Trump: gli Usa si ritireranno dalla Trans-Pacific Partnership. Abe: «Così la Tpp non ha senso»

Fine annunciata anche per il Ttip con l’Unione europea?

[22 novembre 2016]

trump-land

Il presidente Usa eletto, Donald Trump ha annunciato ieri che  appena entrerà alla Casa Bianca ritirerà gli Stati Uniti d’America dalla Trans-Pacific Partnership (Tpp) e in un video in cui ha svelato il suo programma dei primi 100 giorni, ha assicurato: «Pubblicherò una nota di intenti di ritiro dal Tpp, un disastro potenziale per il nostro Paese». Trump ha aggiunto che «Al posto del Tpp negozieremo dei trattati commerciali bilaterali giusti che riporteranno i posti di lavoro e l’industria sul suolo americano».

Trump nel video affronta anche temi comwe l’energia<, i regolamenti, la sicurezza nazionale e la riforma delle norme etiche».

La  Trans-Pacific Partnership puntava ad eliminare  gli ostacoli al commercio tra i suoi 12 firmatari, commercio tra i suoi 12 firmatari, che insieme rappresentano il 40 per cento dell’economia mondiale: Australia, Brunei, Canada, Cile, Giappone, Malaysia, Messico, Nuova Zelanda, Perù, Singapore, Usa e Vietnam. Durante la sua campagna presidenziale, Trump ha più volte criticato non solo il Tpp ma anche il  Transatlantic trade and investment partnership (Ttip) tra Usa e Unione europea, già in grande difficoltà per le perplessità della Francia e che sembra destinato a fare la stessa fine del Tpp, con grande gioia dei movimenti sociali, dei sindacati e delle associazioni ambientaliste statunitensi ed europei che si sono sempre fermamente opposti alla sua approvazione.

Se Trump ha fatto “qualcosa di sinistra” ha deluso fortemente il primo ministro liberaldemocratico giapponese Shinzo Abe , che ha detto in una conferenza stampa a Buenos Aires, in Argentina, che «La Trans-Pacific Partnership non ha senso se gli Stati Uniti non partecipano. Il ritiro degli Stati Uniti distrugge l’equilibrio di base».

Abe aveva cercato di convincere Trump a restare nel Tpp durante un incontro avuto con lui il 17 novembre, e i leader degli Stati membri Tpp hanno riaffermato il loro impegno verso il Tpp durante il loro meeting a margine del vertice dell’Asia-Pacific Economic Cooperation (Apec) a Lima, in Perù, ma niente di tutto questo è servito a far recedere Donald Trump dalla sua decisione che conferma che fa molto sul serio per quanto riguarda il promesso neo-isolazionismo Usa.