Toscana regione più premiata, all’Isola d’Elba la migliore esperienza collettiva

Gli Oscar del Turismo sostenibile: le 41 strutture italiane al top della qualità ambientale

[14 febbraio 2014]

Sono 41 le strutture ricettive (hotel, relais, agriturismi, B&B, alberghi, camping, stabilimenti balneari e ristoranti) che si aggiudicano l’Oscar dell’ecoturismo 2013, il premio assegnato oggi alla Borsa Internazionale del Turismo (Bit) a Milano da Legambiente alle migliori aziende turistiche affiliate all’etichetta Legambiente TurismoBellezzaNatura

«Siamo orgogliosi – ha detto la direttrice generale di Legambiente Rossella Muroni – di assegnare, anche quest’anno all’interno della fiera più importante e prestigiosa del settore, questi premi speciali che riconoscono l’impegno e i risultati di operatori turistici innovativi che hanno fatto della sostenibilità e qualità ambientale un segno distintivo. Sono aziende che rappresentano al meglio l’Italia che guarda avanti e contrasta la crisi scommettendo sulla green economy, investendo nelle fonti pulite e le nuove tecnologie per il risparmio energetico, il recupero e il riciclo dei materiali. Operatori che oltre a salvaguardare l’ambiente curano il rapporto con il territorio e la natura, diffondono cultura, storia, arte e tradizioni e offrono il miglior Made in Italy agroalimentare. Tutto questo rappresenta un laboratorio imprenditoriale innovativo e fortemente legato al territorio, è il modo di fare che piace a Legambiente e che crediamo debba diventare sempre di più un modello per il rilancio del sistema turistico italiano».

Il Cigno Verde ha selezionato gli “Oscar” tra le quasi 400 strutture affiliate all’etichetta Legambiente TurismoBellezzaNatura, che hanno superato brillantemente i controlli che l’associazione effettua annualmente sull’applicazione dei disciplinari che determinano il rilascio dell’etichetta: una serie di misure obbligatorie e facoltative che vanno dall’uso delle fonti rinnovabili e dei sistemi di risparmio energetico, alla gestione dei rifiuti e dell’acqua fino alla qualità del cibo, le attività didattiche, l’accessibilità, la promozione del territorio e delle forme di mobilità dolce.

I premi sono stati suddivisi in 6 categorie: Ottima gestione ambientale, Amici del Clima, Ambasciatori del biologico, Impegno Sociale, Migliore esperienza collettiva e quella dedicata al Decalogo, che riunisce e riassume le principali buone pratiche su rifiuti, acqua, alimentazione, educazione ambientale, promozione culturale, alimentazione e impegno sociale.

Tra le novità di quest’anno c’è l’Oscar per la Migliore esperienza collettiva che è andato al gruppo di eco-alberghi dell’Isola d’Elba: 21 alberghi e due camping che, oltre ad aver perseguito gli obiettivi definiti dall’etichetta, hanno lavorato con costanza e sinergia a favore di un turismo sostenibile e di qualità e per la valorizzazione delle bellezze naturalistiche dell’Isola.

Angelo Gentili, responsabile nazionale turismo di Legambiente, ha sottolineato che «Proprio l’esperienza dell’Isola d’Elba, nel Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano dimostra quanto la collaborazione tra operatori, la qualificazione ambientale e la valorizzazione delle risorse del territorio possano migliorare l’offerta e permettere di raggiungere risultati importanti. Basti pensare che lo scorso anno, a fronte di un calo del 10% di presenze nazionali sull’isola, c’è stata una crescita di ben il 15% di presenze provenienti dall’estero. Ciò significa che seguire un percorso verso una maggiore sostenibilità ambientale e mettersi in rete, sono scelte vincenti in questo settore dove, di anno in anno, vediamo crescere la domanda di qualità e la sensibilità ambientale da parte di sempre più turisti, soprattutto stranieri, interessati non solo a visitare il nostro Paese ma a scoprirne e conoscerne la vera ricchezza che risiede nella bellezza diffusa ovunque, nel paesaggio, nella natura, nei parchi, nell’arte ma anche nella gastronomia e nelle produzioni artigianali».

