Legambiente: «Il deficit depurativo non risparmia nessuna provincia. Sono anni che denunciamo le criticità già finite più volte nel mirino dell’Ue. È tempo di passare dalle parole ai fatti»

Goletta Verde: in Campania, cariche batteriche elevate per metà dei campioni analizzati

Maglia nera per le foci di Irno, Savone, Sarno e canale di Licola, “fortemente inquinati” per l’ottavo anno consecutivo

[11 luglio 2017]

E’ una fotografia a tinte fosche quella scattata da Goletta Verde sul litorale della Campania che continua  a subire la minaccia della mancata depurazione: «Su 30 punti monitorati 16 presentavano cariche batteriche elevate». Nel mirino ci sono sempre canali, foci di fiumi e torrenti che continuano a riversare in mare scarichi non adeguatamente depurati e il Cigno Verde  ricorda che si tratta di  «Una situazione non più tollerabile che rischia di compromettere una delle maggiori risorse di questa regione. Per questo Legambiente chiede che la carenza depurativa e l’attuazione del servizio idrico integrato in generale diventi davvero la priorità del neo istituito Ente Idrico Campano, al cui capo è posto un Comitato Esecutivo costituito da 20 Amministratori dei comuni campani».

Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente, ha ribadito che «Il nostro monitoraggio non vuole sostituirsi ai controlli ufficiali, ma punta a scovare le criticità ancora presenti nei sistemi depurativi regionali per porre rimedio all’inquinamento dei nostri mari Una fotografia che anche quest’anno è a tinte fosche per molte aree della Campania. Parliamo non a caso di malati cronici, situazioni critiche che segnaliamo addirittura da otto anni, ma per le quali evidentemente nulla è stato fatto. Un problema, quello della cattiva depurazione che affligge purtroppo tantissime zone dell’Italia, visto che nel nostro Paese circa il 25% delle acque di fognatura viene scaricato in mare, nei laghi e nei fiumi senza essere opportunamente depurato, nonostante siano passati oltre dieci anni dal termine ultimo che l’Unione Europea ci aveva imposto per mettere a norma i sistemi fognari e depurativi. Ritardi che si ripercuoto anche sulle tasche dei cittadini, visto che le inadempienze dell’Italia nell’attuazione della direttiva comunitaria hanno portato a procedure di infrazione, in alcuni casi seguite da condanne che si tramutano in multe salatissime. Solo in Campania ci sono ad esempio 106 agglomerati urbani in procedura d’infrazione e 10 già condannati, a dimostrazione che le criticità sono note da tempo».

Ecco in dettaglio i ridultati  del  monitoraggio eseguito dalla squadra di tecnici di Goletta Verde tra il 26 e il 30 giugno 2017 in Campania:

In provincia di Caserta, risultati fortemente inquinati tre punti su tre: alla foce Fiumarella, presso il lungomare Vespucci e alla foce del torrente Savone, entrambi nel comune di Mondragone; e alla foce dei Regi Lagni a Castelvolturno.

In provincia di Napoli sono stati monitorati 16 punti in totale, di questi 5 sono stati giudicati fortemente inquinati. Nella città capoluogo c’è da segnalare la situazione di Mappatella beach sul lungomare Caracciolo: i tecnici di Goletta Verde, così come lo scorso anno, hanno evidenziato cariche batteriche elevate, e un giudizio di fortemente inquinato, nel prelievo effettuato presso la foce del canale (dove al momento del prelievo, la presenza di bagnanti, compresi i bambini, è comunque elevata). Inquinanti che rientrano nei limiti di legge, invece, spostandosi poco più distante nei pressi della spiaggia di Mappatella beach. Sempre a Napoli fortemente inquinato è risultato il campionamento alla spiaggia nei pressi della foce dell’alveo Volla a San Giovanni a Teduccio. Stesso giudizio alla foce del canale di Licola a Pozzuoli e alla foce del fiume Sarno tra Torre Annunziata e Castellamare di Stabia.

In provincia di Salerno sono stati effettuati un totale di 11 campionamenti, nove dei quali risultati con concentrazioni di inquinanti oltre i limiti di legge. Per sette di questi il giudizio è di fortemente inquinato: alla foce del fiume Irno a Salerno; alla foce del Tusciano a Battipaglia; allo sbocco del canale di scarico presso Marina di Eboli; alla foce del rio nei pressi di via Posidonia a Laura di Capaccio; alla foce del fiume Picentino tra Salerno e Pontecagnano; alla foce del torrente Asa a Pontecagnano Faiano; alla foce del fiume Bussento a Policastro Bussentino (Santa Marina). Giudicati inquinati i campioni analizzati alla foce del fiume Solofrone tra Capaccio e Agropoli e alla foce Capo di Fiume in località Torre di Paestum – Licinella.

