’Envinromental protection agency (Epa) aveva aggiornato le sue decisioni sugli standard per i combustibili per il periodo 2022-2025. Una decisione presa dopo un’approfondita analisi, fatta da Epa, National highway traffic safety Administration e California air resources, dalla quale era emerso che gli standard previsti per il 2025 potevano essere rispettai con tecnologie note e avrebbero fatto risparmiare 1,7 milioni alla pompa agli automobilisti statunitensi. Negli Usa le auto rappresentano il 45% del consumo di petrolio totale e i trasporti producono il 37% dei gas serra sa, il Paese che consuma più petrolio e che inquina di più l’atmosfera.

Secondo il direttore esecutivo di Sierra Club, Michael Brune, «Gli storici standard sull’efficienza dei veicoli fissati dall’amministrazione Obama sono un comprovato successo con un ampio sostegno. Non solo le nostre auto e camion sono più efficienti rispetto al passato, ma le vendite di auto Usa ha raggiunto livelli record dal momento che tali garanzie sono state messe in atto. E ‘facile capire perché: tali norme aiutano a ripulire il nostro clima e vanno  beneficio dei nostri portafogli. Questi standard migliorano l’efficienza del carburante dei veicoli in tutte le classi, stimolando l’innovazione dei veicoli elettrici e altre tecnologie, tagliano l’utilizzo di petrolio, riducendo le emissioni e fanno risparmiare gli automobilisti. L’ordine esecutivo di Donald Trump è sconsiderato e mette in pericolo la salute e la sicurezza delle famiglie americane. La decisione presa da Trump è’ irritante e disgustosa: annullare lo standard 54,5 miglia per gallone non solo costerà 8.000 dollari alle famiglie americane, ma potrebbe peggiorare l’epidemia di asma che ogni giorno soffoca 6,3 milioni di bambini».

Sierra Club annuncia che non resterà a guardare e che avvierà un’azione legale e farà in modo che «Gli elettori combattano contro Trump ei suoi compari Big Polluting». :

Brune ricorda che «Quando furono proposti, i produttori di automobili denunciarono i regolamenti che richiedono le cinture di sicurezza, i convertitori catalitici, gli airbag e le crumple zones,  dicendo che le nuove regole li avrebbero messi fuori mercato. Ma, invece di andare in bancarotta, i produttori di automobili hanno continuato a crescere e sono state salvate innumerevoli vite. La storia continua con l’ultimo round sugli standard di efficienza del carburante:  mantenere le famiglie al sicuro, riducendo lo smog e l’inquinamento climatico. Dato che le auto sono grandi contributrici dell’inquinamento da carbonio, questo cambiamento ha contribuito a farci incamminare verso l’energia rinnovabile. Questi standard proteggono anche 24 milioni di americani con l’asma e hanno ridotto abbastanza lo smog da evitare decine di migliaia di morti premature. Anche le case automobilistiche hanno beneficiato di questo cambiamento, applicando gli standard ogni anno dal 2012, mentre le loro vendite hanno continuato a crescere. Ecco perché è così scandaloso che il presidente Trump stia progettando di rimettere indietro l’orologio. Stiamo anticipando una lunga lotta per difendere queste regole. Ma la scienza e fatti sono dalla nostra parte: inoltre, gli americani sostengono queste regole con un ampio margine. Dato che l’opinione pubblica è dalla nostra parte, stiamo già lavorando per fare in modo che il Congresso non permetta questo testacoda delle Big Oil».

Per Rhea Suh, presidente del Natural resources defense council, «Con questo annuncio, Trump e il negazionista climatico amministratore dell’Epa hanno ceduto alle pressioni di case automobilistiche e dell’industria petrolifera  e inviano innegabilmente il messaggio che proseguiranno nell’escalation del loro assalto alle nostre leggi e ad anni di progressi climatici e ambientali»

La Suh evidenzia che «Questo attacco alle norme delle auto pulite è solo l’ultima salva dell’attacco che il presidente Trump ha lanciato ai  nostri progressi climatici e all’Epa. Trump e Pruitt sono anche pronti a tagliare del 24% il bilancio dell’Epa e tagliare un componente su 5 dello staff dell’Epa. E stanno mettendo nelle posizioni di vertice dell’Epa  negazionisti climatici e amici dell’industria dei combustibili fossili».

Ancl’Nrdc promette battaglia e chiede ai suoi alleati nel Congresso di  opporsi fortemente a qualsiasi attacco all’ambiente, al clima e alla salute degli americani.

Rhea Suh conclude: «Se Trump e Pruitt riusciranno nel loro forcing  per attuare la loro sconsiderata agenda pro-inquinatori, l’impatto sul nostro ambiente e il nostro clima potrebbe essere a dir poco catastrofico. Più smog, più tempeste gravi  e temperature alle stelle, più sostanze chimiche velenose scaricate nella nostra acqua potabilee un mare senza fine di pesticidi tossici che uccidono le nostre api e gli altri impollinatori, mettendo il nostro approvvigionamento alimentare in grave pericolo. Ho una notizia per loro: non staremo n silenzio. Non saremo compiacenti. Abbiamo lottato duramente per le vittorie che abbiamo ottenuto ed ora  combatteremo ancora di più per proteggerle».