Il decreto Competitività cancella la nuova disciplina sull’inquinamento acustico degli edifici

[22 agosto 2014]

Con la legge di conversione del dl Competitività scompare la nuova disciplina sui requisiti acustici degli edifici. L’articolo 12-bis è stato soppresso così come lo è stato il 12-ter in materia di inquinamento acustico, delle aviosuperfici, degli eliporti e dei luoghi in cui si svolgono attività sportive di discipline olimpiche in forma stabile.

La disciplina sui requisiti acustici degli edifici è stata dettata al fine di disporre, in particolare, l’obbligo per gli edifici in cui sia rilevato in via giudiziaria il mancato rispetto dei valori limite dettati dalla normativa, di effettuare il risanamento. Un risanamento da effettuare attraverso appropriati interventi tecnici di adeguamento, al fine di rendere la destinazione degli Un risanamento da effettuare da parte del costruttore o del venditore dell’immobile oppure l’acquirente previa “totale copertura finanziaria da parte del costruttore o venditore”.

Inoltre il dl ha introdotto, ai fini dell’accertamento strumentale del rispetto dei valori limite di legge una tolleranza di 3 dB (decibel). Una misura, questa, che non appare tanto piccola in quanto significa un dimezzamento del potere fonoisolante.

Comunque sia tale disciplina che comunque non avrebbe inciso sulla validità del DPCM 5/12/1997 in sede amministrativa, che avrebbe potuto modificare sostanzialmente lo scenario attuale in tema di contenzioso tra privati è stata eliminata lasciando inalterato il quadro normativo in vigore.

Così come rimane tale quale la situazione in materia di inquinamento acustico. Perché l’articolo 12-ter è stato eliminato. L’articolo in questione, cercava di modificare diverse disposizioni in materia di inquinamento acustico al fine di prevedere, l’applicazione di tali disposizioni anche alle attività degli eliporti. Così come cercava di modificare le norme riguardanti le emissioni sonore prodotte dalle attività riguardanti le aviosuperfici e i luoghi in cui si svolgono attività sportive di discipline olimpiche in forma stabile.