La campagna elettorale del Partito Verde Europeo parte da Berlino e punta all’Italia

In Italia una lista aperta e plurale guidata da un’Onda Rosa, contro la minaccia nazionalista e reazionaria

[16 novembre 2018]

Oggi a Bruxelles  i due co-presidenti del Partito Verde Europeo, Monica Frassoni e Reinhard Bütikofer, hanno annunciato che il 29° Consiglio dei Verdi Europei  si terrà dal 23 al 25 novembre a Berlino e 400 delegati da 35 Paesi eleggeranno i due capilista europei e candidati alla presidenza della Commissione Ue, voteranno sul manifesto – il programma politico per le Europee – e «adotteranno le 12 priorità per ridisegnare e rilanciare il sogno europeo, in tempi di cambiamenti climatici dalle conseguenze sempre più devastanti e aumento della minaccia nazionalista e reazionaria».

Frassoni e Bütikofer  hanno sottolineato: «Noi pensiamo di essere una risposta e una alternativa sia ai partiti dello status quo che ai sovranisti e sempre più elettori ed elettrici se ne rendono conto: contiamo con le nostre proposte e i nostri candidati/e di rafforzare l’Onda Verde in Europa. Da Berlino iniziamo la nostra campagna elettorale per le elezioni europee del 2019, che sono le più importanti nella storia dell’Ue. L’Onda Verde non dipende dal meteo ballerino, ma è il risultato di proposte solide, rappresentanze credibili; può favorire il cambiamento di rotta indispensabile nelle politiche e nel funzionamento della Ue per respingere le forze illiberali e xenofobe che sono da sempre anche eco-scettiche. Intendiamo giocare un ruolo rilevante in questa battaglia non solo al Parlamento europeo, in Germania o nei paesi del Nord, ma anche in Italia».

E, proprio per quanto riguarda il nostro Paese, Monica Frassoni ha precisato la strategia del Green Party: «Insieme ai Verdi Italiani e ad altri soggetti e associazioni, stiamo attivamente lavorando a un progetto per le elezioni europee che consenta all’Onda Verde di affermarsi anche in Italia, attraverso una lista aperta e plurale guidata da un’Onda Rosa: una lista ecologista, europeista, femminista, centrata su giustizia sociale e diritti. Il percorso per la sua organizzazione è già iniziato e il Congresso dei Verdi Italiani previsto a Chianciano il 1 e 2 dicembre ne sarà una tappa importante».

La co-presedente del Partito Verde Europeo ha  annunciato che «E’ partita anche una iniziativa europea sulla tassazione ecologica, promossa con Marco Cappato attraverso la piattaforma Tilt!; il 28 novembre, a due giorni dall’inizio in Polonia di un altro round di negoziati globali sulla messa in atto dell’accordo di Parigi sul clima, ci ritroveremo a Roma in un incontro, organizzato dall’eurodeputato dei Verdi Marco Affronte con i partner politici e associativi con cui abbiamo iniziato questo percorso, a parlare degli effetti del clima sregolato in Italia e di cosa è necessario fare per fermarli».