L'emergenza rientrata nella norma grazie ad un intervento tecnico

Elba, sversamenti dal più grande depuratore dell’isola. La denuncia della Forestale

[28 luglio 2014]

In un comunicato del Corpo Forestale dello Stato – Coordinamento Territoriale dell’Arcipelago Toscano, si legge che «il personale del Corpo forestale dello Stato del Comando Stazione di Marciana Marina è intervenuto in località Lentisco, nel Comune di Campo nell’Elba, per verificare una segnalazione riguardante lo sversamento di reflui nei terreni limitrofi al depuratore comunale in gestione a una società privata».

Si tratta del più grosso depuratore attualmente funzionante all’isola d’Elba, visto che è in grado di trattare reflui di 25.000 abitanti equivalenti. A giugno i tecnici di Goletta Verde segnalarono dati fuori norma nei prelievi eseguiti in località La Foce, ma non sarebbero in relazione con quanto denunciato dal Cfs al Lentisco, visto che il depuratore  scarica dall’altra parte del Golfo di Marina di Campo e che gli stessi ambientalisti dissero che probabilmente si trattava probabilmente di scarichi privati non allacciati.

Dopo vari sopralluoghi eseguiti subito dopo la segnalazione e successivamente, anche con la presenza del personale dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana (Arpat), dell’ufficio tecnico del Comune di Campo nell’Elba o tecnico comunale e della società gestore del servizio, l’Asa,  il Corpo forestale dello Stato «Ha potuto accertare che a causa di una attività non corretta è avvenuto uno sversamento incontrollato di acqua e reflui provenienti da una delle vasche dell’impianto, sostanze poi disperse lungo i canali di scolo e sul terreno di proprietà di privati».

Il Corpo forestale dello Stato ha quindi individuato rapidamente i motivi dello sversamento al Lentisco, cosa che successivamente ha permesso di risolvere il problema  con un intervento tecnico.

La nata del Cfs sottolina che «La Società gestore del servizio si è prontamente attività mettendo in atto l’intervento previsto dalla normativa vigente per la necessaria bonifica dei luoghi».

Comunque il Corpo forestale dello Stato ha proceduto alla denuncia di due persone all’Autorità Giudiziaria per la violazione degli articoli 192 e 256 del D.Lvo 152/06 e attualmente sta proseguendo nelle attività d’indagini a seguito degli incarichi conferiti dalla Procura della Repubblica di Livorno.