Goletta Verde: bandiera nera a Salerno

L’insostenibile Grande Progetto contro l’erosione costiera

[3 luglio 2014]

Goletta Verde ha consegnato oggi la prima bandiera nera dei pirati del mare del 2014 al Grande Progetto “Interventi di difesa e ripascimento del litorale del Golfo di Salerno”, un’opera che dovrebbe contrastare l’erosione costiera me  che secondo gli ambientalisti è «Non solo di dubbia efficacia, ma anche particolarmente costosa: si rischia così di sprecare settanta milioni di euro di fondi europei per un intervento che non solo potrebbe rivelarsi inadeguato a contrastare i fenomeni erosivi, ma potrebbe addirittura compromettere ulteriormente un litorale che è già vulnerato dalla mancata depurazione degli scarichi».

Stamattina i rappresentanti di Goletta Verde di Legambiente hanno cercato di consegnare la poco ambita bandiera nera al presidente della Provincia di Salerno, ma  nessuno dei rappresentanti istituzionali dell’ente ha ricevuto gli ambientalisti che quindi hanno provocatoriamente consegnato all’ufficio protocollo un plico contenente una lettera e il vessillo.  Legambiente chiede di «Rivedere il progetto per renderlo effettivamente efficace nel contrasto dei processi erosivi, coerente con le politiche comunitarie di Gestione Integrata delle Zone Costiere e soprattutto sostenibile in quanto interessante un territorio di eccezionale pregio naturalistico, paesaggistico e storico-culturale».

Il poco ambito vessillo, assegnato da Legambiente a chi si è particolarmente distinto per azioni contro il mare e le coste italiane, è stato comunque esposto nella piazza davanti alla sede della Provincia insieme algli striscioni “Ce vergogna” e “Giù le mani dalla Costa”. Durante un blitz al quale hanno partecipato sia i volontari di Legambiente che i cittadini e rappresentanti di altre associazioni riunite nel Comitato Rinascimare, nato proprio per contrastare la scelta del Grande Progetto “Interventi di difesa e ripascimento del litorale del Golfo di Salerno”.

Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente, spiega: «Parliamo di un’opera insostenibile e inefficace. Per questo Legambiente consegna la bandiera nera alla Provincia di Salerno per il Grande Progetto del litorale, condividendo le obiezioni espresse dall’Autorità di Bacino competente e dal Gruppo di Coordinamento Regionale Ostreopsis ovata. Un investimento di 70 milioni di euro a valere sui fondi comunitari che riguarda oltre 30 km di litorale dei comuni di Pontecagnano, Battipaglia, Eboli, Capaccio e Agropoli. Un progetto che dovrebbe risolvere il problema dell’arretramento degli arenili con la realizzazione di 45 pennelli, imponenti scogliere in parte sommerse, che dalla riva si proiettano al largo per circa 150 metri, e una serie di celle costituite da altri 19 pennelli chiusi in testa da barriere parallele alla costa per un tratto di circa 4 km. Nonostante sia stata palesata l’inadeguatezza dell’intervento, il rischio di determinare significativi impatti ambientali e l’esistenza di alternative più efficaci e sostenibili, la Provincia ha ritenuto di procedere ugualmente e, dopo una battuta d’arresto iniziale in fase di Valutazione di Impatto Ambientale, alla fine è pervenuto il parere favorevole della Commissione regionale. Noi siamo assolutamente concordi sulla difesa della costa, ma non possiamo permetterci di sprecare i 70 milioni di euro disponibili con la realizzazione di questo progetto».

Alla Provincia di Salerno il Cigno Verde chiede di «Rivedere il progetto per renderlo effettivamente efficace nel contrasto dei processi erosivi, coerente con le politiche comunitarie di Gestione Integrata delle Zone Costiere e soprattutto sostenibile in quanto interessante un territorio di eccezionale pregio naturalistico, paesaggistico e storico-culturale».

Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania, sottolinea che «Ci sono ben altri modi per tutelare le nostre coste evitando di sprecare 70 milioni di euro in progetti che la comunità scientifica ritiene ormai obsoleti. È ora di mostrare un volto del Mezzogiorno sereno e pulito, che ripone le proprie speranze nelle buone pratiche di gestione del territorio e nello sviluppo di un turismo responsabile. Facciamo dunque appello all’amministrazione provinciale e a quelle locali affinché la restituzione della bellezza dei luoghi diventi una priorità da tutti condivisa e si traduca in politiche virtuose».

Progetti ed azioni che Legambiente ha già messo nero su bianco nel progetto “L’Altro Mare” per la promozione e valorizzazione dell’area protetta dell’Oasi Dunale di Torre di Mare, che è stato consegnato la scorsa settimana al Comune di Capaccio durante FestAmbiente Paestumanità. Si tratta di un progetto nato dall’azione di volontariato di Legambiente a Paestum, approvato dalle Soprintendenze archeologica e paesaggistica, dalla Regione Campania, dalla Comunità Montana Calore Salernitano, dalla Riserva fluviale Foce Sele-Tanagro, che prevede il recupero di circa 15 ettari tra pineta, dune e spiaggia e il ripristino della macchia mediterranea con piante come il ginepro e il mirto.