Elba, Marciana Marina: schiuma sulla Bandiera Blu del cosiddetto “approdo turistico” [PHOTOGALLERY]

[23 luglio 2013]

Nella tarda serata del 22 luglio, nello specchio acque all’interno del porto di Marciana Marina, davanti alla spiaggia del “Capitanino”, è stato visto e fotografato abbondante materiale schiumoso e diverse persone si sono rivolte immediatamente a Legambiente per capire cosa stesse succedendo.

Il Cigno Verde, come fa abitualmente, ha inviato immediatamente una segnalazione alle autorità interessate, in questo caso il Comune, e per conoscenza alla Capitaneria di Porto e all’Asa.

Nell’email inviata al sindaco Andrea Ciumei si legge: «Cittadini e turisti ci hanno segnalato che, intorno alle 20,30, nell’area portuale  “bandiera Blu” per un cosiddetto approdo turistico,  di fronte alla spiaggia detta del “Capitanino”, dove esisterebbe un divieto di balneazione  che viene tranquillamente ignorato, a pochi metri da troppi pieni fognari, si è verificato lo spiaggiamento in più punti di materiale schiumoso ed a tratti molto spesso, come mostrano le foto allegate inviateci».

La punta polemica di Legambiente riguarda il fatto che la Foundation for Environmental Education (Fee) conceda da diversi anni la Bandiera Blu ad un approdo che non esiste, visto che il Comune non è ancora dotato di Piano regolatore portuale, e nel quale le carenze ambientali e strutturali rispetto ai requisiti richiesti per ottenere il riconoscimento sono evidenti.

Gli ambientalisti chiedono quindi al sindaco che «Vengano determinate la provenienza e le cause di un inquinamento molto vistoso, apparentemente contenente anche sostanze “grasse”, in piena stagione turistica e sul frequentato lungomare di Marciana Marina, davanti a bar, negozi e ad un albergo».