Secondo Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania, «E’ ormai tempo di passare dalle parole ai fatti Ogni anno, purtroppo, il viaggio di Goletta Verde in Campania racconta della bellezza e dell’inferno e delle grandi contraddizioni di questa regione. Noi, nonostante questo, continuiamo a credere e lottare per quella Campania virtuosa, quella che già puntando su innovazione, bellezza e sostenibilità come dimostrano i dati della nostra Guida Blu. Tutto ciò però non basta più. La Regione Campania ha di fronte una sfida che non può perdere se davvero si vuole immaginare uno sviluppo diverso per questo territorio sia dal punto di vista ambientale che economico e culturale».

Anche i dati Arpac relativi ai controlli analitici svolti nel 2016 sulle acque in uscita dagli impianti di depurazione, sebbene non realizzati su tutti gli impianti e in numero adeguato, evidenziano quanto sia critica la situazione. Su base regionale ben il 38% dei controlli è risultato “non conforme”, con punte di non conformità del 70% per gli impianti della provincia di Avellino e a seguire del 66% per quelli della provincia di Salerno, 52% per la provincia di Benevento, 27% per la provincia di Caserta e 22% per la provincia di Napoli. Scondo Giancarlo Chiavazzo, responsabile scientifico di Legambiente Campania, si tratta di «Dati che inesorabilmente attestano quanto sia elevato l’impatto sui fiumi, torrenti, canali e mare, per un inquinamento che si manifesta oltre che sotto forma di alterazione dei valori degli indicatori batterici (enterococchi fecali ed Escherichia coli), anche e soprattutto in termini di incremento dei nutrienti che favoriscono la proliferazione algale con la formazione di schiume e mucillagini e la colorazione anomala (verdastra, giallastra, marrone) delle acque di balneazione.  Dopo un anno e mezzo dalla legge Regionale sul riordino del servizio idrico integrato e l’istituzione dell’Ente Idrico Campano, atto fondamentale che avrebbe dovuto segnare una svolta nella riorganizzazione e anche nella risoluzione delle criticità dei servizi idrici di cui la depurazione è componente fondamentale si registrano ritardi nella costituzione degli organi dell’Ente Idrico Campano, che pertanto non risulta ancora operativo. Al momento i Commissari liquidatori dei vecchi Enti d’Ambito continuano ad assicurare l’adozione dei soli atti di ordinaria amministrazione necessari a garantire la continuità delle funzioni essenziali».

I bagnanti non se la passano bene neanche sul fronte dell’informazione: «La cartellonistica in spiaggia è ancora troppo scarsa, quasi inesistente anche qui in Campania – fa notare Legambiente – . Merce rara, anche se obbligatoria da tre anni per i comuni costieri: rispetto ai 30 punti campionati, i tecnici di Goletta Verde ne hanno avvistato solo due di questi cartelli che hanno la funzione di divulgare al pubblico la classe di qualità del mare (in base alla media dei prelievi degli ultimi 4 anni), i dati delle ultime analisi e le eventuali criticità della spiaggia stessa. Si tratta di un problema che non va minimamente sottovalutato, perché mette a rischio la stessa salute dei bagnanti. In molti punti giudicati critici dai tecnici di Goletta Verde, infatti, è stata registrata la presenza di bagnanti nel punto preso in esame o nelle immediate prossimità dello stesso».

Tema centrale di questa edizione di Goletta Verde è anche il rischio per inquinamento da marine litter. che mette in serio pericolo l’ambiente, la biodiversità marina ma anche la salute dei cittadini e la situaziione in Campania è davvero preoccupante: «Rispetto ai 30 punti monitorati, addirittura su 28 questi, i tecnici di Legambiente hanno evidenziato la presenza di rifiuti di tutti i generi. A farla da padrona è la plastica, presente nel 100% dei casi; segue il vetro, ma anche carta e rifiuti vari. In alcuni casi si tratta davvero di discariche a cielo: pneumatici, rifiuti ingombranti e addirittura cartucce di fucile».