Se la Toscana, con 7 strutture da Oscar e il premio per la Migliore esperienza collettiva guida la classifica,   vanno bene anche Emilia Romagna, Marche, Piemonte, Lombardia, Liguria, Campania, Sardegna, Lazio, Puglia e Friuli Venezia Giulia ed dalla Bit Legambiente rilancia e invita a partecipare alla nuova edizione del premio Talento italiano per il turismo, promosso dalla “casa virtuale” dei viaggi in Italia, Talenti italiani. Un riconoscimento nato per valorizzare e diffondere forme di turismo dolce, che non impatta sui territori ma ne valorizza le peculiarità ed eccellenze. I progetti di giovani, imprese turistiche e persone, le idee e le segnalazioni su luoghi e strutture possono essere inviati fino al 31 marzo 2014 seguendo il regolamento e compilando la scheda di adesione disponibili su www.talentiitaliani.it

Il Cigno Verde non dimentica la formazione e ricorda la partenza del nuovo ciclo dell’Alta Scuola di Turismo Ambientale Asta creata insieme al Parco Nazionale delle Cinque Terre, Vivilitalia, i Comuni del Parco e altri partner tra cui l’Università Luiss Guido Carli di Roma, AITR e Federparchi, per formare operatori esperti, non solo del territorio ma anche delle dinamiche complesse che investono gli aspetti ambientali della ricettività (maggiori info su www.vivilitalia.it)

Ecco tutti  gli Oscar dell’ecoturismo 2013:

Ottima Gestione ambientale (6): Ostello del Conte Rosso – Avigliana (TO), Planetario e Osservatorio G. Giacomotti – Cecima (PV), l’Hotel San Pietro Palace –  Finale Ligure (SV), Orbetello Camping Village – Orbetello (GR), Bagno Eugenia – Lido di Camaiore (LU), Bio Midori Oriental Suite – Roma.

Amici del Clima (11): Hotel Continental Bologna  – Zola Pedrosa (BO) ; B&B LesGomines -San Vigilio di Marebbe (BZ) ; Acanto Country House – Sirolo (AN); Camping Adriano  – Punta Marina Terme (RA) ; Hotel Su Marmuri – Ulassai (OG); Agriturismo Il Cavicchio  – Loc. Rastignano – Pianoro (BO); Podere Scopicciolo – Casole d’Elsa – Volterra (PI) ; Fattoria l’Alpenice – Savignano sul Panaro (MO); B&B Giardino di Tonia  – Torre Annunziata (NA); Hotel International  – Senigallia (AN); Resort Baia del Silenzio – Palinuro (SA)

Ambasciatori del Biologico (13): Agriturismo Il Gumo – Varese Ligure (SP); Agriturismo Fiorano  – Cossignano (AP); Agriturismo Preggio – Umbertide (PG); Agriturismo Le Mole sul Farfa  – Mompeo (RT) ; Agriturismo Fattoria Sant’Anna  – Laureana di Borrello (RC); Relais del Colle – Ripatransone (AP); Airone Country House – Osimo (AN); Agriturismo Il Duchesco  – Alberese (GR); Agriturismo Cascina Clarabella  – Iseo (BS) ; Azienda Agricola Terra di Vento  – Montecorvino Pugliano (SA) ; Azienda Agricola Emilia D’Urso – Toritto (BA); Masseria Bellolio – Carovigno (BR); Agriturismo La Ginestra – Gubbio (PG)

Decalogo (9): Riutilizzo delle materie seconde  Hotel Villa Rosa – Cesenatico (FC) Risparmio Idrico Camping Duca Amedeo  – Martinsicuro (TE); Gastronomia Tipica Panificio e Gastronomia Quattro Passi  – Torre Annunziata (NA); Promozione dei beni naturali  e culturali del territorio  Albergo Pietrasanta – Pietrasanta (LU); Camping Marecchia  – Pennabilli (RN); Educazione Ambientale Club Village&Hotel Spiaggia Romea  – Lido delle nazioni (FE), Bio B&B La Fanciullaccia – Santo Pietro Belvedere  (PI); Alimentazione Sana Ristorante Colpa d’Alfredo – Rovereto di Ostellato (FE);

Impegno Sociale (1): Albergo Diffuso“Il Grop” – Ovaro (UD)

Migliore esperienza collettiva (1): Gruppo eco alberghi Isola d’Elba